Greenstyle Casa & Giardino Orto & giardino Giardinaggio Campanule: varietà e come coltivarle

Campanule: varietà e come coltivarle

Campanule: varietà e come coltivarle

Fonte immagine: Pixabay

Le campanule rappresentano uno dei fiori tardo-primaverili più amati da coltivare, grazie al loro intenso profumo e ai bellissimi petali di colore viola. Appariscente ma al contempo elegante, questa pianta si presta perfettamente a decorare sia giardini che balconi, data anche la facilità di crescita. Si tratta infatti di un esemplare rustico, capace di adattarsi pressoché su tutto lo Stivale. Ma quali sono i consigli per la migliore coltivazione della campanula?

Perfetti sia per vasi che per aiuole all’aria aperta, questi fiori non necessitano di particolare impegno affinché crescano rigogliosi. È però sempre utile valutare le caratteristiche climatiche del proprio luogo di residenza, chiedendo anche consiglio al proprio fornitore di prodotti di botanica di fiducia.

Per chi fosse alla ricerca di semi di Campanula poscharskyana, Amazon offre una soluzione al prezzo consigliato – soggetto a variazioni – di 3.59 euro. Qui per acquistare.

Campanula: le caratteristiche

Campanule viola

Quando si parla di campanule, ci si riferisce genericamente a un gruppo molto nutrito di piante appartenenti alle Campanulaceae. Questi esemplari hanno tutti una caratteristica in comune – ovvero il tipico fiore a forma di campana, generalmente di colore viola – ma possono differire anche largamente in fatto di dimensioni, grandezza dell’arbusto e molto altro ancora.

In linea generale, si tratta di piante dal ciclo di vita annuale o biennale, anche se non mancano delle varietà praticamente sempreverdi. In altre parole, queste tipologie possono sopravvivere in giardino per anni, anche se la fioritura sarà quasi sempre concomitante con la bella stagione.

Le campanule presentano un fusto sottile ed esile, dal quale spuntano delle piccole foglie dentellate di intenso colore verde, dal profilo ovale. I fiori sono invece penduli, di dimensioni comprese tra i due e i cinque centimetri, e la colorazione più diffusa è quella violacea.

Non mancano però moltissime alternative, con campanule bianche, rosa, lilla, fucsia oppure blu. Ma tra le tante di varietà disponibili, quali coltivare?

Per chi fosse alla ricerca di semi di campanule californiane, Amazon offre questa soluzione al prezzo consigliato – soggetto a variazioni – di 11.95 euro. Qui per acquistare.

Varietà principali di campanula

Campanule

Sono centinaia le varietà di campanula oggi conosciute. Molte crescono spontaneamente, altre sono invece degli ibridi destinati alla coltivazione in vaso oppure in giardino. Ma fra le tante, quali preferire? Ecco le più gettonate:

  • Campanula Isophylla: è la più diffusa sullo Stivale, poiché cresce pressoché ovunque, anche sulle aree montane. Si caratterizza per altezze ridotte, non più di venti centimetri e per piccoli fiori tra il viola e il blu. Per la coltivazione domestica, vengono scelte delle ibridazioni sia per il vaso che per il giardino;
  • Campanula Grandiflora: tra le più apprezzate per la crescita in vaso, si caratterizza per fusti alti anche 60 centimetri e fiori vistosi, di lunghezza non inferiore ai 4-5 centimetri. Non a caso, è una delle più diffuse proprio sui balconi e nei giardini;
  • Campanula Percisifolia: è tra le più alte varietà, con fusti che sfiorano il metro d’altezza, e si caratterizza per dei fiori molto eleganti. Pur essendo penduli, questi ultimi rimangono lievemente sollevati, permettendo di ammirare anche la porzione interna dei petali. Per balconi e giardini si ricorre ad alcune ibridazioni, che permettono di ottenere fiori bianchi e viola alternati sulla medesima pianta;
  • Campanula Carpatica: ideale per chi fosse alla ricerca di fiori non troppo vistosi, si presenta con fusti non più alti di 60 centimetri e piccole e graziose inflorescenze. È perenne, quindi la coltivazione in vaso può garantire parecchi anni di fioriture.

Colori delle campanule: non solo viola

Campanula blu

Così come già accennato, le campanule – o campanelle, come chiamate nel linguaggio popolare – non sono disponibili unicamente nelle colorazioni del viola. Ma quali alternative scegliere per abbellire un balcone oppure un’aiuola?

  • Viola: tra le varietà di colore viola si rilevano la Campanula Carpatica, la Campanula garganica Dickinson’s Gold, la Campanula Glomerata Acaulis e la Campanula Appeal;
  • Blu: le più richieste campanelle blu sono la Campanula portenschlagiana Get Me Blue, la Campanula Barbata, la Campanula Sarastro, la Campanula Carpatica Blue Chips e la Campanula Addenda Blue Star;
  • Bianco: tra le candide campanelle, emergono la Campanula Alliariifolia, la Carpatica White Clips e la Latifolia Macranta Alba.

Nana, media o gigante: come scegliere?

Campanula nana

Questi fiori si suddividono anche per dimensioni, come visto nel paragrafo dedicato alle loro varietà. Ma come scegliere fra i tre gruppi più nutriti di esemplari?

  • Nana: è ideale per la coltivazione in vaso, soprattutto sui davanzali delle finestre. Con altezze non superiori ai 30 centimetri, non ingombra e non richiede grandi potature;
  • Media: è adatta a terrazzi e balconi, dove l’altezza massima di 60 centimetri non disturba la vista. Richiede ciclicamente delle potature;
  • Gigante: si tratta di varietà dedicate al pieno terreno, come in giardino, dove possono superare il metro d’altezza senza intoppi oppure ostacoli. Richiedono potature frequenti.

Coltivare le campanule

Campanule, sole

Così come già accennato, le campanule appartengono a una famiglia di piante rustiche, quindi facilmente adattabili alla variabilità climatica dello Stivale. Nonostante questa caratteristica, anche queste piante necessitano di alcune precise condizioni per poter crescere rigogliose e di specifici terreni/concimi.

Campanule, il clima adatto

Qual è il clima adatto? Quasi tutte le tipologie di campanula si adattano a un clima mite e mediterraneo, preferibilmente non troppo umido e privo di escursioni termiche eccessive. Crescono infatti rigogliose tra i 12 e i 20 gradi, sebbene la pianta sia in grado di sopravvivere fino ai 5.

Questo suggerisce che d’inverno i vasi dovranno essere portati all’interno delle abitazioni o, ancora, le piante in giardino dovranno essere opportunamente coperte. In estate, quando le temperature superano rapidamente i 30 gradi, sarà invece utile costruire dei ripari per evitare l’irrorazione diretta del sole nelle ore più afose della giornata.

Terriccio e concime per le campanelle

Terriccio, coltivazione

Spesso chiamate anche campanelle, queste piante richiedono anche alcune specifiche caratteristiche del terreno per garantire il massimo della fioritura. Pur adattandosi alle più svariate superfici, è meglio scegliere un terriccio morbido e drenante, capace di garantire un buon deflusso dell’acqua.

I ristagni potrebbero infatti favorire un rapido decadimento dell’apparato radicale, portando la campanula a marcire. Per contro, terreni troppo secchi o argillosi potrebbero non essere sufficienti per offrire alla pianta tutti i nutrienti di cui ha bisogno. Si scelga quindi un terreno friabile oppure a medio impasto, meglio se mescolato con sabbia e torba, dalle elevate capacità drenanti.

Il suolo dovrà inoltre essere concimato regolarmente, anche un paio di volte al mese, preferendo fertilizzanti ricchi di componenti azotate. A questo scopo, si possono recuperare anche concimi organici come il compost oppure il guano.

Esposizione e annaffiature: cosa è meglio per le campanule

Annaffiare

Quasi tutte le varietà di campanula ama la luce del sole, essenziale sia per garantire una veloce crescita che per favorire fiori dai colori brillanti e intensi. Tuttavia, la pianta e i petali rimangono abbastanza delicati e potrebbero quindi essere danneggiati dall’irrorazione solare diretta, soprattutto nei periodi più caldi nell’anno.

Per questa ragione, la campanella dovrà essere esposta a sud, in piena esposizione solare durante la primavera e l’inizio dell’autunno. In estate si dovrà invece prediligere la penombra, con opportuni ripari soprattutto nel primo pomeriggio.

L’esposizione solare va di pari passo con le annaffiature, che dovranno risultare regolari ma non eccessivamente abbondanti. In primavera e in autunno ci si può affidare semplicemente alle comuni precipitazioni. Durante l’estate bisogna invece annaffiare quotidianamente, meglio se di prima mattina o al tramonto, bagnando direttamente il terreno e nebulizzando un po’ di acqua anche su foglie e fiori.

Potatura e consigli finali

Cesoie, potatura

Tutte le campanelle tendono a svilupparsi molto rapidamente, soprattutto se il clima primaverile risulta particolarmente favorevole, con giornate tiepide e assolate. Per questa ragione, può essere necessario potare regolarmente le piante.

In genere, si effettua una cimatura, per dare un aspetto più compatto alla coltivazione, aiutandosi con delle cesoie ed effettuando dei tagli obliqui su fusti e rametti. Vanno poi rimosse le foglie secche e danneggiate, così come i fiori appassiti.

Infine, alcuni consigli per la cura della pianta nel tempo. Come già anticipato, si dovrà evitare l’esposizione solare diretta nei momenti più assolati dell’estate, per evitare che si danneggino fiori e foglie. La concimazione dovrà essere regolare, così come l’apporto d’acqua. Rinvaso e trapianto saranno necessari solo in caso l’esemplare si fosse sviluppato eccessivamente.

Seguici anche sui canali social