Greenstyle Mobilità Bonus Mobilità 2022, al via le domande. I requisiti e come fare richiesta

Bonus Mobilità 2022, al via le domande. I requisiti e come fare richiesta

Bonus Mobilità 2022, al via le domande. I requisiti e come fare richiesta

Fonte immagine: iStock

È partita oggi, 13 aprile 2022, la possibilità di presentare le richieste per il cosiddetto Bonus Mobilità 2022, lo “sconto” fiscale previsto dal governo italiano col Decreto Rilancio del 2020 a favore di una mobilità più green e rivolto a chi ha sostenuto spese per l’acquisto di mezzi e servizi di mobilità a zero emissioni, dalle biciclette ai monopattini elettrici, passando per le e-bike e gli abbonamenti al trasporto pubblico o servizi di mobilità elettrica in condivisione.

I requisiti sono piuttosto stringenti e il limite complessivo di spesa è stato fissato dal governo in 5 milioni di euro. Vediamo insieme tutto quello che bisogna sapere per poter accedere al bonus sotto forma di credito d’imposta per le persone fisiche.

I requisiti per accedere al Bonus Mobilità 2022

La finestra di accesso al bonus, come anticipato in apertura, è piuttosto ristretta e partire dal periodo di riferimento. Possono presentare la richiesta, infatti, tutti i soggetti privati che hanno sostenuto spese per l’acquisto di biciclette, monopattini elettrici, e-bike, abbonamenti al trasporto pubblico, servizi di mobilità elettrica in condivisione (sharing) o sostenibile tra il 1° agosto 2020 e il 31 dicembre 2020.

Non solo. Per poter ricevere il credito d’imposta pari a un massimo di 750 euro per ciascuna persona fisica è necessario aver rottamato un vecchio veicolo di categoria M1 nello stesso periodo di riferimento, dal 1° agosto al 31 dicembre 2020. Chi si è limitato ad acquistare un monopattino o una bici elettrica, senza aver rottamato un veicolo M1, è escluso a priori dal Bonus Mobilità 2022.

Come presentare la richiesta

Chi soddisfa i requisiti per accedere al Bonus Mobilità 2022 non deve far altro che recarsi, tra il 13 aprile e il 13 maggio 2022, sul sito dell’Agenzia delle Entrate e indicare l’ammontare delle spese sostenute e il credito di imposta richiesto nel modulo “Istanza per il riconoscimento del credito di imposta per le spese sostenute per l’acquisto di mezzi e servizi di mobilità sostenibile” disponibile da oggi nell’area utenti del sito e trasmetterlo agli uffici dell’Agenzia delle Entrate per via telematica.

Stando a quanto riferisce la stessa Agenzia, le persone fisiche che avranno inoltrato correttamente la richiesta rispettando i requisiti necessari riceveranno una risposta “entro 10 giorni dalla scadenza del termine di presentazione dell’istanza” in cui verrà indicata “la percentuale di credito d’imposta spettante” sulla base delle richieste ricevute e tenuto conto del limite di spesa di 5 milioni.

Seguici anche sui canali social