Black Mask fai da te: ingredienti, uso, benefici

Black Mask fai da te: ingredienti, uso, benefici

Fonte immagine: Pexels

La Black Mask è un rimedio naturale efficace per purificare la pelle del viso e detergere in profondità: come prepararla e usarla in casa.

Pulire la pelle in profondità, detergendo i pori ostruiti e assorbendo il sebo in eccesso responsabile di originare inestetismi e irritazioni cutanee, contrastando la comparsa di acne e brufoli: questo è l’obiettivo primario di molte maschere di pulizia usate proprio sul viso. Tra queste, la Black Mask rappresenta uno dei rimedi migliori per detergere e pulire in modo ottimale, purificando in modo accurato e consentendo ai pori di respirare e riossigenarsi.

Questa maschera, come si intuisce dallo stesso nome, si basa sull’utilizzo di un componente naturale scuro, appunto nero, in grado di favorire una pulizia profonda senza tuttavia rivelarsi aggressivo nei confronti dell’epidermide. Le più comuni Black Mask, infatti, prevedono l’uso di carbone vegetale o sapone di Aleppo, a base di olive nere, oppure di sapone nero africano. In commercio esistono numerose Black Mask già pronte all’uso, tuttavia per essere sicuri di adoperare un rimedio naturale al cento per cento è possibile realizzare in casa una maschera purificante nera, efficace e semplice da preparare.

Black Mask: come prepararla

Sapone di Aleppo

Utilizzando del carbone vegetale, acquistabile in erboristeria o in farmacia, si può ottenere un’ottima Black Mask da usare a cadenza regolare per pulire il viso in profondità. Non esiste un’unica modalità di preparazione della Black Mask, che può prevedere l’uso di ingredienti aggiuntivi rispetto alla ricetta standard. Quest’ultima prevede alcuni ingredienti fondamentali:

  • tre pastiglie di carbone vegetale;
  • tre cucchiai di latte;
  • tre fogli di gelatina per dolci o colla di pesce.

Dopo aver fatto ammorbidire i fogli di gelatina dentro un recipiente pieno di acqua, si deve portare a ebollizione il latte e, nel frattempo, ridurre le pastiglie di carbone in piccolissimi frammenti, polverizzandolo. Il latte, poi, deve essere stemperato insieme alla gelatina in modo da ottenere un composto omogeneo, da unire al carbone in polvere formando un impasto denso e liscio. Una variante della ricetta base, inoltre, si basa sull’utilizzo di carbone vegetale, acqua calda, argilla vegetale e miele, unendo anche poche gocce di tea tree oil per sfruttarne le elevate proprietà disinfettanti e purificanti.

Consigli per l’utilizzo

Viso donna

Dopo aver realizzato il composto a base di carbone vegetale, è necessario stenderlo sul viso usando un pennello morbido evitando il contorno occhi. È necessario lasciare la maschera in posa per circa mezzora, dopodiché si sarà formata una pellicola nera che può essere facilmente asportata afferrandola per i lembi esterni.

La Black Mask può essere usata fino a tre volte a settimana, valutando le singole necessità e la tipologia di pelle. È possibile usarla sia la mattina sia la sera, tenendo conto del tempo di posa. Per ottenere un effetto ottimale, infine, è preferibile seguire questi pochi e semplici consigli:

  • struccare accuratamente il viso con latte detergente o acqua micellare;
  • sciacquare la pelle con acqua tiepida ed eventualmente esporre il viso al vapore in modo da favorire la dilatazione dei pori;
  • applicare un leggero strato di crema idratante dopo aver asportato la maschera ed aver lavato bene il viso con acqua tiepida.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

5 usi del bicarbonato