Il torcicollo è un disturbo che può limitare in maniera evidente le proprie attività quotidiane. Tale problema si caratterizza per l’impossibilità di ruotare in maniera consueta la testa sia sull’asse orizzontale che su quello verticale. Alcuni esercizi possono in questi casi favorire un più rapido alleviamento del dolore e una veloce risoluzione del fastidio.

Occorre innanzitutto cercare di individuare, in maniera quanto più possibile esatta, la reale causa del problema o quantomeno la sua manifestazione effettiva. Questo perché qualora si ricorra ad alcuni rimedi naturali, in abbinamento allo svolgimento degli esercizi, una differenza ad esempio tra infiammazione e contrattura dovrebbe orientare verso soluzioni differenti.

Cause e sintomi del torcicollo

Una delle possibili cause per il torcicollo è data dalla contrattura dei muscoli cervicali, che può occorrere a causa di un colpo d’aria fredda, a un movimento troppo repentino del capo, una cattiva postura nel sonno o ad esempio durante l’attività lavorativa.

L’infiammazione muscolare è un’altra possibile causa scatenante del torcicollo, così come alcune infezioni virali o un’ernia discale al rachide cervicale.

Sia che si tratti di disturbo a carattere infiammatorio, virale o derivato da contrattura, il torcicollo produce una sintomatologia che si caratterizza per la ridotta capacità di movimento del collo. In alcuni casi questa limitazione giunge alla totale impossibilità di rotazione dello stesso, con il dolore in grado di raggiungere anche il braccio e interessare la muscolatura delle spalle.

Esercizi utili

Gli esercizi utili più facili e veloci da eseguire sono 5 e la loro pratica è possibile anche comodamente seduti alla propria scrivania o durante una pausa dalle normali attività quotidiane:

  1. Rotazione: sarà sufficiente ruotare la testa lentamente, prima compiendo tre giri verso sinistra e in seguito altrettanti verso destra, per ottenere i primi benefici. Da ripetere 3 volte per ciascun lato.
  2. Flessione: per questo esercizio è necessario inclinare la testa lateralmente arrivando quanto più possibile, senza forzare troppo, con l’orecchio vicino alla spalla. Tenere la posizione per alcuni secondi e poi ripetere l’esercizio dal lato opposto.
  3. Estensione: piegare in questo caso il collo in avanti portando il mento a contatto con il torace. Come per l’esercizio precedente si dovrà attendere qualche secondo e poi rialzare lentamente la testa tornando alla posizione iniziale.
  4. Traslazione: un altro esercizio utile per sciogliere la muscolatura cervicale è quello di avanzare e retrocedere con la testa, spingendo in avanti il mento senza tuttavia modificare l’inclinazione del capo. Ripetere per almeno 10 secondi.
  5. Allungamento: partendo con le braccia distese lungo i fianchi, portarle all’indietro unendo le mani. Allo stesso tempo tirare leggermente con le braccia mentre la testa si muoverà come per l’esercizio di estensione. Produrre una leggera tensione senza forzare. Mantenere la posizione per almeno 10 secondi.

27 agosto 2014
Lascia un commento