Piccola lieta novella per una famiglia di Villa San Lorenzo a Flaviano, frazione di Amatrice, in provincia di Rieti. Il ritrovamento del loro cane Romeo a distanza di nove giorni dal terremoto: un evento accolto con entusiasmo ed emozione sia dai proprietari che da tutti i presenti. Artefici del salvataggio una delle squadre di Vigili del Fuoco che, dal 24 di agosto, stanno lavorando ininterrottamente, per riportare in superficie vite umane e animali di affezione. Un compito reso complesso dalla quantità di detriti accumulati durante il crollo delle abitazioni.

Il terremoto aveva colto nel sonno gli abitanti di Amatrice e delle zone limitrofe, la famiglia di Romeo stava dormendo al secondo piano della loro casa mentre il cane era sdraiato al primo. La terra ha iniziato a muoversi con violenza, poi il boato e il crollo, che hanno lasciato nel buio un’intera area. I soccorsi giunti rapidamente sul posto hanno tratto in salvo la famiglia, ma del quadrupede non vi era nessuna traccia tangibile. Dopo ore e ore di ricerche, il nucleo familiare è stato spostato e messo al sicuro insieme agli altri sfollati. Dopo diversi giorni, dopo aver perso le speranze, il gruppo ha potuto far ritorno alla casa d’origine per recuperare alcuni oggetti personali. Sentendo le loro voci, Romeo ha iniziato ad abbaiare per richiamare l’attenzione dei presenti. I Vigili del Fuoco si sono subito messi all’opera per rimuovere i calcinacci ed estrarre il quadrupede, ancora miracolosamente vivo.

Per fortuna, alcune travi avevano protetto l’animale creando una nicchia, al cui interno Romeo ha potuto muoversi, alzarsi e sopravvivere. La sua incredibile forza fisica, nonostante i dodici anni, ha fatto il resto e il cane è rimasto in vita senza bere e mangiare per nove giorni. L’esemplare, un Golden Retriever, è stato portato a braccio lontano dalle macerie per poi ritrovare il calore dei suo cari. Rifocillato immediatamente, ha scodinzolato con entusiasmo ai suoi salvatori e alla sua famiglia e ora è finalmente al sicuro.

5 settembre 2016
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento