Studio USA mette sotto accusa le sigarette al mentolo. Mentre in Italia si dibatte sui potenziali rischi derivati dall’uso delle sigarette elettroniche in confronto alle normali “bionde”, i risultati di una ricerca statunitense aprono un nuovo dibattito sui danni derivati dal fumo.

Danni che possono andare dalla malattie cardiovascolari alle patologie respiratorie, fino a quelle ormai note come le forme tumorali polmonari e della laringe. Tra le possibili ripercussioni dell’uso di sigarette si è di recente visto come pesante sia l’effetto di invecchiamento che il fumo ha sulla pelle.

Lo studio delle differenti caratteristiche delle sigarette elettroniche rispetto alle normali “bionde” lascia per una volta il posto a uno studio che guarda in maniera più specifica all’interno del panorama delle seconde. La variante al mentolo sarebbe oggetto di attenta analisi da parte della Food and Drug Administration (FDA) statunitense per via dei suoi effetti nocivi stimati come superiori alle versioni “classiche”.

Le sigarette al mentolo vengono in particolare accusate di favorire l’inizio della dipendenza dal loro fumo rendendo allo stesso tempo più difficile la fase di chiusura. L’aroma di menta renderebbe in particolare meno aspro e acre il fumo respirato, con un effetto nocivo meno evidente per il fumatore secondo quanto riportato nello studio preliminare della FDA.

Il nuovo dibattito si è già aperto oltreoceano, dove si ipotizza una messa al bando delle sigarette al mentolo o comunque una legislazione più ferrea rispetto alle norme vigenti. Ipotesi verso la quale già si sono scagliate le lobby del tabacco, ma che spesso rappresenta una delle leve più efficaci per liberare le persone dalla schiavitù/vizio del fumo.

24 luglio 2013
In questa pagina si parla di:
Fonte:
BBC
Lascia un commento