Ansia e stress sono problemi sempre più frequenti nella vita di ogni giorno. Ritmi lavorativi intensi, impegni che si sovrappongono o scadenze difficili da rispettare sono soltanto alcune delle possibili cause. Ritrovare la giusta tranquillità interiore assume quindi un ruolo sempre maggiore e spesso sembra un obiettivo difficile da raggiungere.

Tuttavia è possibile vincere ansia e stress con 5 semplici regole, grazie alle quali si può ritrovare il giusto equilibrio interiore e la serenità perduta. Senza dimenticare che contro queste due minacce è possibile ricorrere ad alcuni apprezzati rimedi naturali.

Alleggerire la propria attività celebrale e liberarsi per qualche minuto dai pensieri di ogni giorno può favorire non soltanto un generale stato di rilassatezza, utile per ritrovare le energie mentali perdute, ma può generare un importante impulso creativo nel cervello, aprendo la strada ad alcuni importanti spunti. Ecco 5 semplici passi che possono essere d’aiuto:

  1. Il primo consiglio è quello di dedicarsi a questa benefica attività al mattino, meglio se appena svegli. Il cervello non sarà ancora affollato da tutte le preoccupazioni giornaliere e più facile risulterà quindi l’attività meditativa.
  2. Secondo passo è la creazione di uno spazio tranquillo e confortevole intorno a voi. Lo spazio dovrà inoltre essere solitario, senza che altri siano intorno a voi, per poter davvero essere del tutto rilassante. Attenzione anche a scegliere un luogo dove siate al riparo da suoni e rumori che possano interrompere la vostra concentrazione.
  3. Il passo successivo interessa la purificazione dell’energia interiore e prende il via con lo sfregamento intenso delle mani, fino a raggiungere uno stato di calore nelle estremità. A quel punto andranno poggiate sulle tempie e fatte scorrere verso le guance, per poi agitare le mani in aria come se doveste asciugarle dall’acqua. Ripetere a questo punto altre due volte l’operazione e fare lo stesso per la fronte. Appoggiate a questo punto le mani ognuna sulla spalla opposta, mano sinistra su spalla destra e viceversa, scorrendo poi ciascuna mano lungo il braccio e ritorno per tre volte.
  4. A questo punto si cercherà il massimo rilassamento, chiudendo gli occhi se necessario, attraverso la respirazione. Da seduti, assumere un respiro lento e profondo rilassando in maniera progressiva ogni parte del corpo, dalla testa fino ad arrivare ai piedi.
  5. Durante l’esercizio si deve porre la massima concentrazione sul proprio respiro, seguendone il percorso dalle narici fino ai polmoni e ritorno. La durata dovrà essere compresa tra i 10 e i 20 minuti, così da liberare la mente dai pensieri che di solito ne limitano la creatività. La pratica porterà a livelli di meditazione maggiori, se però durante le prime prove alcuno pensieri dovessero interrompere la vostra concentrazione basterà tornare a concentrarsi sul proprio respiro per ritrovare il giusto ritmo.

Al termine degli esercizi non bisognerà poi affrettarsi e immergersi subito nei pensieri e nei ritmi frenetici di tutti i giorni, ma concedersi ancora qualche momento di pace per conto proprio, meglio se all’aria aperta.

29 novembre 2013
Lascia un commento