Se vi piace condividere del tempo di qualità con il vostro cane, magari facendo anche un po’ di allenamento fisico, l’agility dog fa per voi. Lo sport per i quadrupedi serve a mantenere in esercizio sia il fisico che la mente, grazie all’ausilio di percorsi, ostacoli e attrezzi da affrontare in sequenza. Questo genere di attività si pratica spesso in campi attrezzati, è riconosciuta come sport e serve a implementare l’interazione tra proprietario e cane. Ma principalmente a garantire un’attività fisica costante, oltre alla socializzazione con altri esemplari.

È un’attività nata in Inghilterra che basa il suo successo sull’assimilazione dei comandi di base, quindi sull'”obedience” educativa. Viene assimilata attraverso stage e corsi, poi praticata tramite gare e tornei. I livelli da superare in gara sono quattro, ognuno conduce a un brevetto. L’allenamento costante e le prove servono a stabilire un binomio sempre più stretto tra cane e proprietario, che affrontano insieme il percorso. L’animale seguirà le indicazioni dell’uomo modulando la velocità e i cambi di direzione a seconda degli input ricevuti. Non sempre è possibile seguire corsi e addestramento, per questo in molti cercano di compensare con un allenamento casalingo.

Percorso d’allenamento casalingo

Agility casalinga

Border Collie via Shutterstock

Se si ha la fortuna di possedere un piccolo spazio verde, potrà risultare utile attrezzarlo con articoli e materiali per l’agility canina. Dopo aver assimilato i comandi base con un educatore, si potrà portare avanti l’allenamento anche all’interno della casa. La fase di apprendimento dovrà risultare giocosa e piuttosto blanda per non trasformare la pratica in obbligo, inoltre in commercio sarà possibile reperire l’attrezzatura più adatta. Oppure realizzarla in modo autonomo e con un po’ di fantasia. Nelle fasi di allenamento di agility è facile imbattersi nello slalom tra i paletti, nel salto dell’asticella, nel tubo, in passerelle e pneumatici, nel salto in lungo. Ovviamente anche all’interno delle mura casalinghe o del giardino, magari anche di un vasto prato come quello di un parco, sarò possibile affrontare quelle più facili da replicare. Possibilmente concentrando l’attenzione sui comandi e le tecniche della partenza, i cambi di conduzione e sull’ascolto reciproco.

Sarà facile attrezzare la struttura per lo slalom inserendo nel terreno dei paletti, magari dei tubi di gomma non completamente rigidi, abituando Fido a seguire il movimento ponendo davanti al muso una crocchetta da seguire. La situazione è replicabile in casa utilizzando dei birilli o delle bottiglie di plastica piene. Se invece il cane deve impratichirsi con il tubo, ma manifesta timore, iniziate trasformando le vostre braccia in un anello che l’animale potrà attraversare con serenità. Per familiarizzare con il tubo standard magari entrate per primi, se possibile, incentivando il cane con premi e bocconcini. E se non potete acquistare un tubo morbido ma possedete una vecchia tenda da campeggio ormai ammuffita, praticate un secondo foro e utilizzatela come tale, oppure sistemate una coperta sopra un tavolino o mettete delle sedie in fila per creare un varco aperto.

Assecondate la fantasia, trasformando due sedie e un manico di scopa nella tenda da agility. Questa solitamente appare come un tavolo basso aperto e decorato con nastri che il cane deve attraversare; collegando le spalliere con un bastone avrete ottenuto la struttura, da questo potrete far penzolare strisce di stoffa o plastica che il cane dovrà attraversare con un vostro incentivo vocale e un premio. Se invece dovrà imparare a saltare, è possibile mettere infila oggetti non pericolosi, come vasi di plastica o una mensola bassa. Una volta imparata la tecnica, premiatelo sempre con un biscotto per cani.

Per favorire la sua coordinazione, poggiate una scala per terra e fategli attraversare gli spazi tra i pioli, oppure realizzate una passerella bassa con un’asse di legno ricoperta con un tappetino antiscivolo, disposta sopra una coperta o un asciugamano arrotolato. Il minimo movimento aiuterà Fido ad assimilare la novità dell’oscillazione. Indispensabile che il cane si diverta e affronti il tutto positivamente, così da presentarsi ai corsi di agility con più dimestichezza e gioia.

22 agosto 2014
I vostri commenti
Marco Meloni, lunedì 2 maggio 2016 alle16:50 ha scritto: rispondi »

Perche invece di scrivere idiozie non vi documentate su cos'è l'agility e date delle informazioni corrette a chi vi legge?

Lascia un commento