Il pane di quinoa è un alimento che, pur essendo piuttosto recente in Italia, è sempre più apprezzato per il gusto e per le caratteristiche nutrizionali.

La quinoa non è un cereale: la Chenopodium quinoa infatti è una pianta erbacea annuale della famiglia delle Chenopodiaceae, originaria del Sud America. Il suo utilizzo in cucina, in chicchi o in farina, è simile a quello del riso o dell’orzo pur non essendo una graminacea.

Dal punto di vista nutrizionale è un alimento particolarmente dotato, molto digeribile e poco calorico. È un’ottima fonte di proteine vegetali, il 14 % del peso, e di sali minerali come fosforo, magnesio, ferro, zinco e potassio. Anche il contenuto di fibra alimentare è buono: 100 g di quinoa apportano già il 28% del fabbisogno quotidiano di fibra alimentare.

La quinoa, inoltre, è priva di glutine quindi è un alimento adatto a chi soffre di celiachia.

Di seguito due ricette per preparare il pane con i chicchi oppure con la farina di questo pseudo-cereale.

Pane di quinoa con lievito madre

Ingredienti per una pagnotta:

  • 250 g di farina integrale;
  • 150 g di farina di frumento 0;
  • 300 g di acqua tiepida;
  • 200 g di pasta madre rinfrescata il giorno prima;
  • 100 g di chicchi di quinoa già lavati e lessati.

Iniziate la preparazione del pane frullando nel mixer i chicchi lessati e raffreddati di quinoa: lavorateli fino a ottenere una crema liscia ed omogenea. Sciogliete la pasta madre nell’acqua tiepida, unitevi le farine, la quinoa e impastate con le mani o in una planetaria fino a ottenere un composto liscio ed elastico. Lasciate lievitare per 8 ore circa in un luogo tiepido lontano dalle correnti d’aria. Trascorso il tempo necessario, riprendete l’impasto e formate una pagnotta che farete lievitare ancora 3 ore dopo averla coperta con uno strofinaccio pulito.
Terminata anche la seconda lievitazione cuocete in forno caldo a 200°C per 50 minuti. Sfornate la pagnotta e lasciatela raffreddare su una griglia prima di tagliare e servire.

Focaccia di quinoa con lievito di birra

Ingredienti per una teglia da forno:

  • 250 g di farina di quinoa;
  • 250 g di farina di riso integrale;
  • 400 ml di acqua tiepida;
  • mezzo panetto di lievito di birra;
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva.

Sciogliete il lievito di birra in metà dell’acqua tiepida mescolando bene con l’aiuto di una forchetta. Setacciate insieme in una ciotola le due farine e unitevi un po’ alla alla volta il lievito sciolto, l’olio extra vergine d’oliva e l’acqua rimasta. Impastate con una forchetta fino a ottenere una pasta molto morbida e cremosa. Rivestite una teglia con un foglio di carta forno, versatevi l’impasto e fate lievitare in un luogo tiepido per circa un’ora. Trascorso il tempo necessario per la lievitazione cuocete la focaccia in forno caldo a 180°C per 30 minuti.

Mangiare sano è sempre una questione di consapevolezza: la quinoa è nel complesso un po’ più ricca di proteine e meno calorica dei cereali, ma apporta comunque una elevata quota di carboidrati. Come nel caso del pane comune, anche quello di quinoa va consumato con attenzione in un menu: una porzione abbondate potrebbe sostituire tutto un primo piatto mentre 50 g potrebbero essere inseriti togliendo dal primo almeno 30 g di pasta, di riso o altri cereali.

25 marzo 2015
Lascia un commento