La gengivite è un disturbo a carattere infiammatorio che interessa il tessuto gengivale. Questa patologia può essere trattata, ai primi stadi, con dei semplici rimedi naturali. Sarà possibile così ottenere la piena risoluzione del problema senza incorrere nelle conseguenze tipiche delle gengiviti trascurate quali ad esempio la paradontite.

L’evoluzione della gengivite parte da una sensazione di gonfiore alle gengive, a cui fa seguito la sensibilizzazione delle stesse in seguito all’infiammazione del tessuto gengivale. Il colorito tende a non essere più roseo come in precedenza e si presenta una certa tendenza al sanguinamento durante la normale igiene dentale domestica.

Cause

La causa principale della gengivite è senza dubbio la placca, che lentamente si accumula sui denti dopo aver mangiato. In assenza di un’igiene orale regolare e di una periodica visita dal dentista è possibile che questa carica batterica attacchi il tessuto paradontale, che circonda il dente, infiammandolo e provocando il disturbo.

La gengivite è in sostanza d’origine batterica e come tale può quindi essere trattata nella maggior parte dei casi. Esistono però alcune possibili, quanto meno frequenti, opzioni che non vedono nella placca la principale indiziata.

Ferma restando la necessità di una forte carica batterica per dare vita al problema esistono delle concause in grado di favorire lo svilupparsi della patologia. Tra queste le alterazioni ormonali indotte dalla pubertà, dal ciclo mestruale o dalla pillola anticoncezionale, così come un generale stato di alterazione del sistema immunitario dovuto a malattie anche gravi quali diabete, leucemia e HIV.

In ogni caso è opportuno tenere sotto controllo la sintomatologia ed allertare il proprio dentista qualora si evidenzino sintomi di un aggravamento delle proprie condizioni. Tra questi segnaliamo in particolare un aumento della spaziatura tra i denti, la regressione del bordo gengivale (con progressivo distacco dalla parete dentale, oltre a una possibile mobilità del dente stesso.

Rimedi naturali e cura

I rimedi naturali più consigliati in caso di infiammazione gengivale d’origine batterica sono quelli chiamati ad agire proprio contro tale carica nociva. Tra questi senza dubbio trova un posto il limone, il cui olio può essere inoltre utilizzato in caso di mal di gola e tosse.

Ridurre la carica batterica è inoltre possibile ricorrendo a risciacqui con una soluzione di bicarbonato di sodio e sale, ai quali può essere aggiunta qualche goccia di succo od olio di limone. Si può in alternativa sostituire tale preparato con un infuso di salvia, basilico o menta.

Altri rimedi naturali utilizzabili sono la masticazione di due o tre chiodi di garofano o l’utilizzo di olio essenziale di calendula, dalle proprietà antibatteriche. Un aiuto contro la placca che causa la gengivite arriva infine anche da due “snack” come la liquirizia, meglio se la radice naturale non trattata, e dall’uva passa, entrambe contenenti sostanze in grado di contrastare l’azione batterica nociva.

27 giugno 2014
Lascia un commento