Il freezer, conosciuto anche come congelatore, è un elettrodomestico di cui in casa non si può fare a meno. Grazie alla possibilità di conservare a lungo i cibi, con le sue temperature notevolmente ridotte, consente di accumulare scorte dei più svariati alimenti, dalle verdure al pesce, fino alla frutta da consumare fuori stagione. Ma cosa fare quando, aperto lo sportello dell’apparecchio, si dovessero percepire dei cattivi odori?

Eliminare i cattivi odori dal freezer è relativamente semplice, anche grazie al ricorso di alcuni metodi fai da te, ereditati dall’universo della saggezza delle nonne. In questo frangente, si farà riferimento a congelatori di piccoli dimensioni, come quelli normalmente abbinati ai frigoriferi verticali, ma ciò non vieta che le procedure illustrate non possano essere applicate anche su elettrodomestici più grandi. Naturalmente, prima di procedere è necessario leggere accuratamente le istruzioni fornite dal produttore, per verificarne la compatibilità dei materiali con i rimedi casalinghi scelti.

Freezer e odori: perché?

A differenza del frigorifero, il freezer dovrebbe essere meno frequentemente coinvolto dai cattivi odori. Le temperature molto basse, infatti, raramente portano alla decomposizione dei cibi, così come al proliferare di batteri. Può succedere, tuttavia, che questa evenienza si manifesti. In genere, è sconsigliato riporre nel congelatore cibi in vaschette aperte o altri contenitori privi di coperchio: per limitare la proliferazione di olezzi, gli appositi sacchetti sono sempre indicati. Inoltre, è bene verificare la temperatura secondo le specifiche del produttore, nonché eseguire la manutenzione ciclica con l’eliminazione del ghiaccio e della brina. Può capitare, ad esempio con i surgelati nelle scatole di cartone, che la confezione si rompa lasciando fuoriuscire alimenti o condimenti, i quali andranno a impregnare il ghiaccio sottostante.

Carta

Il metodo popolare più diffuso per ridurre gli odori nel freezer è, come facile intuire, il ricorso alla carta. Quella dei quotidiani ha infatti un elevato potere assorbente, quel tanto che bassa per eliminare quegli odori non particolarmente pesanti ma comunque fastidiosi. Sebbene non tutti concordino con questo metodo, poiché vengono riferiti risultati contrastanti, si può certamente provare perché solitamente innocuo.

Il rimedio prevede di ricoprire la superficie interna del freezer con dei fogli di carta di giornale appallottolati, da cambiare quotidianamente per almeno sette giorni o, in alternativa, fino alla scomparsa degli olezzi. Qualora su fondo e pareti vi fosse della brina, e la carta si fosse quindi appiccicata al ghiaccio, la rimozione potrà essere effettuata con l’aiuto di una paletta. Si procede, infine, sbrinando normalmente il congelatore, così come suggerito dal produttore.

Bicarbonato

Il bicarbonato è uno di quei ritrovati domestici tuttofare, immancabile in ogni abitazione data la sua versatilità di utilizzo. Fra i tanti impieghi anche quello di rimuovere gli odori, data la sua capacità fortemente assorbente. Il primo passo è quello di sbrinare completamente l’apparecchio, rimuovendo ogni residuo. Si procede quindi con un’accurata pulizia, da eseguire a elettrodomestico spento e con l’aiuto di qualche preparato casalingo. L’operazione può essere eseguita con un panno imbevuto di una soluzione composta da due cucchiai di bicarbonato ogni litro d’acqua tiepida. Inoltre, in caso lo si desiderasse, è possibile procedere con una seconda passata, sempre con un panno imbevuto d’acqua tiepida e qualche goccia di essenza di limone o Tea Tree Oil.

Qualora l’odore fosse particolarmente persistente, e sempre dopo aver verificato le istruzioni di compatibilità del produttore, è possibile posizionare su uno dei ripiani una tazza o una bacinella riempita di bicarbonato, da lasciare in posizione almeno per una notte. L’apparecchio dovrà rimanere spento e, come facile intuire, con lo sportello chiuso. L’azione assorbente del bicarbonato dovrebbe rimuovere, o quantomeno ridurre, gli odori sgradevoli.

12 settembre 2015
Lascia un commento