Trasformare l’appartamento in misura del gatto d’affezione può risultare molto più semplice del previsto, in particolare se a muovere l’entusiasmo è la passione per lo stesso animale. Non è una decisione facile ma sicuramente accessibile, che deve rispettare le esigenze del felino di casa. Per chi ha alle spalle una convivenza di questo tipo, esiste una forte consapevolezza del tipo di relazione che può intercorrere tra due esseri così diversi: uomo e gatto. Nonostante ciò vige un equilibrio sottile, molto forte, che spinge questi due opposti ad attrarsi e rispettarsi vicendevolmente. In particolar modo se l’uomo riuscirà a rispettare tempi, spazi e ritmi del gatto domestico.

Il micio è un animale indipendente, spesso distaccato, autonomo alla ricerca di una propria privacy ma anche di amore. Un essere che richiede anche piccoli spazi dove poter sonnecchiare in santa pace, oppure mensole e mobili dove saltare e correre. Per questo la convivenza con Fufi richiede attenzione nei confronti dell’arredo, che dovrà risultare semplice, privo di fronzoli e ninnoli e al contempo sicuro. Creare un ambiente in misura del gatto di famiglia è comunque una necessità importante per lo stesso felino, ma anche per il compagno umano così da non spezzare l’equilibrio costruito nel tempo.

Come trasformare la casa in poche mosse

Per catturare l’attenzione del gatto, distogliendola da mobili e tende, è possibile posizionare in casa un tiragraffi a più ripiani. Una struttura dove il micio potrà limarsi le unghie quindi giocare e riposare sui ripiani più alti, dominando la casa e i suoi abitanti. Per attirare la curiosità di Fufi è bene posizionare l’articolo in una zona piuttosto frequentata dallo stesso, quindi riparata e tranquilla, magari cospargendo il tiragraffi con erba gatta o qualche crocchetta. In questo modo, almeno per le prime volte, potrà risultare più accattivante e intrigante. Al contempo, sarà utile costruire mensole e ripiani, da sistemare ad altezze differenti, dove lui possa salire e da cui saltare agilmente. Per favorire l’espulsione di pelo è bene mettere a disposizione un vasetto di erba gatta, utile anche per attirare l’attenzione e rilassare il gatto.

Per il momento del relax sistemate le cucce in angoli tranquilli e riparati dal rumore, che sia un semplice gruppo di cuscini, una scatola o una piccola tana di produzione è importante che faccia sentire l’animale protetto. Anche la lettiera dovrà essere collocata in uno spazio adeguato, possibilmente in bagno in un’area tranquilla dove preservare la privacy. In caso di più gatti è importante fornire a ciascuno la propria zona toilette. La condivisione non sempre fa parte dell’animo del felino, per questo anche le ciotole dovranno essere in numero adeguato ai mici di casa dove servire cibo e acqua sempre fresca. Importante poi che sia presente una zona ludica dove possa svagarsi e giocare, magari con articoli di produzione o con crocchettine nascoste per una piccola caccia al tesoro. Al contempo è importante rendere inaccessibili spazi come armadi, cassetti, lavatrici e lavastoviglie che potrebbero rappresentare un pericolo. Ma anche piante e fiori che potrebbero rivelarsi tossiche, come prodotti per la pulizia della casa e l’igiene personale lasciati inavvertitamente aperti. Perché il gatto sia felice è importante garantirgli uno spazio sano, un posto intimo dove rifugiarsi ma privo di pericoli per il suo benessere. Magari anche un cuscino posto accanto alla finestra dove possa godere del dolce tepore del sole.

23 febbraio 2015
Fonte:
Lascia un commento