Cane spara a un cacciatore: accade in Russia

È stato un terribile incidente, quello che è costato la vita a un cacciatore russo, mentre si recava per una battuta nei boschi. L’uomo è infatti caduto vittima di un colpo d’arma da fuoco, esploso dal suo stesso fucile, inavvertitamente azionato da uno dei suoi cani. Una vicenda tragica che ha portato l’opinione pubblica locale a riflettere sulla sicurezza delle armi, con numerosi interventi sui social network.

Il tutto è accaduto nella regione Saratov, nelle vicinanze del fiume Volga, nella giornata di ieri. Sergei Terekhov, un uomo di 64 anni, si stava recando presso un luogo di caccia in compagnia del fratello, nonché dei suoi numerosi cani. Giunti in una radura verde, e fermata l’automobile, la coppia ha fatto scendere i quadrupedi: questi ultimi, entusiasti per il pomeriggio all’aria aperta, hanno cominciato a correre e saltellare in prossimità dei due uomini. Uno dei cani, però, appoggiando le zampe sulle gambe del proprietario ha inavvertitamente azionato il grilletto del fucile, esplodendo un proiettile che ha colpito l’uomo a livello dell’addome.

=> Scopri il cacciatore ferito da un cane


Trascorso d’urgenza in ospedale, il cacciatore non è purtroppo sopravvissuto alle ferite riportate. La notizia ha generato una certa apprensione sui media locali, nonché sulle piattaforme sociali, lasciando aperti numerosi dubbi su come possa essere potuta accadere una tragedia simile. L’uomo aveva un regolare porto d’armi e, come confermato da alcuni testimoni, non era solito ricorrere ad alcolici o farmaci che avrebbero potuto comprometterne la lucidità. Quello accaduto sarebbe quindi un drammatico incidente a tutti gli effetti, senza nessuna precisa responsabilità.

=> Scopri il cacciatore annegato per salvare il suo cane


In molti, tuttavia, hanno chiesto per quale ragione la sicura del fucile – se presente, dato quest’ultimo ancora da vagliare – non sia stata attivata: una semplice precauzione che avrebbe potuto evitare conseguenze letali.

23 gennaio 2018
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento