Le automobili ibride e elettriche si stanno diffondendo a una velocità sostenuta in questi ultimi anni. La crescita però è talmente esponenziale che il mercato si attende un vero e proprio boom nel medio termine.

Ne sono convinti anche i ricercatori del “Navigant Research’s 2013-2020 Electric Vehicle Market Forecast”, i quali hanno analizzato gli sviluppi del mercato automobilistico mondiale. Secondo gli analisti la diffusione delle auto ecologiche può arrivare a coprire una quota di mercato pari al 7% entro il 2020.

Si tratta di numeri importanti, milioni di auto a benzina e diesel tolte dalla strada per far posto a mezzi a basse o zero emissioni. Per la precisione, secondo le stime della ricerca, si parla di 6,6 milioni di auto elettriche o ibride entro il 2020. Tra i fattori che porteranno a questa crescita c’è senza dubbio la maggior consapevolezza da parte degli automobilisti sull’inquinamento prodotto dai propri mezzi, ma non c’è solo questo.

Fondamentale sarà la richiesta di auto meno costose. Anche se al momento dell’acquisto un’auto ecologica può avere un listino più alto di una a benzina, il risparmio arriva dopo in termini di bollo, assicurazione e costo dei carburanti. L’aiuto può arrivare anche dall’industria stessa che, grazie alle nuove tecnologie, può abbassare le voci di costo più importanti, come quella della batteria, riducendo di conseguenza il prezzo finale.

A questo va aggiunto che le stime di crescita del prezzo della benzina, tra tasse e riduzione della disponibilità del petrolio globale, si aggirano intorno al 7,2% tra il 2013 e il 2020, mentre il prezzo della batteria di un’auto elettrica si dovrebbe ridurre del 10-26% nello stesso periodo. Una riduzione importante se si pensa che la batteria rappresenta quasi la metà del prezzo totale di un’auto elettrica. È superfluo infine valutare la differenza del costo dell’elettricità con quello della benzina.

Dalla ricerca risulta che le auto elettriche possono raggiungere livelli di crescita che vanno dall’11,5 al 31,9% annui, a seconda della tecnologia, mentre quelle ibride potrebbero attestarsi intorno al 31,5% all’anno. Il mercato come sempre potrebbe essere trainato dagli Stati Uniti dove le auto ecologiche stanno trovando terreno fertile già oggi.

Tra il 2013 e il 2022 i ricercatori stimano una vendita di circa un milione di vetture considerando soltanto i mercati di California, New York, Washington e Florida, mentre in alcuni Stati, come le Hawaii, il totale delle auto ecologiche potrebbe raggiungere il 10%.

1 ottobre 2013
I vostri commenti
Marco Mancini, giovedì 14 novembre 2013 alle12:16 ha scritto: rispondi »

ciao Elio. Sì, le batterie hanno una durata, ma non è possibile dare un numero preciso di anni perché questo dipende da troppi fattori (dimensione, marca, modello e soprattutto quanto viene utilizzata). Ad ogni modo le stime di Renault dicono che una batteria scaricata e ricaricata quasi ogni giorno può durare fino a 5 anni. Questa stima però è molto relativa, e se si utilizza l'auto elettrica con parsimonia, può durare molto di più.

Elio, martedì 12 novembre 2013 alle22:56 ha scritto: rispondi »

Domanda: ma le batterie delle auto elettriche hanno una durata ? In caso affermativo :quanti anni ? Dovrebbero essere sostituite dopo un lungo perioodo ? Grazie

Lascia un commento