L’alga Wakame, servita in molti piatti giapponesi, è un alimento davvero prezioso grazie al suo altissimo contenuto di antiossidanti e nutrienti essenziali. Quest’alga è una componente fondamentale della dieta macrobiotica giapponese ed è amata nella cucina asiatica per il suo sapore agrodolce. Dall’utilizzo della Wakame nei primi piatti a quello nel tè, questo tesoro marino è una ricchissima fonte di nutrienti: vanta un alto contenuto in proteine e calcio, oltre a proprietà antinfiammatorie e cicatrizzanti.

Proprietà

Piatto di Wakame

Japanese Chuka Wakame seaweed salad via Shutterstock

La Wakame è utilizzata nella medicina orientale per disintossicare il sangue e per migliorare i disturbi digestivi. Inoltre, è nota per le sue proprietà anticancerogene e antigozzo. In più, si tratta di un’alga tipicamente antiage, energizzante per l’organismo e reidratante per pelle e capelli. Non a caso può trovarsi fra gli ingredienti di alcuni prodotti di bellezza.

L’alga proviene dal Giappone, dalla Cina e dalla Corea e cresce nelle grandi foreste di alghe brune, spesso coltivate con tecniche green ed ecosostenibili. In questo ambiente privo di pesticidi e fertilizzanti, le piante marine assorbono le sostanze dal mare: quando le tecniche di coltivazione sono biologiche e le acque non sono inquinate, si riduce la probabilità che le alghe assimilino anche i metalli pesanti contenuti nell’acqua.

Altre alghe affini con la Wakame sono l’Arame, la Kelp, la Kombu e la Hijiki: ognuna di esse ottiene il proprio colore dai carotenoidi, pigmenti antiossidanti che potenziano il sistema immunitario, combattendo le malattie. Questi vegetali marini, inoltre, producono la laminarina, un polisaccaride che può sedare le infiammazioni.

Benefici dell’alga Wakame

Wakame in cestino

Seaweed (wakame) via Shutterstock

Sono diversi i benefici dell’alga Wakame sulla salute, eccone alcuni:

  • Antiossidanti: la Wakame contiene la fucoxantina, una sostanza chimica che aumenta il metabolismo, aiutando il corpo a perdere peso. È inoltre fonte di lignani, potenti antiossidanti utilizzati per combattere il tumore e la crescita delle cellule neoplastiche;
  • Cancro: l’alga ha un alto contenuto di iodio e selenio, due sostanze nutritive che possono abbassare il rischio di cancro al seno. Lo iodio, infatti, sembra innescare l’apoptosi – detto anche “suicidio cellulare” – delle cellule neoplastiche;
  • Proteine: è abbondante di amminoacidi essenziali, come l’alanina e la glicina. Inoltre contiene le laminine, delle glicoproteine dall’azione cardio-protettrice, funzionando contro la calcificazione delle arterie e la pressione alta.
  • Nutrienti: la Wakame è ricca di fibre, oltre che di calcio per rafforzare le ossa e di ferro per energizzare l’organismo. È inoltre ricca di magnesio, un minerale che aiuta la digestione e riduce il gonfiore post-prandiale. Contiene poi preziose vitamine – dalla A alla D, passando per la B12 – quindi è un ottimo integratore per i vegani.
  • Acidi grassi: l’alga ha il più alto contenuto di acidi grassi Omega-3 rispetto a tutte le altre alghe. Contiene anche l’acido grasso EPA (acido eicosapentaenoico),noto per ridurre le infiammazioni del corpo e per aumentare le performance del cervello, oltre che per ridurre il rischio di depressione e malattie cardiache.

Utilizzate pure l’alga aggiungendola in polvere al vostro centrifugato, o sotto forma di alimento secco per guarnire l’insalata. È una semplice e sana aggiunta alla vostra lista settimanale della spesa: si cucina molto facilmente anche nelle zuppe, nei risotti e negli stufati.

16 luglio 2014
Lascia un commento