Pompe di calore, da luglio nuova tariffa elettrica

Pompe di calore, da luglio nuova tariffa elettrica

L'Autorità per l'Energia Elettrica e il Gas ha introdotto una nuova tariffa per gli impianti di riscaldamento a pompa di calore: la soddisfazione di Co.Aer.

Una nuova tariffa elettrica sarà applicata in via sperimentale agli utenti che usano, per riscaldare la propria abitazione, un impianto a pompa di calore. La novità è contenuta nella delibera 607/2013/Reel dell’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas (AEEG) del 19 dicembre 2013.

La nuova tariffa si chiama D1 e sarà applicata, appunto, ai clienti domestici che utilizzano la pompa di calore come unico impianto di riscaldamento. Si tratta di una tariffa lineare, non sussidiata, che rispecchia i costi reali. La novità sarà introdotta partire dal 1 luglio 2014, al termine di una fase di consultazione pubblica.

In questo modo gli utenti dovrebbero veder diminuire drasticamente i costi di gestione degli impianti di climatizzazione a pompa di calore, un fatto questo che, unito all’Ecobonus ancora in vigore nel 2014, farà aumentare i vantaggi economici assicurati dall’installazione di questo tipo di dispositivi.

Commenta Alessandro Riello, presidente di Co.Aer (Associazione Costruttori apparecchiature ed impianti per la climatizzazione e pompe di calore):

Fa piacere ricevere ogni tanto una buona notizia. Abbiamo appreso con soddisfazione che la AEEG (Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas), recependo le nostre istanze, ha ritenuto necessario rimuovere quegli ostacoli derivanti dall’attuale sistema tariffario elettrico a scaglioni di consumo con prezzi crescenti, che rende elevati i costi variabili delle pompe di calore e impedisce la diffusione di questa elettrotecnologia energeticamente efficiente.

Finalmente alla tecnologia delle pompe di calore viene riconosciuto il contributo essenziale che può dare allo sviluppo delle energie rinnovabili e al raggiungimento degli obiettivi di efficienza energetica.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

4women4earth: intervista a Max Paiella