Greenstyle Sostenibilità Consumi Pompe di calore a risparmio energetico, dall’UE il progetto HEAT4U

Pompe di calore a risparmio energetico, dall’UE il progetto HEAT4U

La pompa di calore del futuro usa un mix di metano e aria per ottenere un'efficienza fino al 165%. Per svilupparla nasce il consorzio HEAT4U.

Pompe di calore a risparmio energetico, dall’UE il progetto HEAT4U

Il riscaldamento domestico sarà sempre più al centro delle politiche ambientali italiane ed europee. Il suo impatto sul riscaldamento globale a causa dell’immissione in atmosfera di CO2, da una parte, e sulle emissioni di particolato e polveri sottili, dall’altro, è ormai noto da tempo e va ridotto in fretta, in maniera efficiente e possibilmente anche economica.

L’Unione Europea, dal 2007, sta studiando come fare. Una delle soluzioni possibili, e al momento più promettenti, è quella delle pompe di calore ad assorbimento alimentate a gas metano. Questa tecnologia è al centro del progetto europeo HEAT4U, sostenuto da un consorzio di enti e società private che hanno messo sul tavolo circa 10 milioni di euro.

I soggetti che partecipano al consorzio sono in totale 15: le società italiane Robur, Pininfarina, D’Appolonia e CF Consulting, supportate dall’ENEA e dal Politecnico di Milano, le tedesche Bosch, E.ON e il centro di ricerca Fraunhofer Institute, le francesi GDF Suez e Gas Reseau Distribution France, il gruppo l’inglese British Gas, la polacca Flowair e le slovene Primorje e ZAG. Mezza Europa per favorire la diffusione delle pompe di calore ad assorbimento. Perché?

Semplice: i risultati fino a oggi ottenuti permettono di avere un’efficienza fino al 165%. Il che vuol dire che, spendendo 100 di energia, se ne ottiene 165 in calore. Impossibile? No, perché quel 65% in più viene dalle fonti rinnovabili.

In particolare dall’energia aerotermica. Fonte quasi sconosciuta al grande pubblico, questa nuova rinnovabile è in realtà una delle grandi sfide del futuro. L’aria che ci circonda, in pratica, contiene sempre del calore. Persino quando è a -20 gradi centigradi. Una pompa ad assorbimento non fa altro che strappare questo calore all’aria e immetterlo nel circuito di riscaldamento domestico e in quello dell’acqua calda sanitaria permettendo un enorme risparmio energetico.

Ecco da dove viene quell’energia e quel calore apparentemente prodotti dal nulla: dall’aria che ci circonda. Ma non solo: questo tipo di pompa di calore può essere integrata da altre fonti rinnovabili termiche come la geotermia e il solare sui tetti.

Fatta la tecnologia, bisogna diffonderla. L’obbiettivo del consorzio HEAT4U, quindi, è quello di favorire l’adozione di queste nuove pompe di calore anche negli edifici residenziali di piccola taglia e non solo nei grandi condomini e negli edifici commerciali e industriali.

, Energia Aerotermica

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Quanto consuma una stufa elettrica e come risparmiare
Consumi

La stufa elettrica rappresenta una soluzione comoda e veloce per riscaldare gli ambienti, soprattutto a uso momentaneo. Eppure questo apparecchio è uno dei più energivori presenti sul mercato e, qualora lo si prendesse in considerazione per un uso continuativo, bisogna prestare grande attenzione. Ma quali sono le tipologie di stufe elettriche più diffuse, quanto consumano e come risparmiare sulla bolletta?