Mangiare cibi fritti aumenta il rischio cardiovascolare

Mangiare cibi fritti aumenta il rischio cardiovascolare

Mangiare troppo spesso cibi fritti aumenta il rischio per il cuore e le arterie coronariche secondo uno studio USA.

Mangiare cibi fritti è davvero nocivo per la salute cardiovascolare. Questo è quanto affermano i ricercatori del VA Boston Healthcare System Hospital, alle dipendenze dello United States Department of Veterans Affairs. Stando ai risultati presentati sulla rivista scientifica “Clinical Nutrition” a rischio sarebbero nello specifico le arterie coronariche.

Secondo i ricercatori basterebbe mangiare una volta a settimana patatine fritte, donut (ciambelle fritte) o anelli di cipolla per incrementare il rischio di CAD (Coronary Artery Disease). Lo studio è stato condotto su 154.663 militari inclusi nel Million Veteran Program, che al momento dello studio presentavano un’età media di 64 anni. I risultati hanno portato alla conclusione che più profonda è la frittura del cibo e più facilmente si incorrerà nella patologia cardiovascolare. In buona parte a causa del riscaldamento degli oli impiegati durante la cottura, che rilascerebbero aldeidi responsabili dell’incremento della pressione sanguigna e della riduzione del colesterolo buono HDL (oltre a comprendere un elevato ammontare di calorie e grassi).

A ciascun volontario è stato chiesto con che frequenza consumasse cibi fritti, con valori compresi tra “meno di una volta a settimana” e “tutti i giorni”. A condurre lo studio la dott.ssa Jacqueline Honerlaw, secondo la quale con l’aumentare del numero di porzioni settimanali aumenterebbe anche il rischio CAD: 14,61 ogni 1000 volontari che consumavano fritti una volta a settimana; 16,57/1000 da una a tre volte; 18,28/1000 ogni giorno. L’essere sovrappeso incrementerebbe ulteriormente i pericoli legati al consumo di cibo fritto.

Se da un lato la cottura tramite frittura aumenta i rischi cardiovascolari, dall’altro anche l’olio può rivelarsi un alleato del cuore. Soprattutto scegliendo un olio extravergine d’oliva, ad esempio impiegato con misura a condimento di un’insalata o a crudo su una pizza Margherita. Importante in questi casi affidarsi a prodotti di qualità, certificati e che ne permettano attraverso l’etichetta la tracciabilità.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Smacchiatori naturali per tessuti