Cos’è la claustrofobia, sintomi e trattamenti

Cos’è la claustrofobia, sintomi e trattamenti

Fonte immagine: Pixabay

La claustrofobia è la paura di trovarsi in uno spazio chiuso: ecco come e quando si manifesta, quindi le informazioni sui sintomi e sui trattamenti.

La claustrofobia è la paura di trovarsi in uno spazio chiuso e si manifesta nella maggior parte dei casi con una sensazione spiacevole più o meno intensa, con la paura di perdere il controllo della situazione e del contesto.

La claustrofobia è una delle possibili manifestazioni dell’agorafobia. Le persone che soffrono di quest’ultima sono in linea generale preoccupate da tutte quelle situazioni in cui non riescono a individuare con certezza un modo semplice per fuggire o, ancora, ottenere aiuto nel caso in cui l’ansia dovesse aumentare oltre un certo livello. Questa fobia può cogliere i soggetti che ne soffrono nelle condizioni più disparate, come in treno o sull’autobus, su qualunque altro mezzo di trasporto pubblico a porte chiuse, negli spazi aperti troppo ampi per consentire il controllo, negli ambienti molto affollati, siano essi piazze o centri commerciali, nelle condizioni di completa solitudine.

Quando si manifesta

Aircraft

La claustrofobia è un’esperienza molto individuale. Alcuni pazienti manifestano sintomi di leggero disagio quando si trovano in uno spazio ristretto o affollato, altri invece si sentono estremamente ansiosi e possono sperimentare un vero e proprio attacco di panico. Ecco quali sono le situazioni che con maggiore frequenza scatenano i sintomi della claustrofobia:

  • ascensori;
  • tunnel;
  • treni, autobus affollati o no, aerei;
  • stanze affollate e chiuse o con poche vie di fuga;
  • porte girevoli con spazi di apertura alternati;
  • bagni pubblici;
  • auto con chiusura centralizzata automatica;
  • lavaggio di auto automatici;
  • spogliatoi nei negozi;
  • stanza senza finestre;
  • vestiti stretti.

La claustrofobia, come altri disturbi d’ansia, è una condizione curabile, perciò è indispensabile riferire al medico se alcune situazioni di solito normali cominciano ad essere associate a disagio.

I sintomi della claustrofobia

Il sintomo che di solito si riconduce con facilità a una fobia è il vero e proprio attacco di panico scatenato da un ambiente chiuso. Un attacco di panico è un improvviso e molto intenso episodio di paura. Le sensazioni fisiche possono essere travolgenti e dare in concreto la sensazione di sentirsi mancare.

I sintomi comuni degli attacchi di panico includono:

  • la paura di perdere il controllo o lo svenimento;
  • sentimenti di sventura e timore concreto per la propria incolumità;
  • paura di morire;
  • pensieri rapidi che rendono più difficile il pensiero chiaro;
  • battito cardiaco accelerato;
  • frequenza respiratoria accelerata o mancanza di respiro;
  • sudore intenso e tremori;
  • sensazione di debolezza e vertigini;
  • sensazione di soffocamento;
  • vampate di calore o, al contrario, brividi;
  • confusione, disorientamento e nausea.

Claustrofobia e condizioni di vita

Stress

La claustrofobia, se non adeguatamente trattata, causa una profonda modifica e peggioramento delle condizioni di vita. Gli attacchi di panico possono essere spaventosi e il timore di doverli nuovamente affrontare può cambiare la routine quotidiana. Nei casi più gravi i pazienti potrebbero non sentirsi più in grado di lasciare la propria casa.

Claustrofobia e trattamento

Il medico è il professionista che deve prendere in carico il paziente per seguire la terapia cognitivo comportamentale ed, eventualmente, farmacologica. In ogni caso l’approccio è personalizzato sulla base della condizione di salute di base del paziente.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Crema viso antirughe fai da te