Greenstyle Ambiente Animali Oggi è la Giornata Mondiale degli uccelli migratori

Oggi è la Giornata Mondiale degli uccelli migratori

Ogni secondo sabato di ottobre si celebra la Giornata Mondiale degli uccelli migratori. Ecco perché si festeggia e come mai esiste una seconda ricorrenza.

Oggi è la Giornata Mondiale degli uccelli migratori

Oggi si celebra la Giornata Mondiale degli uccelli migratori. O meglio: una delle due giornate. Questo perché la giornata viene festeggiata il secondo sabato di maggio e il secondo sabato di ottobre, motivo per cui ogni anno la ricorrenza cambia leggermente data.

Ma chi ha avuto l’idea di sensibilizzare l’opinione pubblica sulla tematica delle migrazioni degli uccelli? Beh, diciamo che questa giornata, rispetto ad altre, ha avuto una storia travagliata.

Quando è nata la Giornata Mondiale degli uccelli migratori?

La Giornata Mondiale degli uccelli migratori è stata istituita abbastanza di recente. È stata creata solamente nel 2006 grazie alla collaborazione fra l’AEWA, l’Accordo sulla conservazione degli uccelli acquatici migratori afro-eurasiatici e il CMS, la Convenzione sulla conservazione delle specie migratorie di animali selvatici.

In realtà negli Stati Uniti già dal 1993 si pensava di designare un giorno per sensibilizzare l’opinione pubblica in merito al tema delle migrazioni dei volatili.

All’epoca il Fish and Wildlife Service degli Stati Uniti, lo Smithsonian Migratory Bird Center e il Cornell Laboratory of Ornithology avevano ideato la Giornata Internazionale degli uccelli migratori per incoraggiare l’organizzazione di eventi educativi sull’argomento. Solo che questo appuntamento era presente solo in occidente, mentre mancava nel resto del mondo.

Si arriva così al 2005 quando il Segretariato dell’AEWA decide di organizzare i Migratory Waterbird Days in Africa, Europa e parte dell’Asia. Visto il successo della manifestazione, si decise di ampliare l’ambito della giornata commemorativa includendovi tutti gli uccelli migratori del mondo.

Così si giunge all’8-9 aprile 2006 quando viene lanciata la prima Giornata Mondiale degli uccelli migratori nella riserva naturale di Kuki Gallmann in Kenya. Da allora questa giornata viene celebrata ogni anno, con organizzazione centrale a Bonn, in Germania.

Il 26 ottobre 2017 si decide di unire formalmente la Giornata Internazionale degli uccelli migratori con la Giornata Mondiale degli uccelli migratori. A partire dal 2018 la nuova campagna congiunta adotta il nome di World Migratory Bird Day e si tiene due volte l’anno, il secondo sabato di maggio e il secondo sabato di ottobre.

Perché è nata la Giornata Mondiale degli uccelli migratori?

La Giornata Mondiale degli uccelli migratori nasce con lo scopo di sensibilizzare le persone di tutto il mondo alla necessità di proteggere gli uccelli migratori e i loro habitat. Per fare questo vengono organizzati appuntamenti pubblici, programmi educativi scolastici, documentari ed escursioni di birdwatching, con eventi che vengono registrati ufficialmente sul sito web WMBD.

Fra gli eventi annoveriamo anche laboratori didattici scolastici, spettacoli teatrali, festival, mostre e pure concorsi di pittura.

I principali uccelli migratori

Uccelli migratori presenti in Italia che migrano in primavera sono:

  • albanella minore (è solo di passaggio da noi)
  • anatra marzaiola
  • aquila biancone
  • cicogna bianca
  • falco pecchiaiolo (è solo di passaggio da noi)
  • picchio (migratore parziale)
  • rondine
  • rondone
  • upupa dell’Africa

Fra gli uccelli che da noi migrano in estate ci sono gli aironi, mentre in autunno abbiamo:

  • balestrucci
  • cicogna
  • falco della regina
  • rondini

Fra gli uccelli migratori in inverno in Italia annoveriamo:

  • allocco degli Urali
  • anatra
  • beccaccia di mare
  • cormorano
  • folaga
  • gallinella d’acqua
  • gufo reale
  • pavoncella
  • piviere dorato
  • pulcinella di mare
  • strolaghe
  • sule

Anche fra i cigni ci sono alcune popolazioni che migrano e altre stanziali. Altri famosi uccelli migratori sono i fenicotteri comuni, la cicogna nera, il pellicano bianco, il nibbio bruno, lo zafferano, la cutrettola, il codirosso e l’averla capirossa.

Perché si chiamano uccelli migratori?

Gli uccelli migratori sono quelle specie di volatili che, in diversi periodi dell’anno a seconda della specie e dell’emisfero di appartenenza, compiono migrazioni verso regioni diverse. Gli uccelli solitamente migrano per trovare delle zone più adatte per nidificare, trovando anche maggiori quantità di cibo per nutrire i piccoli. È il caso, per esempio, delle specie che, all’arrivo dei primi freddi, migrano in regioni più calde.

Le diverse specie di uccelli migratori hanno differenti schemi di migrazione in diversi periodi dell’anno, con rotte non uguali. Gli uccelli non migratori, quelli che rimangono sempre nello stesso posto indipendentemente dalle stagioni, sono definiti uccelli stanziali.

Ogni specie migratrice segue una rotta diversa. La maggior parte di loro vola al di sotto dei 600 metri di altezza, ma alcuni superano anche gli 8mila metri, venendo avvistati anche dagli aerei. Anche la lunghezza della migrazione varia a seconda della specie: alcune viaggiano anche per 3mila km al giorno.

Frasi celebri e famose sugli uccelli migratori

Ecco alcune frasi famose, aforismi e citazioni che parlano degli uccelli migratori e questo senza scomodare il famoso proverbio “Un rondine non fa primavera”:

  • Sembra esserci nell’uomo, come nell’uccello, un bisogno di migrazione, una vitale necessità di sentirsi altrove – Marguerite Yourcenar
  • Sotto l’azzurro fitto del cielo qualche uccello di mare se ne va; né sosta mai: perché tutte le immagini portano scritto “più in là” – Eugenio Montale
  • Sono stormi, queste ottave di novembre, si chiamano a raccolta come per istinto, da settimane fanno disegni sopra i tetti. È il freddo, dicono gli etologi, o è la luce che ora spegne il giorno troppo presto. A metà dicembre, pare, se ne andranno tutti, il cielo di colpo cambierà la voce – Andrea Bajani

Come si festeggia la Giornata Mondiale degli uccelli migratori?

In tutto il mondo, durante la Giornata Mondiale degli uccelli migratori, vengono organizzati eventi e convegni a tema. Ogni anno verrà affrontata una tematica particolare: quella del 2022 è l’inquinamento luminoso.

L’illuminazione artificiale sta aumentando a livello globale di almeno il 2% ogni anno, fattore che influisce negativamente su parecchie specie di uccelli. L’inquinamento luminoso è particolarmente pericoloso per gli uccelli migratori in quanto causa loro disorientamento quando volano di notte, provoca collisioni con gli edifici e interferisce con la loro capacità di migrare sulle lunghe distanze.

Per ovviare al problema si potrebbe, per esempio, abbassare le luci degli edifici durante le fasi migratorie in primavera e in autunno.

Per partecipare a questa giornata potresti controllare se ci siano eventi, manifestazioni o convegni a tema organizzati dalle tue parti. Oppure potresti decidere di passare una giornata in una delle Oasi del WWF o dei Centri Lipu per fare birdwatching e imparare qualcosa di più sugli uccelli.

 

Fonti

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Giornata mondiale degli abbracci: perché cade il 21 gennaio e 3 benefici del gesto
Benessere

La Giornata mondiale degli abbracci, che si celebra il 21 gennaio, festeggia una delle manifestazioni di affetto più potenti e ricche di effetti positivi per il nostro benessere e la nostra salute psico-fisica. L’abbraccio ci fa sentire accolti, sostenuti e coccolati, stimola il rilascio di ossitocina, il cosiddetto “ormone dell’amore”, ci protegge da stress e malattie. Vediamo perché abbracciarsi è tanto benefico e come celebrare questo gesto insieme alle persone a cui vogliamo bene.