Greenstyle Casa & Giardino Orto & giardino Piante Echinacea: come coltivare e curare la pianta

Echinacea: come coltivare e curare la pianta

L'echinacea è molto nota per le sue proprietà benefiche ed i suoi effetti sulla nostra salute. Ma la pianta si può anche coltivare per fini ornamentali.

Echinacea: come coltivare e curare la pianta

Fonte immagine: pixabay

L’echinacea è un genere di pianta erbacea perenne, che appartiene alla famiglia delle Asteraceae, di cui fanno parte nove specie. Originaria del nord America, è conosciuta oltre per il carattere ornamentale, con i suoi suggestivi fiori, anche per le numerose proprietà erboristiche.

Di seguito le caratteristiche della pianta e come coltivarla e curarla per decorare il giardino o balcone con le sue infiorescenze.

Descrizione

L’echinacea, come detto, è coltivata per i fiori decorativi ma anche per le proprietà erboristiche. Una delle caratteristiche di questa pianta è quella di resistere alla siccità. Cresce dai 50 fino a 150 cm di altezza con un portamento eretto e a seconda della specie il fusto ha poche o molte foglie.

Le foglie sono normalmente pelose con una consistenza ruvida, ma a volte mancano di peli. Le foglie basali e le foglie del gambo inferiore hanno piccioli e man mano che le foglie avanzano lungo lo stelo i piccioli spesso diminuiscono di lunghezza.

Le lame fogliari in specie diverse possono avere uno, tre o cinque nervi. Alcune specie hanno foglie da lineari a lanceolate e altre hanno foglie da ellittiche a ovate; spesso le foglie diminuiscono di dimensioni man mano che avanzano lungo gli steli.

Le basi delle foglie aumentano gradualmente di larghezza lontano dai piccioli o le basi sono arrotondate a forma di cuore. La maggior parte delle specie ha margini fogliari interi, ma a volte sono dentati o seghettati.

Ad eccezione dell’Echinacea purpurea che cresce da radici fibrose, le altre specie hanno radici a fittone.

I fiori dell’echinacea

echinacea
Fonte: pixabay

I fiori sono raccolti in singole teste arrotondate alle estremità di lunghi peduncoli. Le infiorescenze hanno involucri da crateriformi a emisferici larghi 12–40 mm. I filari, o brattee sotto il capolino, sono persistenti e contano da 15 a 50. I filari sono prodotti in una serie di 2–4. I ricettacoli sono emisferici a conici.

Le paleae hanno estremità da arancioni a porpora rossastre e sono più lunghe delle corolle del disco. I tubi della corolla sono glabri o scarsamente pelosi e le lamine sono distese, riflesse o cadenti e di forma da lineare a ellittica o obovata. Le facce abassiali delle lamine sono glabre o moderatamente pelose.

I capolini hanno tipicamente 200-300 fiori bisessuali fertili, ma alcuni ne hanno di più. Le corolle sono rosate, verdastre, porpora rossastre o gialle e hanno tubi più corti delle gole. Il polline è normalmente giallo nella maggior parte delle specie, ma solitamente bianco nell’echinacea pallida.

I frutti a tre o quattro angoli, cypselae, sono marrone chiaro o bicolori con una fascia marrone scuro.

Come tutti i membri della famiglia, la struttura fiorita è un’infiorescenza composita, con fiori rosa, raramente gialli o bianchi, disposti in una testa prominente conica. Le piante sono generalmente longeve.

Etimologia del nome

Il famoso botanico e naturalista Linneo diede il nome a questo genere chiamandolo Rudbeckia, per omaggiare Olaus Rudbeck, un botanico svedese del diciassettesimo secolo. Successivamente fu cambiato il nome da Moench, nel 1794, con Echinacea, derivante dalla parola greca echinos, riccio.

Il motivo del riferimento si pensa sia dovuto alla struttura de semi, che presentano denti appuntiti, o alle brattee pungenti.

Coltivazione e cura dell’echinacea

L’echinacea è una pianta molto semplice da coltivare, in grado di adattarsi facilmente e resistere alla siccità. Principalmente l’echinacea è una pianta da giardino, tuttavia è possibile anche coltivarla in vaso. Scopriamo come curare questa pianta, seguendo alcuni consigli per farla crescere al meglio.

Quando si semina l’Echinacea?

L’echinacea si può coltivare per divisione dei cespi ,come molte piante aromatiche, o direttamente dal seme, nei mesi primaverili o in autunno. È facile da coltivare dai semi, ma richiede un periodo freddo e umido per germinare.

I semi devono essere seminati fittamente in autunno, coprendo leggermente per scoraggiare gli uccelli dal mangiarli. I semi germoglieranno in primavera. La maggior parte delle piante fiorirà durante il secondo anno, per questo può essere più vantaggioso utilizzare la divisone dei cespi.

Posizione

Dove piantare Echinacea?  Prospera in pieno sole parziale. Le piante hanno bisogno di almeno quattro ore di luce solare al giorno. Queste piante crescono in natura lungo i bordi dei boschi, quindi prospereranno in luoghi con ombra mattutina e sole pomeridiano o viceversa.

Terreno

L’echinacea tollera molti tipi di terreno anche roccioso e povero, tuttavia non crescerà in un terreno umido e fangoso. Per questo nel momento della semina è consigliato aggiungere del compost per rendere drenante il terreno.

Irrigazione

La pianta non ha bisogno di molta acqua; tuttavia, le giovani piante andranno annaffiate per aiutarle a stabilire nuove radici. Di solito ogni due giorni subito dopo la semina, passando a un paio di volte a settimana, a una volta a settimana, a settimane alterne, per annaffiare infine solo quando c’è un momento di siccità.

Il secondo anno dopo la semina e oltre non si dovrebbe annaffiare a meno che non siano trascorse varie settimane senza pioggia. Sono infatti, piante estremamente resistenti al secco.

Fertilizzante

La maggior parte delle piante perenni non ha bisogno di applicazioni di fertilizzanti stagionali. La pacciamatura delle piante di echinacea in primavera con il compost dovrebbe essere sufficiente a meno che il giardino non abbia carenze nutrizionali specifiche.

Nel caso in cui le piante stiano crescendo con molte foglie ma senza fiori, o le foglie sono di colore viola o giallo, fai un test del suolo per determinare quali nutrienti mancano e regolati di conseguenza.

Potatura

Si può prolungare il già lungo periodo di fioritura delle piante di Echinacea eliminandole. Tagliare i fiori morti su una foglia dove si può notare un bocciolo pronto a gonfiarsi e spezzarsi. Verso la fine della fioritura, si possono lasciare alcune infiorescenze sulla pianta.

È possibile inoltre ritardare la fioritura dell’intera pianta tagliando gli arbusti a giugno a circa 50 cm di altezza. Potando alcune delle piante, ma non tutte, si potrà avere una stagione di fioritura dell’echinacea sfalsata.

Divisione e trapianto

L’echinacea non ama essere trapiantata. Poiché ha radici a fittoni, è difficile rimuovere completamente la pianta dal terreno e una volta ripiantata avrà difficoltà a ristabilirsi. Se il trapianto è necessario, è consigliato farlo in primavera e scavare una zolla intorno alla pianta più grande possibile. Reimpiantare immediatamente.

Parassiti e malattie

Le piante hanno pochi problemi di parassiti e malattie. Scarabeo giapponese, oidio e punteruoli della vite a volte la colpiscono. Non c’è molto che si può fare per questi attacchi, ma raramente sono gravi da richiedere un trattamento.

Un problema di questa pianta è invece quello di soffrire molto i ristagni che possono far insorgere malattie fungine.

Echinacea in vaso

echinacea
Fonte: pixabay

L’echinacea, essendo perenne, viene spesso piantata nel terreno, ma è possibile anche coltivarla in vaso. L’importante che i contenitori siano abbastanza profondi per il fittone della pianta.

Ecco alcuni consigli per coltivare l’echinacea in vaso:

  • Stendere la ghiaia sbriciolata sul fondo dei vasi per il drenaggio. Riempire il vaso a metà con il terriccio. Schiacciare. Piantare l’echinacea circa 2 cm sotto il bordo del vaso, allargando le radici. Aggiungere il terreno lentamente fino a quando non è uniforme con la parte superiore della pianta, comprimendo leggermente. Innaffiare abbondantemente.
  • Tenere i vasi in ombra parziale per 2 o 3 giorni, quindi posizionarli in pieno sole mattutino e in ombra parziale nel pomeriggio.
  • Innaffiare sempre in profondità a livello del suolo con terreno asciutto al tatto. L’acqua sulle foglie può causare malattie fungine.
  • Concimare ogni paio di giorni con un prodotto idrosolubile 10-10-10.
  • Per svernare, potare le piante a livello del suolo quando la crescita rallenta in autunno.
  • Spostare il vaso in un’area fresca con luce indiretta da bassa a moderata.
  • Controllare il terreno ogni due settimane e annaffiare leggermente se asciutto.
  • Quando la nuova crescita appare in primavera, spostare il vaso in un’area più luminosa e calda. Spostare la pianta aiuta a prepararla a vivere all’aperto in primavera e in estate.
  • Usare un sapone insetticida o uno spray con una soluzione di olio di neem se si notano afidi o parassiti.
  • Ogni 3 o 4 anni, in primavera dopo l’inizio della nuova crescita, dividere e rinvasare le piante di echinacea.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Piante da regalare a Natale con 10 fiori di buon augurio
Piante

Piante e fiori da regalare in occasione del Natale, per un dono molto gradito. Sono moltissime le varietà vegetali scelte per decorare la casa durante il periodo natalizio, sia per i loro colori che per i loro significati: dalla classica stella di Natale alla salvia, si tratta di un regalo che simboleggia prosperità e benessere in vista dell’anno nuovo. Ma quali piante da coltivare scegliere e, ancora, quali varietà recise offrire ad amici e parenti?