Dieta: i semi che sbloccano il metabolismo

Dieta: i semi che sbloccano il metabolismo

Come usare i semi di lino e non solo per accelerare il metabolismo: la dieta da seguire.

Inserire nella dieta quotidiana la giusta dose di semi oleosi può aiutare a velocizzare il metabolismo e quindi a mantenersi più facilmente in linea bruciando i grassi. I più comuni e pratici da utilizzare in cucina sono i semi di sesamo, zucca, girasole e i semi di lino. Ognuno di essi ha delle proprietà benefiche ma non bisogna eccedere con il consumo in quanto contengono oltre a fibre e calcio anche molti lipidi. Affinché l’uso di questi semi all’interno dell’alimentazione quotidiana svolga il suo benefico effetto non si deve superare la dose di 2 cucchiaini al giorno.

Il sesamo è ottimo per riattivare la circolazione e favorire la diuresi eliminando quindi i liquidi in eccesso. Contiene preziose sostanze come zinco, selenio, fosforo, potassio, magnesio, vitamine A, E, B6 e niacina. Nella dieta può essere consumato in semi aggiunti a zuppe, insalate e yogurt oppure macinati e usati al posto del sale per insaporire i piatti. Si possono inoltre tritare e usare come impanatura per polpette o ancora tostati in padella.

semi di lino sono indicati per chi soffre di stipsi e gonfiori grazie alle fibre e agli Omega3 in essi contenuti. Sono anche utili nella prevenzione dei tumori di seno, prostata e colon-retto e anche nella prevenzione e cura di patologie cardiovascolari, ipertensione e diabete. Si possono consumare interi o macinati e aggiunti in insalata, alle zuppe oppure amalgamati nell’impasto del pane.
Per riattivare l’intestino pigro bere ogni mattina una miscela di acqua tiepida con 2 cucchiaini di semi di lino lasciati a riposare la notte precedente. Infine non tutti sanno che i semi di lino macinati possono essere anche un ottimo sostituto delle uova: un cucchiaio di lino macinato mischiato a tre cucchiai di liquido sostituiscono un uovo nella cottura al forno per la preparazione di biscotti e torte.
Per rassodare e prevenire la comparsa delle smagliature aggiungere i semi di girasole all’alimentazione consumandoli come snack o insieme allo yogurt. Grazie a un’alta percentuale di selenio e vitamina E, un potente antiossidante che protegge i tessuti, la pelle, le membrane e le pareti dei vasi sanguigni, i semi di girasole svolgono un’azione antinfiammatoria e rassodante.

Infine i semi di zucca sono ricchi di fibre, Omega3 e un’alta percentuale di ferro. Aiutano a sentirsi sazie e garantiscono una scorta di fibre snellenti purché si consumino senza sale che altrimenti favorisce la ritenzione idrica. In cucina possono essere frullati e utilizzati in aggiunta alle insalate e alle minestre, oppure dopo averli ammollati nell’acqua per una notte essere amalgamati con l’impasto del pane. Infine possono essere gustati anche come un veloce spuntino.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Top Green Influencer: intervista ad Alfonso Pecoraro Scanio