Greenstyle Casa & Giardino Orto & giardino Orto Cosa coltivare nell’orto idroponico?

Cosa coltivare nell’orto idroponico?

L'orto idroponico rappresenta la soluzione ideale per chi vuole massimizzare il raccolto, approfittando però di piccoli spazi. Ma quali sono le varietà di verdure e ortaggi che meglio si adattano alla coltivazione fuori terra? Dalle verdure a foglia verde fino a pomodori e peperoni, passando per le principali erbe aromatiche, nell'orto idroponico si può coltivare davvero di tutto. Anche numerose piante ornamentali, per trasformare un piccolo balcone in un vero e proprio giardino fiorito.

Cosa coltivare nell’orto idroponico?

Fonte immagine: Pixabay

Cosa coltivare all’interno di un orto idroponico, allo scopo di massimizzare il raccolto e gli spazi a propria disposizione? È questa una delle principali domande che sorge negli appassionati di giardinaggio che, per la prima volta, si avvicinano a questa modalità di coltivazione. L’orto idroponico permette infatti di ottenere raccolti rigogliosi fuori terra, avvalendosi soltanto di acqua e di alcune sostanze nutritive utili alle piante. Ma quali varietà scegliere?

Così come già spiegato in un precedente articolo, la versatilità dell’orto idroponico permette di trasformare anche piccoli spazi in aree verdi e fiorite. Proprio poiché non si avvale di terriccio, e sfrutta piccole quantità d’acqua, offre la possibilità di massimizzare la crescita su un piccolo balcone o, ancora, approfittando di un orto verticale. Di seguito, tutte le informazioni utili sulle varietà più indicate per un orto idroponico domestico.

Cosa coltivare nell’orto idroponico

L’orto idroponico rappresenta uno spazio di coltivazione basato sulle tecniche dell’omonima agricoltura idroponica. Questa disciplina prevede che le piante prescelte non approfittino del terreno per la loro crescita, bensì unicamente di acqua arricchita di alcune sostanze nutritive. Le varietà prescelte vengono infatti immerse direttamente in acqua, in appositi fori, e le radici possono approfittare di alcuni elementi di sostegno come palline di argilla espansa, perlite e molto altro ancora.

I vantaggi di questa tipologia di coltivazione sono notevoli: dalla riduzione dei consumi idrici, poiché verdure e ortaggi non richiedono frequenti annaffiature, fino a una crescita più veloce poiché la pianta può concentrarsi sullo sviluppo delle sue parti aeree anziché sulle radici. Ma quali varietà è possibile coltivare?

Caratteristiche delle piante per la coltivazione idroponica

In linea generale, la gran parte delle specie ornamentali o da orto può adattarsi egregiamente alla coltivazione idroponica, purché si provveda sempre a fornire alle piante prescelte le sostanze nutritive di cui hanno bisogno. Fatta questa premessa, è utile verificare alcune caratteristiche di verdure e ortaggi che si sceglieranno:

  • Adattamento all’umidità: poiché l’orto idroponico si basa sulla presenza costante di acqua in ricircolo, anziché sul terriccio, si tratta di una coltivazione dai livelli di umidità medio-alti. Non tutte le specie amano questa particolare configurazione: è il caso delle piante grasse, ad esempio, che preferiscono invece ambienti più secchi;
  • Sviluppo delle radici: le piante che tendono a sviluppare un apparato radicale molto corposo ed esteso potrebbero non essere adatte a un orto idroponico, se di piccole dimensioni. Non è la tecnica in sé a rappresentare un problema, bensì la grandezza della struttura a propria disposizione;
  • Adattamento delle bulbose: l’agricoltura idroponica garantisce una crescita rigogliosa anche della maggior parte delle bulbose, come ad esempio i tulipani, ma l’opportunità va valutata per ogni singola specie. Alcune piante, ad esempio, presentano bulbi che rischiano di marcire con il contatto prolungato con l’acqua.

Orto idroponico: le piante da orto

Pomodori

Sono molti gli ortaggi e le verdure che sono in grado di adattarsi più che efficacemente all’orto idroponico, in particolare quelle a foglia verde: sono le specie, infatti, che traggono i maggiori benefici da questo tipo di coltivazione. Ma quali scegliere?

  • Verdura a foglia verde: ad esempio lattuga, radicchio, cicoria, cavolo, sedano, biete da costa e da taglio, spinaci e molti altri ancora;
  • Ortaggi: fra i più comuni, si elencano pomodori, peperoni, cetrioli, aglio, cipolla, zenzero e altri ancora;
  • Piante aromatiche: basilico, prezzemolo, coriandolo, salvia, origano, maggiorana, pepe, menta, crescione e tanti alti ancora.

Orto idroponico: le piante ornamentali

Monstera, foglia

Grazie alle tecniche di coltivazione in acqua, l’orto idroponico può diventare anche la soluzione ideale per la coltivazione di numerose piante ornamentali. E, date le dimensioni ristrette che occupa, può trasformare un piccolo terrazzo in un vero e proprio paradiso di colori e fioriture. Anche in questo caso, quali varietà scegliere?

  • Piante d’appartamento: tutte le varietà ornamentali dalle grandi foglie verdi, come il ficus benjamin, il pothos, il filodendro, la dracena, lo spatifillo, la saintpaulia, la monstera e molti altri ancora;
  • Piante con radici aeree: la coltivazione idroponica è perfetta per le orchidee, la maranta e tutte quelle varietà che possono avvalersi anche di radici aeree;
  • Piante da fiore: dall’allium ai gerani, passando per tulipani, petunie, surfinia e molto altro ancora. Quasi tutte le piante dalla fioritura estiva possono adattarsi all’orto idroponico.

Fonte:

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Agricoltura sostenibile, la differenza tra agricoltura biologica e biodinamica
Orto

Entrambe sono esempi di agricoltura sostenibile. L’agricoltura biologica evita pesticidi e fertilizzanti sintetici, promuove la biodiversità. Così come la biodinamica che però, essendo influenzata dall’antroposofia, va oltre facendo leva su aspetti spirituali e cosmici. Quest’ultima impiega preparati biodinamici, segue il calendario lunare e vede il terreno come un organismo vivente. Entrambe cercano di preservare l’ambiente e la fertilità del suolo, ma sono diversamente regolamentate.