Greenstyle Casa & Giardino Casa Riciclo Certificazione EPEAT anche per stampanti e fotocopiatrici

Certificazione EPEAT anche per stampanti e fotocopiatrici

L'EPEAT, l'organizzazione per la certificazione dei prodotti elettronici, allarga il suo registro anche a stampanti e a fotocopiatrici.

Certificazione EPEAT anche per stampanti e fotocopiatrici

L’Electronic Product Environmental Assessment Tool (EPEAT) da diversi anni aiuta le aziende informatiche e i consumatori a essere più attenti alle necessità dell’ambiente. Il registro, infatti, raccoglie tutti gli standard per monitor e computer affinché vengano eliminate sostanze tossiche, si limiti il consumo energetico, si costruiscano prodotti dall’elevato ciclo di vita e con materiali il più possibile riciclati. Oggi il sistema si allarga, includendo altri dispositivi di larghissimo consumo: le stampanti e le fotocopiatrici.

>>Scopri EPEAT ed EcoLogo per l’ambiente

La maggior parte dei prodotti dedicati alla stampa sono particolarmente inquinanti, soprattutto per il ricorso alla carta e altri prodotti chimici quali toner e inchiostri. Per agevolare le aziende a essere più consapevoli nei confronti dell’ambiente e aiutare i clienti a fare scelte d’acquisto sensate, l’EPEAT ha allargato il suo database a questi dispositivi elettronici d’ufficio, tracciando le linee guida dei loro standard.

Sono 33 i requisiti minimi che i produttori di stampanti dovranno rispettare per ottenere la certificazione EPEAT, ai quali si aggiungeranno altri fattori facoltativi che, qualora raggiungessero un minimo di 26 standard, consentiranno di ottenere punteggi speciali e riconoscimenti. Al momento, sono già sei i produttori entrati nella lista dei certificati – Canon, Dell, Lexmark, Epson, Ricoh e Xerox – e altri tre hanno iniziato la fase di testing – Samsung, HP e Konica Minolta. Insieme, questi produttori rappresentano l’80% dell’intero mercato della stampa mondiale, tra stampanti, fotocopiatrici e scanner.

>>Scopri l’elettronica pulita dell’EPEAT

La politica a stelle e strisce ha già premiato l’iniziativa, tanto che molte amministrazioni pubbliche hanno deciso di acquistare solo prodotti d’ufficio riconosciuti dall’EPEAT. Così spiega Earl Blumenauer, membro della Camera dei Rappresentanti dell’Oregon:

«Sono orgoglioso che il mio distretto accolga un’organizzazione che sta facendo davvero la differenza non solo negli Stati Uniti, ma in tutto il mondo. Il governo federale è d’esempio abbracciando gli standard EPEAT per un’elettronica più green, e sono ansioso di vedere quale sarà il positivo impatto di un registro EPEAT allargato. Il successo di EPEAT dimostra come un approccio a incentivi possa muovere i mercati e come il lavoro congiunto dei portatori d’interesse possa davvero essere un catalizzatore al cambiamento.»

Per consultare il database dell’organizzazione, così da verificare se i prodotti disponibili in casa o in ufficio ne rispettino gli standard, ci si può collegare al sito ufficiale.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Quanto consuma una stufa elettrica e come risparmiare
Consumi

La stufa elettrica rappresenta una soluzione comoda e veloce per riscaldare gli ambienti, soprattutto a uso momentaneo. Eppure questo apparecchio è uno dei più energivori presenti sul mercato e, qualora lo si prendesse in considerazione per un uso continuativo, bisogna prestare grande attenzione. Ma quali sono le tipologie di stufe elettriche più diffuse, quanto consumano e come risparmiare sulla bolletta?