Greenstyle Ambiente Animali Un bradipo dal selfie irresistibile

Un bradipo dal selfie irresistibile

Un selfie di un bradipo decisamente rilassato conquista i social network: l'animale sembra sdraiato su un divano, pronto all'ozio perenne.

Un bradipo dal selfie irresistibile

Maestro di lentezza e irresistibile nel suo relax, il bradipo è uno di quegli animali capace di conquistare la simpatia di chiunque incroci la sua strada. Stabile sui suoi rami, da cui scende solo per abbeverarsi e per espletare le sue funzioni fisiologiche, questo animale è il simbolo dell’ozio massimo. Un rappresentante di questa famiglia, tuttavia, è immediatamente divenuto virale grazie a un selfie insolito e singolare.

Lo scatto è stato realizzato dall’utente Msvikernes, il quale ha condiviso la fotografia sulla piattaforma Reddit, dove poi è stato condiviso letteralmente in massa. Tanto che, su portali come Facebook e Twitter, in molti hanno già definito il bradipo protagonista come “il perfetto animale guida”. Per quale motivo?

Incrociato un esemplare sulla sua strada, il giovane ha deciso di riprenderlo allungando il proprio selfie stick, così da ottenere un’inquadratura più ravvicinata. Quanto basta per riprendere il lento animale con gli arti anteriori adagiati dietro il capo, in posizione supina, come se si stesse rilassando su un divano o fosse pronto a prendere il sole in spiaggia. A completare il tutto, un accenno di sorriso, quanto rende la fotografia davvero irresistibile. Di seguito, la tanto condivisa immagine.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Parvovirosi nel cane: cause, sintomi, cure
Animali

La parvovirosi è una malattia infettiva e molto contagiosa del cane. Chiamata anche gastroenterite emorragica, colpisce soprattutto i cuccioli. Spesso il suo decorso è mortale. Il Parvovirus è molto resistente nell’ambiente. I sintomi sono quelli di una grave gastroenterite con vomito, diarrea emorragica, e disidratazione. Dopo aver fatto diagnosi differenziale col cimurro, si attua una cura sintomatica visto che non esiste una terapia specifica. Tuttavia esiste un vaccino.