Greenstyle Sostenibilità Energia A cosa servono le batterie di accumulo

A cosa servono le batterie di accumulo

Le batterie di accumulo per fotovoltaico sono dei dispositivi che consentono di immagazzinare l'energia solare e utilizzarla quando serve, sia di giorno che di notte. Questa soluzione permette di ottimizzare a pieno i pannelli fotovoltaici, ridurre il peso della bolletta e dare una mano all'ambiente.

A cosa servono le batterie di accumulo

Fonte immagine: iStock

Quando si parla di impianti fotovoltaici, quasi sempre sentiamo parlare anche delle batterie di accumulo, ma a cosa servono questi dispositivi? E quando è consigliabile l’installazione di tali batterie? Le batterie di accumulo sono proprio quello che sembrano, vale a dire dei sistemi che permettono di accumulare l’energia che viene prodotta dai pannelli fotovoltaici e che non viene sfruttata “direttamente”.

Come vedremo, infatti, un pannello fotovoltaico senza batteria di accumulo consente di utilizzare l’energia auto-prodotta solamente durante il giorno, ma non possiamo utilizzarla la sera o quando piove.

Grazie a questi dispositivi, invece, è possibile ottimizzare il funzionamento dei pannelli e rendersi più indipendenti dal punto di vista energetico.

Scopriamo ora a cosa servono gli accumulatori e quando conviene installare le batterie di accumulo.

Cosa sono le batterie di accumulo?

Riassumendo quanto detto fino ad ora, le batterie di accumulo sono degli strumenti che permettono di immagazzinare l’energia extra prodotta dai pannelli fotovoltaici, e di utilizzarla quando l’impianto non è in funzione (ad esempio la sera o nei giorni di pioggia).

In passato le batterie di accumulo venivano realizzate utilizzando piombo acido, il che le rendeva potenzialmente pericolose per la salute. Oggi, tuttavia, le cose sono molto cambiate.

La stragrande maggioranza delle batterie per fotovoltaico è infatti realizzata con ioni di litio, per cui si tratta di batterie non molto dissimili da quelle impiegate per Pc e cellulari. Ciò significa che tali dispositivi sono del tutto innocui per la salute.

A cosa servono le batterie di accumulo per il fotovoltaico

impianto fotovoltaico
Fonte: iStock

Sappiamo adesso che queste speciali batterie permettono di raccogliere l’energia prodotta dai pannelli e di utilizzarla quando ne abbiamo bisogno. Ma come funziona il fotovoltaico con batterie di accumulo, e soprattutto, perché è così necessario accumulare l’energia?

Semplice: i pannelli fotovoltaici sprovvisti di batteria di accumulo possono trasformare l’energia del sole in energia elettrica, che verrà utilizzata per alimentare sul momento i dispositivi elettronici dell’abitazione.

L’energia extra prodotta verrà ceduta alla rete elettrica dietro un compenso economico. Tale compenso, però, è inferiore rispetto al costo vero e proprio dell’energia elettrica. Quando manca il sole, inoltre, l’edificio deve essere alimentato attraverso la normale fornitura energetica erogata dal proprio gestore. Com’è facile immaginare, un simile meccanismo potrebbe non risultare granché vantaggioso.

Dotarsi di un accumulatore per fotovoltaico permette, invece, di ricavare energia dal sole, sfruttarla sul momento e immagazzinare quella extra per i momenti in cui i pannelli non sono in funzione.

Quanto durano gli accumulatori per fotovoltaico?

Solitamente, le batterie di accumulo al litio garantiscono ottime prestazioni per almeno 10 anni, a differenza di quelle al piombo che hanno una durata media di 5-6 anni.

Le prime, inoltre, offrono migliori prestazioni, sono più sicure per la salute e garantiscono una maggiore efficienza. Dobbiamo però ricordare che le batterie al litio hanno un prezzo più elevato rispetto a quelle al piombo. Tuttavia, l’investimento si ripagherà da sé nell’arco di pochi anni.

Quanto costa una batteria di accumulo per fotovoltaico?

Il costo della batteria di accumulo dipende da diversi fattori, ovvero dalla grandezza dell’impianto e dalla tipologia di batteria scelta. A seconda delle soluzioni adottate, il prezzo può andare da poche centinaia ad alcune migliaia di euro.

La buona notizia è che per tali dispositivi sono disponibili degli incentivi statali (Bonus fotovoltaico) e superbonus utili per ammortizzare di molto la spesa.

Quando conviene mettere le batterie di accumulo?

Conviene installare delle batterie di accumulo quando, in base alle rilevazioni del contatore, i nostri consumi energetici risultano maggiori durante le ore serali e notturne rispetto alle ore diurne.

In linea di massima, però, è sempre utile dotare il proprio impianto fotovoltaico di appositi accumulatori.

Queste speciali batterie, infatti, permettono di rendersi più autonomi e indipendenti dal punto di vista energetico, e di dare una mano all’ambiente sfruttando un tipo di energia rinnovabile e sostenibile.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Come funziona una pompa di calore full electric?
Energia

A cosa serve e come funziona la pompa di calore full electric? Questo tipo di tecnologia è adatto per riscaldare o rinfrescare gli ambienti in modo sostenibile, e può anche produrre acqua calda sanitaria. Nella scelta del mezzo di riscaldamento ideale bisogna sempre considerare i pro e i contro, e i vantaggi di questa tecnologia sembrano superare di gran lunga gli svantaggi.