L’acne colpisce la pelle soprattutto nel caso degli adolescenti, ma non risparmia neanche gli adulti. Può dipendere da molti fattori, come i cambiamenti ormonali, l’inquinamento, un’igiene insufficiente o una cattiva alimentazione. Per rimediare ai disagi provocati da questo disturbo stessa, vi sono trattamenti efficaci a base di prodotti naturali, come la viola del pensiero.

La viola del pensiero è un fiore bellissimo, ma ha anche ottime proprietà terapeutiche dovute ai principi attivi che contiene: saponosidi, mucillagini, salicilato di metile, tannini e flavonoidi. Questi componenti hanno proprietà cicatrizzanti e lenitive per i tessuti, oltre che antinfiammatorie e depurative per il corpo, e tutto ciò può avvenire sia per uso interno che esterno. Per questo motivo, la viola del pensiero può essere un ottimo coadiuvante nelle cure mediche contro acne, brufoli e pelle impura.

Tè di viola del pensiero: per uso interno

La viola del pensiero ha proprietà depurative e antiallergiche, che la rendono perfetta per i trattamenti contro l’acne. È possibile preparare un decotto di viola del pensiero in questo modo: fate bollire un cucchiaino di fiori secchi di viola del pensiero con 250 ml di acqua, filtrate e lasciate raffreddare il tutto. Bevete 2-3 tazze di questo tè ogni giorno, mezzora prima dei pasti. Si consiglia di seguire questo trattamento per almeno un mese, per vedere i primi risultati. Dopo trenta giorni fate una pausa e, dopo qualche settimana, ripetete il tutto.

Viola del pensiero: uso esterno

Sono molti gli utilizzi esterni della viola del pensiero. Di seguito, alcune casistiche:

  • Applicazioni locali: preparate un infuso versando una tazza di acqua bollente su di un cucchiaio di fiori essiccati e adagiati una seconda tazza. Aspettate il tempo necessario per far raffreddare l’infuso: dovendolo applicare sulla pelle, è fondamentale che non scotti, o al contrario vi ustionereste. Quindi imbevete un batuffolo di cotone nella lozione e, dopo averlo strizzato leggermente, applicatelo sulla pelle grassa o con brufoli e impurità, lasciandolo agire una decina di minuti. Queste applicazioni locali sono ottime per curare soprattutto i brufoli sotto pelle e per decongestionare le parti infiammate della pelle stessa.
    Una volta a settimana, poi, potete usare lo stesso infuso imbevendovi una garza e lasciandola agire sulla porzione di pelle interessata per almeno 20 minuti. Anche in questo caso, assicuratevi che l’infuso si sia raffreddato prima di porlo sulla pelle, onde evitare di scottarvi.
  • Bagno con aceto di viola: questo metodo è utile per la pelle grassa del corpo. Prendete 50 g di fiori essiccati di viola del pensiero e fateli macerare a freddo, per una settimana, in un recipiente di vetro con coperchio ermetico, con un litro di aceto di mele. Durante la settimana di macerazione, capovolgete il recipiente una volta al giorno. Passato questo periodo, filtrate il liquido con un colino a maglie strette e travasatelo in una bottiglia. Diluite una parte di aceto di viola del pensiero nell’acqua tiepida di una vasca e immergetevi per un bagno. L’intera preparazione può essere usata per 4 o 5 bagni.

30 novembre 2015
Immagini:
Lascia un commento