L’umore dei vegetariani è migliore di quello degli onnivori. Il risultato sarebbe stato ottenuto da due distinte ricerche condotte negli USA, la prima presso l’Harvard School of Public Health e la seconda nei laboratori dell’Arizona State University. A favorire una visione “in rosa” del mondo sarebbe il consumo giornaliero di frutta e verdura.

>>Leggi la guida ad una dieta vegetariana

La dieta vegetariana sembrerebbe ancora una volta confermare i suoi benefici effetti nei confronti dell’organismo umano, fornendo in questo caso riscontri positivi anche sulle condizioni mentali. La ricerca portata avanti ad Harvard individua i carotenoidi come elementi in grado di influenzare sensibilmente la visione ottimistica degli individui.

Il gruppo di ricerca ha preso in esame 982 soggetti cittadini statunitensi. Ad ognuno sono misurati i valori di 9 antiossidanti nel sangue, tra questi carotenoidi come il beta-carotene e la vitamina E, unitamente alla compilazione di un questionario valutativo sui propri orientamenti.

I soggetti risultati come più ottimismi hanno anche mostrato livelli di carotenoidi più alti del 13% rispetto agli altri, merito secondo i ricercatori di una dieta composta da almeno 3 dosi giornaliere di frutta e verdura. Differente modalità, ma conclusioni simili sono state raggiunte dalla ricerca dell’Arizona State University su 39 individui onnivori.

>>Scopri i trucchi per una dieta vegetariana più sana

Divisi casualmente in tre gruppi, al primo di questi è stata somministrata nelle due settimane successive una dieta normale, al secondo un’alimentazione vegetariana integrata quattro volte a settimana con del pesce, mentre al terzo sono stati forniti esclusivamente piatti vegetariani.

A fine periodo sono stati analizzati i valori nei soggetti di acidi grassi essenziali, omega 3 (EPA e DHA) e omega 6 (come l’acido arachidonico o AA), oltre alla compilazione da parte di ciascuno di questionari valutativi. Responsabile di un più basso tono d’umore sarebbe risultato l’AA, minore nei vegetariani rispetto agli onnivori e a chi integra la dieta vegetariana con del pesce.

21 gennaio 2013
I vostri commenti
Virgilio Carrapa, giovedì 13 marzo 2014 alle13:33 ha scritto: rispondi »

La vita viene dalla vita ed essere vegetariani ricarica il nostro corpo e di conseguenza la nostra mente e la nostra anima dandoci benessere e gioia di vivere.Ecco perchè un vegetariano normalmente e più felice di colui che mangia alimenti senza carica energetica come carne pesce e uova.Sono vegetariano da oltre 43 anni e sono sempre stato in buona salute.Molti miei amici sono vegetariani da moltissimi anni e anche loro sono sempre stati in buona salute.Noi siamo quello che mangiamo,essere vegetariani è la base della vita.La base della salute a tutti i livelli,fisico mentale e spirituale.Quando nutriamo il nostro corpo con della carne che è stracarica di tossine,dove ogni cellula dell'animale e impregnata di tossine della paura dell'animale che si sviluppa mentre viene barbaramente ucciso.Come potrà mai fare del bene una tale alimentazione? Come potrà mai chiamarsi alimentazione mangiare dei cadaveri senza vita?Il seme è portatore di vita,mentre alimentarsi con alimenti senza vita come carne pesce e uova, porta solo malattie e malessere..

peppe monaco, martedì 6 agosto 2013 alle16:28 ha scritto: rispondi »

e ora di togliere questa carne da mezzo ma nemmeno alimenti che ci assomigliano anzi

Studiomascitelli, lunedì 21 gennaio 2013 alle15:49 ha scritto: rispondi »

sono vegetariana da 10 e da oltre un anno sono diventata vegana il mio umore e' migliorato moltissimo ma solo  da quando sono diventata vegan.

Lascia un commento