Tumore mammario del cane, cause e sintomi

La problematica del tumore mammario canino è piuttosto frequente negli esemplari di sesso femminile, in particolare nei cani che non hanno subito la sterilizzazione. È una patologia piuttosto diffusa che si può palesare senza un’età specifica, anche se l’incidenza maggiore è stata riscontrata dopo gli otto anni. Non esiste una razza più colpita ma, purtroppo, ogni tipologia potrebbe subire la presenza di questa malattia. L’esistenza del tumore è piuttosto raro nelle cagnoline femmine sterilizzate in età precoce, quindi del tutto inesistente negli esemplari che hanno subito la sterilizzazione in data antecedente il primo calore. In base alla tempestività della sterilizzazione, la percentuale di incidenza tumorale aumenta, infatti è stato evidenziato che dopo il primo calore sale all’8% mentre dopo il secondo calore al 26%. La patologia può coinvolgere anche cani di sesso maschile con un’aggressività piuttosto pressante.

La prevenzione è l’arma migliore per contrastare la problematica, associata a una serie di visite e controlli di routine. Per evitare che il cane femmina di casa si ammali è bene ricorrere alla sterilizzazione, sia come forma di contrasto contro il tumore mammario che per ridurre la presenza di cucciolate indesiderate. Altra problematica che, in alcuni territori, ingrassa le file del randagismo aumentando gli esemplari a piede libero e gli abbandoni. Un altro metodo per tenere sotto controllo eventuali malformazioni è quella di controllare con la mano la zona cutanea del ventre e delle mammelle, informando il veterinario nel caso fossero presenti cisti e noduli sospetti anche di dimensioni irrisorie.

Tumore mammario: sintomi e tipologie

Veterinario

Il tumore mammario si può presentare come nodulo e malformazione singola, oppure neoformazione multipla riscontrabile tramite una delicata palpazione. Ma in alcuni casi la massa potrebbe essere posizionata in profondità, quindi non individuabile immediatamente. Appaiono come piccoli sassolini piuttosto duri e statici che si dividono in tumori benigni, all’apparenza lisci e di crescita lenta dal formato inferiore ai 3 centimetri, oppure maligni dai contorni irregolari con presenza di ulcere e sangue e dalla crescita molto rapida. Nel secondo caso il tumore potrebbe estendersi agli organi circostanti e ai linfonodi, creando delle metastasi. Per identificare la gravità della patologia è indispensabile rivolgersi al veterinario, che effettuerà un esame istologico tramite un mini intervento che consentirà di prelevare una sezione del tumore da analizzare. Per completare l’analisi e il quadro della situazione la cagnolina dovrà sottoporsi a un esame radiografico del torace, un’ecografia addominale e le analisi del sangue.

Cure e rimedi

Per eliminare la problematica il cane dovrà sottoporsi a un’operazione di rimozione del carcinoma, nel caso di tumore maligno la mastectomia totale risulterà la soluzione più adatta. Un’operazione invasiva ma decisiva che ridurrebbe quasi completamente la recidiva tumorale, favorendo le successive cure e la guarigione. Nel caso il cane fosse anziano il veterinario solitamente sconsiglia l’operazione, mentre in presenza di sarcoma l’asportazione totale potrebbe divenire complessa e potrebbero presentarsi nuove formazioni tumorali. Chemioterapie e radioterapia non vengono solitamente contemplate, perché la mastectomia totale spesso è risolutiva in modo positivo. L’aspettativa di vita varia in base alla gravità della situazione ma, solitamente, dopo una resezione totale del tumore il cane può vivere in modo sereno ancora per molti anni. Ovviamente con controlli e visite frequenti per valutare la guarigione costante.

2 marzo 2015
I vostri commenti
Viola Yael, sabato 7 aprile 2018 alle16:59 ha scritto: rispondi »

Ciao Elena ci sono novità? Penso tu possa dilazionare la spesa, anche l'asl o il canile possono operare. Aggiornaci, grazie

Elena, giovedì 15 febbraio 2018 alle23:13 ha scritto: rispondi »

Ho una cagnolina maltese di 9 anni 3 kg non sterilizzata ho trovato un piccolo coste fra due mammelle. Veterinario ha preso prelievo con la siringa oggi per telefono mi ha detto che é una carcinoma. Lei consiglia iprarla subito togliere 2 mammelle r sterilizzare. Io vorrei aspettare per problemi sia economici sia altri problemi seri famigliari che pesa su mio stato anima. Sono preoccupata per convalescenza sono sola con una ragazza invalida. Che fare?

Viola Yael, martedì 8 agosto 2017 alle10:45 ha scritto: rispondi »

Ciao Mary, prova a chiedere consulto all'asl oppure a qualche canile di zona. Spesso, anche i veterinari ufficiali, a fronte di una situazione economica complessa possono applicare tariffe agevolate. Oppure intervenire gratuitamente. Non trascurare la situazione, tienici aggiornati. Ciao

Mary, mercoledì 2 agosto 2017 alle4:49 ha scritto: rispondi »

Salve. Ho visto oggi che la mia cagnolina di 3 anni ha tutti i capezzoli neri e uno bianco ma ginfissimo. Purtroppo stiamo vivendo una situazione economica brutta....sapete a chi mi posso rivolgere?sono preoccupata...sarà tumore?

Viola Yael, lunedì 15 maggio 2017 alle23:01 ha scritto: rispondi »

Roberto ti consiglio di seguire le indicazioni del veterinario, perché l'operazione potrebbe salvare la tua cagnolina. Rimandare il tutto potrebbe risultare pericoloso. La sterilizzazione serve a prevenire altre formazioni tumorali future. Chiedi nuovamente aiuto al tuo veterinario di fiducia che ti potrà consigliare nel modo più giusto, avendo anche il quadro completo della situazione clinica della tua cagnolina. tienici aggiornati. Ciao

Lascia un commento