Estate: tempo di vacanze, gite fuori porta e passeggiate all’aria aperta. Una vera e propria pacchia per gli amanti della natura, che però possono incorrere, durante un picnic o un’escursione in campagna, nel fastidioso inconveniente di una puntura di ape o di vespa.

Si tratta di un’esperienza particolarmente dolorosa, ma di solito priva di conseguenze gravi. Una pericolosa eccezione, da non sottovalutare in alcun caso, riguarda i soggetti allergici al veleno di questi insetti, che possono subire reazioni anche molto violente, fino allo shock anafilattico. Anche chi non è al corrente di una condizione di allergia, quindi, deve subito andare al pronto soccorso in caso di difficoltà respiratorie o altri sintomi gravi.

Puntura di vespa: rimedi e consigli

In tutti gli altri casi, invece, è possibile ricorrere ad alcuni rimedi naturali per alleviare dolore, fastidio e gonfiore. Per prima cosa, occorre individuare “l’autore” della puntura: nel caso delle vespe, il pungiglione non rimane conficcato nella pelle del malcapitato, che vedrà invece formarsi un puntino rosso circondato da un rigonfiamento biancastro pieno di liquido.

In questo caso, dopo aver sciacquato la zona con una soluzione di acqua e bicarbonato o acqua e limone, si può applicare del ghiaccio per limitare la diffusione del veleno e calmare il gonfiore. È importante però che il ghiaccio non sia a contatto diretto con la pelle, ma venga applicato attraverso una garza o una tela.

Successivamente, per calmare il dolore si può strofinare delicatamente la parte interessata con uno spicchio d’aglio tagliato a metà. Anche la polpa di banana o del succo di prezzemolo possono avere un effetto calmante, così come, per chi dovesse averla a disposizione, una pomata a base di calamina, una polvere minerale con proprietà lenitive.

Cosa fare in caso di Puntura d’Ape

Se l’insetto in questione è invece un’ape, i rimedi sono sostanzialmente gli stessi, ma prima di effettuare qualsiasi intervento bisogna assicurarsi di aver rimosso con cura il pungiglione dalla pelle. Questi preziosi insetti impollinatori, infatti, hanno un pungiglione arcuato che rimane conficcato al momento della puntura.

13 agosto 2013
I vostri commenti
vincenzo, giovedì 6 ottobre 2016 alle10:57 ha scritto: rispondi »

Funziona secondo voi??

Jelena, mercoledì 16 settembre 2015 alle9:52 ha scritto: rispondi »

Olio essenziale di Manuka, più velocemente possibile massaggiandolo sulla puntura allevia immediatamente il dolore forte, rimane un bruciore lieve e un rigonfiamento accettabile...almeno sulla mia pelle. Provato anche sulla pelle del mio bambino in diverse occasioni.

anna, mercoledì 3 settembre 2014 alle21:55 ha scritto: rispondi »

La scorsa settimana presso una piscina termale sono stata punta da uno sciame di tafani.Solo molte ore più tardi ho accusato sintomi gravi,quali ponfi enormi e dolorosi su tutto il corpo,nausea,svenimenti,al P.S mi sono stati prescritti antistaminici con base cortisonica,ma,a distanza di cinque giorni il prurito ed i pobfi persistono

Barbara Casoni, lunedì 26 maggio 2014 alle22:02 ha scritto: rispondi »

ieri, mio figlio mentre era fuori in moto, è stato punto da una vespa entra nella visiera del casco. Al pronto soccorso gli hanno dato una pastiglia di cortisone, però questa mattina aveva la zona della tempi sinistra tutta gonfia fino sotto all' occhio, cosa posso fare in questo caso? sono le 21,50 e l' occhio è è quasi scomparso.

Adele Quarta , domenica 6 aprile 2014 alle13:05 ha scritto: rispondi »

A causa di una puntura di un'ape ho un gonfiore sulla parte sinistra del volto il quale ha provocato grandi gonfiori su questa parte ma anche indurimento della pelle

Lascia un commento