Il reflusso gastroesofageo è un disturbo in aumento negli ultimi anni. Colpisce in maniera indistinta sia uomini che donne e tende a manifestarsi con maggiore frequenza con l’avanzare degli anni. Conosciuta come Malattia da Reflusso GastroEsofageo (MERG, o dall’inglese GERD) si tratta di un disturbo tipico delle ore successive a un pasto; si manifesta con bruciori al petto, in prossimità della parte alta dello stomaco e si caratterizza per i liquidi acidi che si spingono lungo l’esofago con possibilità di raggiungere anche la gola e il cavo orale.

Cause

Maggiore responsabile è l’acidità di stomaco, combinata spesso con la difficoltà nel digerire alcune tipologie di alimenti. L’alimentazione gioca quindi un ruolo primario, come da non sottovalutare però resta una certa predisposizione a manifestare il disturbo. Esiste una seconda possibile causa per questo disturbo: in alcune rare occasioni può manifestarsi come bile anziché liquidi acidi stomacali.

Può diventare un importante fattore di rischio lo stress, con la conseguenza di aggravare la sintomatologia qualora non ne sia addirittura una delle cause. Nella sezione Consigli utili vedremo quindi anche alcuni rimedi naturali per tenerlo sotto controllo.

Rimedi naturali

Che mondo sarebbe senza aloe vera? Di certo uno in cui viene a mancare all’uomo una soluzione naturale a molti dei suoi problemi fisici. Molte volte questa pianta e il suo prezioso gel entrano in gioco nel contrastare varie problematiche, tra queste le scottature, la pelle secca, l’herpes, problemi alla circolazione e altre ancora.

Nel caso del reflusso gastroesofageo il suo gel si rivela un toccasana grazie alla sua capacità di proteggere e calmare le mucose intesinatli irritate oltre che di ottimo cicatrizzante e disinfettante. In più contiene minerali e vitamine utili a riportare in uno stato di equilibrio l’organismo.

Altro rimedio “noto” è la liquirizia, potente alleato grazie al suo contenuto di glicirrizina (da cui deriva l’acido glicirretico) e di alcuni flavonoidi. Rispetto all’aloe presenta alcune controindicazioni importanti: su tutte l’azione di innalzamento della pressione sanguigna, un rischio per i soggetti affetti da ipertensione.

È possibile masticarne qualche radice o acquistarne alcune soluzioni in compresse o decotto in erboristeria. Sarà utile anche nel combattere nausea, mal di gola e afte.

Azione lenitiva e calmante per le mucose gastriche quella garantita dalla malva o Malva sylvestris. Ottima in questo senso la tisana realizzata con questa pianta, disponibile già pronta in erboristeria.

Altri rimedi che possono aiutare contro il reflusso gastroesofageo sono il bicarbonato di sodio, le patate, le carote e lo yogurt. Questi alimenti intervengono in caso di acidità di stomaco per limitarne gli effetti e ridurre il possibile disagio. Il primo in particolare rappresenta una soluzione “tampone”, da utilizzare solo al momento della manifestazione del disturbo.

Consigli utili

Considerato il ruolo di primo piano che una corretta alimentazione gioca nella prevenzione di molti disturbi è utile ricordare l’importanza di una dieta equilibrata e ricca di frutta e verdura. Alcune distinzioni sono però rilevanti e devono essere tenute nella dovuta considerazione.

Andranno limitati i consumi di frutti e verdure che possono aumentare i livelli di acidità nello stomaco come ad esempio limoni (agrumi in generale) e i pomodori, così come cibi e bevande quali il caffè, gli alcolici (se possibile da evitare), i fritti, piatti troppo grassi o speziati.

Utili invece infusi come la camomilla, ad azione antispasmodica e rilassante, utile ad abbassare i livelli di stress. Consigliate in questo caso anche valeriana, melissa e passiflora.

Un piccolo consiglio infine per le ore notturne: chi soffre di questo disturbo è bene che riposi con la testa leggermente sollevata rispetto allo stomaco, nell’ordine dei 15-20 centimetri. Questo ridurrà i possibili disagi notturni e aumenterà le possibilità di un sonno tranquillo e ristoratore.

27 agosto 2013
I vostri commenti
Antonio, domenica 13 agosto 2017 alle10:06 ha scritto: rispondi »

Buongiorno, Ultimamente sto avendo dei problemi di deglutizione, quello che succede è che qualsiasi cosa mando giù compresa l'acqua mi causa fastidio nel senso che è come se ci fosse una protuberanza all'interno della gola che causa una contrazione, per darvi un 'dea è come se ci fosse del cibo che non va mai giù, questo mi causa problemi anche a livello digestivo, persino se sto a digiuno per ore la cosa non si risolve. Purtroppo non sono riuscito a fare la gastroscopia perché nonostante l'anestesia non la sopporto. Ho provato con varie cose tra cui lo zenzero, frullati di verdura ecc ma non ho risolto molto. Grazie.

silvio, mercoledì 24 maggio 2017 alle11:50 ha scritto: rispondi »

Purtroppo devo constatare che a differenza degli altri amici, non soffro ne' di acidita' ne' di mal di stomaco, ma, semplicemente di formazione di muco nella gola , che, mi comporta un fastidioso dolore alla gola. Preciso che il muco viene espulso soffiando il naso durante tutta la giornata. Qualcuno puo' aiutarmi???

Andrea Amato, sabato 17 settembre 2016 alle9:07 ha scritto: rispondi »

Io ho risolto la mia esofagite da reflusso e principio di gastrite ulcerosa con linfuso di foglie di olivo. Mi basta prendere un sorso dopo ogni pasto e la digestione comincia immediatamente. Inoltre, preso al bisogno, elimina ogni forma di acidita. Per chi non ne fosse a conoscenza, oltre allolio di oliva, esistono dei rimedi naturali come gli estratti di foglie di olivo che conservano dei principi attivi oltre 50 volte piu concentrati ad azione antiossidante, alcalinizzante, cardiotonica, vasodilatatrice e favoriscono il metabolismo dei lipidi e dei carboidrati. Potentissimo antiacido sia per lo stomaco che per lorganismo in generale. Queste proprietà portano a un azione immediata di diminuzione del colesterolo cattivo e trigliceridi oltre a uno stato di benessere eliminando sensazione di acidita, stanchezza e sonnolenza. Sono sicuro che questo prodotto totalmente naturale ti aiutera' a stare bene. Provalo subito per almeno trenta giorni che sono 2 bottiglie e la tua vita migliorera' giorno dopo giorno. Il migliore infuso che ho trovato e bevo da piu' di un anno si chiama Olife e si acquista qui ... evergreenlife.it/benesserenaturale. In bocca al lupo per la tua guarigione.

Grazia, giovedì 15 settembre 2016 alle13:04 ha scritto: rispondi »

Buongiorno,Soffro di reflusso atipico da almeno 10 anni e devo dire che spesso è sottovalutato, dai medici in primis... Io sono diventata asmatica dopo 3 crisi respiratorie a cui sono seguiti periodi lunghi di afonia e disfonia con conseguenti terapie logopediche... delicatissima nei confronti dei medicinali e con continue bronchiti da reflusso... nn ci sono alternative concrete farmaceutiche che risolvano il problema (assumo pantorc 40 2 volte al giorno e zaditen 2 volte al giorno e gaviscon come nn ci fosse un domani... ) l'unica alimentazione che mi ha dato reali benefici consiste nel mangiare carote lesse, zucchine e patate lesse poco olio e sale pesce bollito e carne tritata... che vita è???

piero, giovedì 30 giugno 2016 alle15:41 ha scritto: rispondi »

La qualità della vita con il reflusso è veramente scarsa, inoltre oltre a tutti i problemi noti elencati prodotti da questo problema, io ho dolori articolari al collo e alla schiena che si acutizzano quando il reflusso è più incisivo e presente, vorrei se possibile avere uno scambio di opinioni su questo ultimo problema. Grazie

Lascia un commento