Risorsa efficace per favorire il benessere e fornire supporto in situazioni emozionali critiche, i Fiori di Bach rappresentano una soluzione floriterapica molto utilizzata da sola o in accompagnamento a terapie, al fine di migliorare la capacità di affrontare un disagio e reagire ai problemi. Il Rescue Remedy è un vero e proprio rimedio di emergenza composto da cinque specifici fiori, che può essere utilizzato in tutte quelle situazioni che creano uno stato d’ansia o di panico.

=> Scopri la storia dei fiori di Bach


Al contrario di quanto avviene con i Fiori di Bach, che in base ai sintomi possono essere usati per tempi prolungati impostando un programma specifico a lunga scadenza, il Rescue Remedy deve essere considerato una risorsa momentanea da assumere fino al superamento del disagio, affidandosi poi a un buon erborista per valutare l’assunzione di altri fiori selezionati a seconda delle singole esigenze.

Composizione

La miscela che compone il Rescue remedy, ideata da Edward Bach, prevede l’utilizzo simultaneo di cinque componenti:

=> Scopri i rimedi naturali per gli attacchi di panico


  • Clematis, fiore specifico per limitare il rischio di svenimento;
  • Cherry Plum, caratterizzato da un potenziale benefico per tranquillizzare e mantenere lucidi;
  • Star of Bethlehem, che rappresenta un aiuto in caso di trauma sia fisico sia mentale;
  • Rock Rose, rimedio contro gli stati di angoscia e di panico;
  • Impatiens, per favorire calma e serenità anche in circostanze dolorose.

Quando usarlo

Questo rimedio di emergenza può essere assunto in seguito al manifestarsi di uno stato d’ansia, a un attacco di panico, all’insorgere di una paura che crea disagio: in genere si tratta di un prodotto utile in caso di traumi o incidenti ma le sue potenzialità spaziano anche su altri ambiti.

=> Scopri come gestire l’attacco di panico in aereo


Sono in molti a trovare efficace il mix di Fiori di Back anche come calmante da assumere in vista di un intervento chirurgico o di un colloquio di lavoro, oppure per affrontare con maggiore serenità il parto. Può rivelarsi efficace anche per gestire l’agitazione che precede un viaggio, soprattutto per coloro che temono il volo.

Come assumerlo

Il Rescue Remedy si assume con facilità, al bisogno, prelevando il liquido dal contenitore e versando quattro gocce direttamente in bocca: questa operazione può essere ripetuta a intervalli regolari anche molto ravvicinati (immediatamente dopo l’avvenimento che ha scatenato lo stato d’ansia), aumentando il tempo tra un’assunzione e l’altra tenendo conto del miglioramento dei sintomi.

Si tratta di una soluzione contenente anche una piccola percentuale di alcol che, proprio a causa di questa componente, non viene sempre tollerata se utilizzata pura ma può essere tranquillamente diluita in acqua da sorseggiare lentamente a seconda delle necessità. Il Rescue Remedy, inoltre, potrebbe essere anche adoperato dopo uno svenimento nei soggetti che hanno perso i sensi e che sono impossibilitati a ingerire le gocce in modo autonomo: è sufficiente prelevare le gocce e bagnare le labbra oppure versarle sui polsi e sulle tempie di chi si trova in stato di incoscienza.

9 maggio 2017
Immagini:
Lascia un commento