Si tratti di un antico vaso di fiori, di un bicchiere o di un dispositivo elettronico, spesso e volentieri il gatto è responsabile della caduta al suolo dei più svariati oggetti. E, altrettanto di frequente, l’esito è quello di una pregiata brocca di cristallo finita in frantumi. Per quale motivo, tuttavia, il felino di casa sembra manifestare una certa predisposizione per sfidare la gravità?

Sono molte le motivazioni che possono portare il gatto a generare piccoli, e spesso del tutto involontari, incidenti domestici. Nella maggior parte dei casi, il comportamento non deve destare preoccupazioni, oltre al comprensibile disturbo di dover ripulire l’appartamento e raccogliere i cocci. È sempre bene controllare, tuttavia, che l’animale non si sia ferito durante questa pratica e, se fosse il caso, chiedere anche un parere al proprio veterinario di fiducia.

Gatti e oggetti

Come già accennato, può capitare molto di sovente che il gatto di caso sia il responsabile di qualche fastidio domestico: un vaso mandato in frantumi, un dispositivo elettronico non più funzionante a causa dell’urto e molto altro ancora. Due, normalmente, sono le situazioni comuni che coinvolgono il felino nella distruzione di oggetti: quella accidentale e quella deliberata.

Nella prima condizione, il gatto semplicemente causa la caduta di oggetti durante la sua normale fase di esplorazione della casa. È sufficiente che decida di balzare su un’alta mensola, magari attirato da qualche nuovo angolo da scoprire, perché urti inavvertitamente un vaso e ne causi il crollo sul pavimento. Questa condizione non è ovviamente responsabilità dell’animale, il quale durante la sua impresa non è consapevole di aver creato scompiglio, e va gestita con una migliore predisposizione della casa. Meglio evitare di posizionare strumenti e oggetti fragili su mensole o sopra alti armadi, perché questi suono luoghi dove il felino cercherà probabilmente di arrampicarsi. Inoltre, può essere utile prevedere un percorso domestico più a misura di gatto – come esempio piccole cucce con giochi e labirinti, ma anche una parete verticale con mensole facili da scalare – affinché non sia stimolato a raggiungere porzioni non idonee della casa, magari alimentato da noia e routine.

Nella seconda situazione, invece, è il gatto stesso che causa la caduta dell’oggetto, aiutandosi con le zampe. È il caso, ad esempio, di un esemplare pronto a salire sul tavolino in salotto giusto per gettare a terra i bicchieri. In questo caso, il gatto sta inseguendo il suo istinto di predatore e cacciatore innato: non essendo presenti uccellini e roditori all’interno della casa, la sua attenzione sarà attirata dai più svariati oggetti che trova lungo il percorso. Per risolvere questa situazione, può essere utile aumentare il bacino di giocattoli a disposizione del quadrupede, anche con coperte attive o strumenti meccanici, affinché le sue voglie di caccia vengano attirate dal gioco stesso anziché dalla mobilia domestica.

19 agosto 2015
Fonte:
I vostri commenti
Cristiano, giovedì 20 agosto 2015 alle17:20 ha scritto: rispondi »

Macché!!! Per il mio il discorso è sicuramente diverso, altro che istinto predatorio, lo fa per attirare l'attenzione. Quante volte mi guarda prima di far cadere qualcosa? E se gli dico di non farlo? Si immobilizza per un attimo per poi...

Lascia un commento