Gli occhi spesso dimostrano la stanchezza fisica e mentale del nostro corpo presentandoci un conto quotidiano come occhiaie, borse e aloni scuri. Del resto sono lo specchio del nostro animo e del nostro benessere, importante proteggerli e curarli. A incidere negativamente sulla loro salute e bellezza naturale concorrono molti fattori, tra questi lo stress, l’insonnia oltre alla mancanza di un sonno riposante e rilassante.

Le occhiaie appaiono come aloni antiestetici alla base dell’occhio, solitamente di colorazione bluastra scura e tendono ad appesantire lo sguardo e i lineamenti del viso. Possono avere un origine di tipo ereditario, quindi indicare una fragilità capillare della zona. L’epidermide appare sottile e fragile, favorendo un ristagno di sangue venoso. I segni scuri che si formeranno tenderanno a incupire la zona, donando uno sguardo stanco, opaco, incidendo negativamente sulla bellezza naturale degli occhi.

Cause principali delle occhiaie

Occhiaie

Great detail macro of a very tired or sick middle aged man via Shutterstock

Le cause principali che conducono alla creazione delle occhiaie, come anticipato, posso avere un’origine ereditaria o essere conseguenti alla presenza di stress e mancato riposo. La microcircolazione sanguigna della zona oculare risulta congestionata, formando un ristagno di sangue. Ma possono incidere negativamente anche uno stile di vita scorretto, un’alimentazione sbagliata, disidratazione cutanea, l’esposizione diretta alla luce solare senza filtri e occhiali.

Ma anche lavarsi la faccia con acqua troppo calda e sfregarsi la zona continuamente, l’invecchiamento cutaneo e una lacrimazione cronica. Fumo e alcolici possono gravare sul benessere della pelle e della circolazione sanguigna, oltre all’assunzione di farmaci, anemia, carenza nutrizionale, stanchezza da insonnia e da mestruazioni. Importante porvi rimedio possibilmente decongestionando la parte con rimedi sani, naturali che rispettino la delicatezza della zona.

Occhiaie: impacchi e rimedi naturali

Cetriolo e occhi

Enjoying spa via Shutterstock

La prima regola utile a contrastare le occhiaie, come sempre, è quella di idratare la pelle e il corpo con molta acqua. Abitudine importante, in presenza di occhiaie scure con depositi di tossine, da inserire nel quotidiano non limitando l’assunzione a pochi bicchieri ma raggiungendo almeno i due litri di base. Compensando il resto con un’alimentazione ricca di frutta e verdura, cibi idratanti e ricchi di Vitamina C, E, K e sali minerali. Al contempo la presenza di occhiaie gonfie con palpebra pesante sottolinea la necessità di drenare la zona da un ristagno di liquidi, per fare ciò è utile assumere cibi che favoriscono la diuresi. Una pulizia renale garantisce uno sguardo meno appesantito, perciò via libera a acqua, frutta, verdura, cereali e fibre. Limitando l’assunzione di cibi grassi, calorici, troppo raffinati e lavorati, quindi ricchi di conservanti.

Per garantire il benessere della zona massaggiate la base dell’occhio con movimenti circolari e delicati, utilizzando creme idratanti per il contorno occhi, oppure l’acqua di rose da applicare due volte al giorno picchiettando la parte con un batuffolo di cotone. Conservate la bottiglia in frigorifero per risultare fresca al momento dell’applicazione. Appoggiare sulla zona due cucchiaini conservati per alcune ore in frigorifero potrà donare sollievo. I più efficaci come sempre sono gli impacchi da applicare direttamente sulle occhiaie, per defaticare e rilassare la zona. Immergete una garzina sterile, oppure un dischetto di cotone, in una tisana alla malva o al fiordaliso. Lasciatela raffreddare in frigorifero quindi applicate il cotone sulla pelle.

Per un’azione decisa lasciate in infusione in acqua fredda due bustine di Tè verde o camomilla, quindi strizzatele leggermente e appoggiatele sulle occhiaie. In alternativa inumiditele, lasciatele per 30 minuti nel congelatore e applicatele sulla parte avvolte in due garze. In soccorso anche un evergreen cioè la fetta di cetriolo o di patata da applicare fresca sugli occhi, tenendola in posa per 20 minuti per garantire benessere e relax. Approfittatene per sdraiarvi e rilassarvi.

Infine potete ottenere validi risultati rinfrescando la pelle con impacchi di acqua fredda, ma non ghiacciata, quindi applicando la mascherina in gel defaticante da conservare in frigorifero prima della posa di 30 minuti. Il freddo favorisce la microcircolazione, sgonfiando le tumefazioni da ristagno e drena i liquidi. Importante la costanza dei gesti, utilizzate abitualmente questi rimedi naturali per ottenere rapidamente validi risultati.

4 febbraio 2014
I vostri commenti
Dolce Nera, mercoledì 16 luglio 2014 alle18:16 ha scritto: rispondi »

Mi interessa molto l'argomento occhiaie e pelle (ma non solo),sono una signora ,che ormai ha superato gli anta e tengo molto a queste cose. Grazie ancora x i consigli.

Lascia un commento