Novità per i titolari di piccoli impianti fotovoltaici incentivati con il Conto Energia. Il Gestore dei Servizi Energetici potrebbe erogare in un’unica soluzione anticipata gli incentivi destinati agli impianti fotovoltaici con potenza compresa tra 1 e 3 kW.

Ad anticiparlo è stato il presidente e Ad del GSE Francesco Sperandini. In un’intervista concessa al quotidiano Il Messaggero l’amministratore delegato ha spiegato che la misura al vaglio del GSE mira a contenere i costi di gestione degli incentivi destinati ai piccoli impianti fotovoltaici ammessi al Conto Energia.

Gli impianti tra 1 e 3 kW rappresentano ben il 37% del totale in Italia, ma percepiscono appena il 3% degli incentivi. Il GSE pertanto ha pensato di non tenere più conto dell’effettiva produzione fotovoltaica degli impianti nell’erogazione degli incentivi. A fronte di uno sconto sull’incentivo dovuto il pagamento avverrebbe in un’unica soluzione anticipata, semplificando il lavoro del GSE e degli stessi titolari dei piccoli impianti fotovoltaici.

Le risorse liberate verrebbero dirottate sulla gestione dei grandi impianti, che assorbono gran parte degli incentivi. Sperandini ha illustrato con alcuni esempi e stime gli effetti positivi della misura sui bilanci familiari e sull’economia nazionale.

Il titolare di un impianto da 3 kW che percepisce gli incentivi dal 2013, se la misura entrasse subito in vigore, a fine 2016 incasserebbe immediatamente 16 anni di incentivi, ricevendo un assegno di circa 9 mila euro. Mediamente il pagamento anticipato degli incentivi metterebbe a disposizione di ogni famiglia che ha installato un piccolo impianto fotovoltaico 10 mila euro, per un totale di 2 miliardi di euro in circolo nell’economia.

Il titolare di impianto di 3 kW che usufruisce delle tariffe del quarto Conto Energia per 15 anni di incentivi percepirebbe un pagamento anticipato di 12.600 euro.

Sperandini chiarisce che da queste somme andranno sottratti gli sconti applicati ai pagamenti anticipati, non ancora determinati dal GSE. Il Gestore dei Servizi Energetici è già al lavoro sulla misura. Le probabilità che la soluzione si concretizzi sono molto alte, ma i tempi si preannunciano lunghi.

31 maggio 2016
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Immagini:
I vostri commenti
umberto, mercoledì 27 luglio 2016 alle11:21 ha scritto: rispondi »

Ho un fotovoltaico da 2,5 KW attivo da Novembre 2014, come farebbe il GSE a calcolare l'anticipo degli incentivi ?

umberto, mercoledì 27 luglio 2016 alle11:02 ha scritto: rispondi »

Spero che il parere di ritamir venga ascoltato dal GSE

Alessandro, mercoledì 8 giugno 2016 alle22:26 ha scritto: rispondi »

Sarebbe più democratico dare la possibilità, a tutti i proprietari degli impianti allacciati su contratti di forniture domestiche, di aderire su base volontaria.

Donato, mercoledì 1 giugno 2016 alle12:20 ha scritto: rispondi »

Per me sarebbe una buona cosa avere in anticipo tutti i contributi dal GSE per il mio impianto fotovoltaico casalingo da 3 KW.

ritamir, martedì 31 maggio 2016 alle18:21 ha scritto: rispondi »

Vorrei sapere se, liberando l'impianto dagli incentivi, si potrebbe installare un sistema di storage, prima proibito. logica vorrebbe di sì, ma non sempre chi fa le regole ha le carte in regola con la logica.

Lascia un commento