La pianificazione di ciò che mangiamo durante una settimana intera è non solo il modo migliore per mangiare sano ed equilibrato, ma anche un ottimo alleato della linea. Tuttavia, è importante conoscere alcune nozioni di base per riuscire a pianificare uno schema salutare.

La distribuzione dei nutrienti

Per iniziare a pianificare un menù, innanzitutto bisogna equilibrare i nutrienti. Fondamentalmente, ogni persona ha bisogno quotidianamente del 50-60% di calorie provenienti dai carboidrati, del 20% di calorie provenienti dalle proteine e dal 20% di calorie provenienti dai grassi.

In realtà, le proporzioni possono cambiare a seconda degli obiettivi: ad esempio, lo sportivo avrà più bisogno di proteine, così come chi vuole dimagrire dovrà dare un piccolo taglio a grassi e carboidrati.

La prima cosa da considerare quotidianamente è il numero di pasti da fare durante la giornata. Infatti saltare i pasti, o trascorrere molte ore a digiuno, non è consigliabile mai, sia perché si può andare in carenza di energia necessaria per affrontare le attività quotidiane, sia perché si può sviluppare un appetito così forte da strafare al pasto successivo.

L’ideale è distribuire il cibo in 4-5-6 pasti al dì, e la regola generale è quella di non far passare più di 5 ore a digiuno completo. Questi pasti dovrebbero includere una prima colazione, uno spuntino a metà mattina, un pranzo, una merenda, una cena e, per chi cena troppo presto o ha bisogno di “coccolarsi” prima di andare a dormire, un leggerissimo spuntino pre-nanna.

Come organizzare un menù sano?

Una volta stabiliti i pasti da fare al giorno, si può dare libero sfogo alla creatività.

Ma di cosa si ha bisogno per avere un’alimentazione completa? Innanzitutto di farinacei e cereali, meglio ancora se integrali: quindi pane, pasta, riso, biscotti, gallette di riso, crackers.

Poi, ancora, vi sono le proteine, che nel caso dei vegani sono di origine solo vegetale (dunque, per chi non le conoscesse, sono soia, glutine di frumento, fagioli, ceci, lenticchie, frutta secca, farina di legumi), nel caso degli onnivori e dei latto-ovo vegetariani provengono anche dagli animali (per i vegetariani uova e formaggi, per gli onnivori anche carne e pesce).

Non vanno dimenticati i grassi “buoni”, ossia olio extravergine d’oliva, noci, semi di girasole, semi di zucca, olio di semi di lino. Le vitamine e i minerali si trovano in quantità variabili in tutti gli alimenti, ma soprattutto in frutta e verdura, che vanno distribuite nelle famose quanto importanti cinque porzioni al giorno. E da bere? Meglio evitare gli alcolici, consumando soprattutto acqua, tisane, centrifugati e succhi di frutta, assumendo con moderazione tè e caffè.

Per la colazione, l’ideale è assumere del latte vegetale, come di riso o di soia, anche nel caso in cui non si fosse vegani: infatti a prima mattina questo tipo di latte è molto digeribile, a differenza di quello vaccino che può creare dei problemi. Dunque via libera ad una coppa di yogurt di soia con avena, banane e noci, il tutto accompagnato da un succo d’arancia, o ancora a una tazza di latte di soia o di mandorle con cereali e/o fette biscottate.

Per lo spuntino e la merenda, l’ideale è fare riferimento a snack salutari, come frutta, centrifugati, un po’ di frutta secca o del pane tostato con la marmellata. Questi minipasti non devono contenere troppe calorie, proprio per non appesantire l’organismo e dargli solo il giusto sprint per arrivare senza un eccesso di fame al pasto successivo principale.

Il pranzo dovrebbe avere un giusto mix di farinacei, proteine e verdura: via libera dunque a un primo con pasta e verdure e un secondo come un bel piatto di spinaci e pinoli, magari con del tofu alla pizzaiola. O ancora, si può scegliere un piatto unico, come un cereali integrali, legumi e verdure cotte.

La cena può essere simile al pranzo, ma diminuendo leggermente i farinacei (quindi, se a pranzo mangiate 80 grammi di pasta, a cena limitatevi a 50 grammi ad esempio). Attenzione a non mangiare il pane se avete mangiato anche la pasta, o fate mezza porzione di entrambi: sono equivalenti, per cui raddoppiare le dosi non può che essere nocivo per il numero di calorie da introdurre quotidianamente.

Per condire, sempre meglio usare il sano e italianissimo olio extravergine d’oliva, meglio ancora se a crudo. Ma come distribuire i vari piatti in una settimana? Semplice: le proteine vanno assunte ‘a rotazione‘: se siete vegetariani, ad esempio, e avete mangiato il formaggio il lunedì a pranzo, optate per i legumi a cena e per le uova il giorno dopo (stando attenti a limitare il più possibile i grassi che derivano da formaggi e uova, limitando il consumo di questi alimenti a una volta a settimana nel caso delle uova e a due volte nel caso dei formaggi).

Gli onnivori dovrebbero stare attenti al consumo eccessivo di proteine provenienti dalla carne, oltre che alle sostanze nocive con cui troppo spesso gli animali vengono nutriti prima di diventare cibo, quindi occhio sia alla frequenza che alla quantità. I vegani possono alternare i legumi classici alla soia, ai vari derivati della soia stessa (soia, tempeh, medaglioni di soia) al seitan (da evitare se siete celiaci, perché si tratta di glutine di frumento).

Per quanto riguarda la verdura, non focalizzatevi sempre su un paio di varietà: ce ne sono tantissime, quindi sbizzarritevi con la verdura di stagione, cucinandola in tutti i modi e in tutte le salse! Inoltre, non cucinate sempre nello stesso modo: se un giorno pianificate un primo piatto freddo, il giorno dopo optate per una minestra, o per un secondo con contorno di patate in abbondanza. Anche il modo in cui gli alimenti vengono cucinati fa parte della cosiddetta ‘varietà’.

Quindi sedetevi a tavolino, e create uno schema personalizzato di cose che vi piacciono e che vi regalano il sorriso senza appesantirvi, seguite la regola della varietà e della rotazione, e stilate due o tre menù settimanali diversi, alternandoli.

Pianificare un menù sano: cosa non si deve mai dimenticare

Per pianificare un menù sano con degli ottimi risultati, non dobbiamo dimenticare di:

  • Comprare tutto ciò che è stato inserito nel menù settimanale, in modo da non trovarsi senza ingredienti al momento di cucinare.
  • Utilizzare alimenti di stagione, in modo che i pasti siano qualitativamente migliori dal punto di vista nutrizionale.
  • Variare i metodi di cottura, limitando i fritti a una o massimo due volte la settimana.
  • Cucinare due porzioni e congelarne una, in modo da facilitarci il lavoro per la volta successiva e risparmiare tempo, energia… e gas!
  • Controllare ogni giorno quello che c’è da mangiare il giorno successivo: in questo modo si può ovviare a eventuali ingredienti mancanti.

Con questi trucchi si può pianificare uno schema salutare, migliorando la qualità della vostra dieta, il tempo e controllando anche il costo economico.
Volutamente non è stato stilato in questo articolo uno schema alimentare: la scelta dei cibi è fondamentalmente personale, e per questo si preferisce dare delle ‘indicazioni di sorta’ su cui ognuno di voi potrà dar vita ad una tavola sempre basata sui propri gusti e le proprie preferenze, senza dimenticare i principi della salute.

21 maggio 2014
I vostri commenti
Lucia, venerdì 23 settembre 2016 alle14:44 ha scritto: rispondi »

Ho 20 anni sono alta 1.65 e il mio peso oscilla continuamente in base ai giorni in cui mangio di più o di meno solitamente si mantiene sui 67 ma a volte sale e vorrei sapere con precisione cosa potrei mangiare di sano evitando anche di perdere troppo sul seno Ovviamente so che è necessario fare sport

sam , lunedì 19 settembre 2016 alle14:09 ha scritto: rispondi »

Salve sono una ragazza di 23 anni, alta 1,65 e 64 kg. Soffro d'ansia soprattutto per stress, di conseguenza mangio a non finire più (per lo più del "cibo spazzatura). Cerco di controllarmi ed evitare ma è più forte di me. Ora a dire il vero, da un paio di mesi sto provando a seguire un alimentazione meno grassa. Ho inoltre il collesterolo molto alto, causato sia dalla cattiva alimentazione e sia da un fatto genetico..anche mia madre fin dall'infanzia ne risente come me. Ho riscontrato problemi salutati mai avuti fino a soli due anni fa. Oltre al notevolissimo aumento di peso e attacchi di panico (inizialmente molto pesanti), ho avuto a che fare con funghi alla pelle e seborrea. Infatti ho perso tantissimi capelli diventando addirittura calva per il sebo in eccesso che produceva il cuio capelluto. Dopo tanto sono riuscita,con metodi prevalentemente naturali, a migliorare la mia situazione capillare ma ancora oggi sto eseguendo cure. Sono anche venuta alla scoperta di avere allergie mai avute prima, come quella al nichel, al cobalto e alla saliva del cane. Non mi spiego ancora il perché, ma ormai credo che sia tutto legato all alimentazione. Ammetto sono stata una menefreghista del mio corpo e della mia salute ma ora sono stanca e voglio riprendermi..partendo dal mio peso e riavere un corpo che mi faccia stare bene con me stessa. Vi chiedo perciò una dieta che fa al mio tipo. Ne sarei grata!

Mimi', martedì 7 giugno 2016 alle9:29 ha scritto: rispondi »

Buongiorno, sono una ragazza di 35 anni alta 1,60 affetta da sclerosi multipla. Non riesco a seguire correttamente un programma alimentare salutare che mi eviti ancora di piu' stati infiammatori. Mi potete aiutare ad avere una dieta mensile sana. Grazie

elisa, domenica 3 aprile 2016 alle14:12 ha scritto: rispondi »

salve ho 30 anni sono alta 1,55 peso 45 kg vorrei chiedervi, se è possibile , un esempio di dieta mensile vegetariana adatta a me. grazie..

andrea, mercoledì 3 febbraio 2016 alle14:02 ha scritto: rispondi »

Buongiorno vorrei mangiare sano se mi fate una scheda nutrizionale piu specifica per gli alimenti grazie.

Lascia un commento