È stato ritrovato sul marciapiede accanto alla sua lettiera, abbandonato come se fosse un oggetto vecchio di cui presto disfarsi. È questa la storia di un povero gatto statunitense, ripreso da alcuni passanti e condiviso sui social network, per una storia divenuta immediatamente virale. Fortunatamente, il felino è stato immediatamente tratto in salvo da un’associazione locale.

Il tutto è successo in quel di Brooklyn, dove un gatto domestico è stato abbandonato nei pressi di un marciapiede particolarmente affollato, accanto alla sua lettiera. Sulla segnalazione di diversi passanti, è quindi intervenuto il Flatbush Area Team For Cats (FAT Cats) che, con un aggiornamento su Facebook, ha invitato al salvataggio dell’animale.

Subito i responsabili dell’associazioni, così come anche alcuni volontari nel vicinato, si sono lanciati nella ricerca del quadrupede, ribattezzato Nostrand.

Vorremmo ringraziare i nostri vicini, molti dei quali hanno dedicato il loro tempo per cercare questo povero gatto. Dato il caldo odierno e il rumore dalla costruzioni in corso in zona, riteniamo si sia nascosto finché la situazione non sarà più calma e fresca.

Dopo qualche giorno, il gatto è stato fortunatamente rinvenuto e ospitato da Karen Oh, un’esperta in recupero dei felini. Dai primi controlli non è emerso nessun microchip, ma l’esemplare si trova in buone condizioni di salute e dovrebbe avere all’incirca un anno d’età. Molto calmo e socievole, tanto da non battere ciglio nemmeno per l’estrazione del sangue a scopo diagnostico, l’animale è abituato alla presenza umana. Si sospetta possa essere stato abbandonato per gli elevati costi di mantenimento:

Sfortunatamente, molti gatti maschi vengono abbandonati quando raggiungono la maturità poiché non vi sono sufficienti risorse per la sterilizzazione low-cost a New York City. Le persone non possono sostenere i costi, quindi spesso abbandonano questi esemplari per prenderne degli altri.

L’esemplare è ora alla ricerca di una nuova famiglia che voglia occuparsene, nel frattempo è sempre accudito dall’associazione FAT Cats.

1 giugno 2016
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento