Se il gatto di casa tradisce una conformazione fisica un po’ paffuta e il veterinario consiglia una dieta light, l’aggiunta al menù di frutta e verdura potrebbe aiutare. Ovviamente è indispensabile conoscere quali alimenti sono più adatti per la salute di Fufi e quelli sconsigliati perché indigesti o pericolosi. In natura il felino di affezione è un animale carnivoro, quindi non ricercherà spontaneamente vegetali e frutta per il suo sostentamento. Piuttosto concentrerà la sua attenzione sulle proteine di origine animale, le uniche che soddisfano le sue necessità. A differenza del cane, il gatto domestico non contempla un menu vario, non è onnivoro: per lui la dieta corretta comprende solo carne, pesce e derivati animali.

Ma se l’obiettivo è quello di intervallare il menu con qualche piccolo cambio rinfrescante sarà possibile introdurre piccoli quantitativi di frutta e verdura, ovviamente dopo aver consultato il veterinario di fiducia. Le carote potrebbero incontrare il favore del vostro micio domestico, meglio se cotte in acqua o al forno così da agevolare una masticazione più semplice. Trattamento simile anche per la zucca, piccoli pezzetti da cuocere ed ammorbidire quindi mescolare alla pappa di tutti giorni per un tocco di sapore in più. Il gatto inoltre ha dimostrato più volte di provare interesse anche per i broccoli e per i fagiolini, da lavare e cuocere al vapore o bollire in acqua prima di servirli.

Anche gli asparagi rientrano nel gruppo delle verdure interessanti, che il gatto predilige cotti al vapore o in acqua bollente senza l’aggiunta di condimenti. Per quanto riguarda la frutta, Fufi non possiede molta dimestichezza con il gusto del dolce, ovvero non riesce a percepirlo completamente. Sicuramente però nutre una certa passione per il melone, che è bene tagliare in piccoli pezzettini privandolo di buccia e semi. Prima di aggiungere frutta e verdura nel menù del gatto è importante vagliare lo stato di salute dello stesso, eventuali intolleranze, quindi la presenza di malattie o patologie importanti. Solo dopo il lasciapassare del veterinario sarà possibile fornire piccoli quantitativi di frutta o verdura, in aggiunta al pasto consueto e senza condimenti di sorta.

18 febbraio 2015
Fonte:
I vostri commenti
GRAZIA, mercoledì 18 febbraio 2015 alle10:12 ha scritto: rispondi »

Uno dei miei gatti adora la banana e i fichi d'india.

Lascia un commento