Fusione fredda, arriva una piccola ma significativa svolta nella ricerca delle Low Energy Nuclear Reactions (LENR). Questa volta a lavorare sulla cosiddetta fusione fredda sono addirittura dei ricercatori della Nissan che presenteranno i propri risultati alla Japan CF-Research Society, una conferenza in Giappone dedicata alla fusione fredda.

Il titolo della ricerca è “Anomalous Excess Heat Generation by the Interaction between Nanostructured Pd/Ni surface and D2/H2 gas”, in pratica si parla di un eccesso di produzione di calore facendo reagire nichel e idrogeno. Qualcosa di molto simile a quanto fatto anche da Andrea Rossi con l’E-Cat. Un filone di ricerca che i ricercatori Nissan, M. Nakamura, M. Uchimura, H. Takahashi, S. Sumitomo, conoscono molto bene tanto da citare il lavoro di Rossi:

“Nel 2010, Andrea Rossi ha dettagliato il funzionamento dell’E-cat, Energy Catalyzer. Questo strumento può generare calore da reazioni tra Ni e H2 e l’energia prodotta è maggiore di quella immessa”.

L’obiettivo è poter risolvere un problema insito nelle attuali auto elettriche, quello della durata della batteria. Ricorrendo a reazioni a fusione fredda i prossimi modelli di auto elettriche potrebbero aumentare considerevolmente la propria autonomia prima di una ricarica, o addirittura eliminare la necessità di ricaricare l’auto.

Dobbiamo immaginarci a breve una Nissan Leaf che implementi un sistema a fusione fredda? È presto per dirlo, i due ricercatori però daranno a breve maggiori dettagli sugli esperimenti condotti, la conferenza a cui parteciperanno infatti si terrà a Tokyo il 19 e 20 marzo. Solo allora si potrà comprendere davvero quali sono stati i risultati degli esperimenti, se il meccanismo che innesca la reazione tra nichel e idrogeno è stato verificato con metodi scinetificim, e capire se in quell’occasione anche il lavoro di Andrea Rossi possa essere valutato positivamente.

16 marzo 2017
In questa pagina si parla di:
Fonte:
I vostri commenti
angelo, venerdì 26 maggio 2017 alle23:21 ha scritto: rispondi »

Da Fleischmann e Pons sono passati 28 anni. Si potranno sfruttare le LENR quando lo decideranno gli americani.

Cloubu, mercoledì 26 aprile 2017 alle12:14 ha scritto: rispondi »

Smettetela di pubblicare notizie false!... Per favore...

Antonio, lunedì 20 marzo 2017 alle18:03 ha scritto: rispondi »

Sarebbe una grande cosa poter acquisire un e cat non vedo l'ora le altre energie costano troppo. Il più sono le tasse che ci massacrano

giospa, giovedì 16 marzo 2017 alle18:38 ha scritto: rispondi »

sono anni che seguo rossi attendo con fiducia saluti

Lascia un commento