Un minimo di 20 minuti di esercizio fisico al giorno per mantenersi in salute. Questa l’indicazione per adulti e anziani che arriva dall’OMS, Organizzazione Mondiale della Sanità, mentre per quanto riguarda i giovani l’asticella sarebbe tra le due e le tre volte più in alto.

Stando a quanto indicato dall’OMS i giovani e bambini dovrebbero trascorrere almeno 60 minuti al giorno praticando attività fisica. Sono invece 150 minuti settimanali il tempo minimo richiesto per adulti e anziani secondo le nuove “Linee guida per l’attività fisica 2016-2020″, presentate ieri a Roma. L’edizione italiana è stata curata dalla Uisp (Unione italiana sport per tutti).

Male gli italiani secondo i dati presentati, che vedrebbero 6 italiani su 10 (al di sopra dei 15 anni) non praticare alcun tipo di esercizio fisico. Un poco invidiabile primato entro i confini europei, che vedono invece una media del 42% e un esempio virtuoso del 9% offerto dalla Svezia.

L’OMS punta il dito contro l’inattività fisica indicandola come uno dei principali fattori di rischio per il benessere umano. Circa un milione le morti in Europa legate alla mancanza di esercizio fisico (10% del totale). Varie le patologie correlate: tumore al colon (10%), tumore al seno (9%), diabete di tipo 2 (7%) e malattie coronariche (5%).

Sempre in ambito europeo sono segnalati in crescita i dati relativi all’obesità e all’aumento di peso oltre i limiti consigliati: in 46 Paesi (87% delle nazioni europee) oltre la metà della popolazione adulta risulta sovrappeso od obesa, con punte del 70%.

7 aprile 2016
Lascia un commento