Animali: i 15 migliori padri

Regno animale, branco e famiglia: chi meglio della figura materna rappresenta il concetto di nucleo e unione? Ma gli animali riescono a tramandare insegnamenti ed esempi molto più moderni della società umana: non è infatti atipico trovare maschi calati perfettamente nel ruolo di padre. Figure genitoriali che affidano alla compagna il ruolo di procacciare cibo, difendere la dimora, viaggiare alla ricerca di nuovi ambienti, in uno scambio paritario di ruoli e mansioni. Così da dedicare cure, amore e affetto alla cova delle uova o alla crescita dei più piccoli.

Pinguino imperatore

Uno scambio di ruoli totale, dove il maschio si occupa di covare l’uovo al caldo del suo pelo trasportandolo sulle zampe, spesso a temperature glaciali e per mesi interi. Senza cibo, i maschi di pinguino imperatore si stringono per creare calore, fino alla nascita del cucciolo che troverà supporto e cibo dal padre stesso. Le madri, invece, saranno in acqua alla ricerca del pasto per la famiglia.

Licaone

Licaone

In prima linea per la cura dei suoi piccoli, papà licaone mastica e rigurgita il cibo, così da renderlo più digeribile per i cuccioli. Si occuperà di loro anche quando saranno grandi, difendendoli e tenendoli a vista d’occhio.

=> Scopri cosa rischiano i licaoni africani


Sciacallo dorato

Una volta formata la coppia, il maschio dello sciacallo dorato rimane fedele e monogamo per sempre, aiutando la femmina nella cura dei piccoli e rigurgitando il cibo per nutrirli.

Fenicottero

Fenicottero

Padre e compagno perfetto, il monogamo fenicottero si occupa della costruzione del nido e della cova dell’uovo, alternandosi con la femmina. Per il resto della vita cresceranno insieme il figlio.

Rhea

Conosciuti anche come nandù, questi pennuti dal formato maxi sono incapaci di volare: la femmina si accoppia e depone le uova affidandole al maschio. Il padre si occuperà della cova per due mesi, gestendo anche sessanta uova per volta, mentre la compagna partirà alla ricerca di altri maschi. Si occuperà della loro crescita fino ai due anni di età, dimostrando un animo affettuoso e protettivo.

Cavalluccio marino

Cavalluccio marnino

Potrebbe vincere il premio di padre dell’anno, perché è letteralmente parte attiva nella vita dei suoi innumerevoli piccoli, visto che la femmina depone le uova nel suo ventre. Il cavalluccio marino li feconda e li trasporta fino alla nascita, fino a raggiungere il numero impressionante di mille uova per volta.

=> Scopri le curiosità sui fenicotteri


Jacana jacana

Padre affettuoso, dopo l’accoppiamento si occupa delle uova deposte dalla femmina, mentre la compagna si allontana alla ricerca di altri maschi. Il rituale di corteggiamento è messo in atto dalla femmina, che combatte per scegliere almeno tre partner: il prescelto cova e cura i piccoli, anche da eventuali incursioni della madre stessa.

Lupo

Lupo

Monogamo e fedele, il lupo maschio si occupa di proteggere la famiglia, la sua prole e di procacciare il cibo per tutti, branco incluso.

=> Scopri la pazienza dei lupi


Leontopithecus rosalia

Il maschio di questo primate, noto anche come grande scimmia leonina, trasporta tutto il giorno i piccoli sulla schiena, fino alle sei settimane di età. La madre li allatta e poi li affida nuovamente al padre, che successivamente sbuccerà il cibo e lo triturerà per i figli.

Volpe rossa

Volpe rossa

Padre modello, si impegna a cercare il pasto che consegnarlo direttamente nella tana, ma appena i piccoli raggiungo i tre mesi sotterra tutto fuori dalla dimora così da convincerli a uscire per affrontare il mondo.

Rana di Darwin

Il maschio letteralmente ingoia le uova deposte dalla femmina e le conserva nella sacca vocale fino alla metamorfosi finale. Dopo sei settimane, le lancia fuori dalla bocca attraverso lo sputo.

Gorilla

Gorilla

Padre forte e protettivo, il gorilla può gestire anche trenta cuccioli tutti insieme, che nutre e difende senza sosta dall’ingerenza degli altri maschi. Ama passare del tempo con i piccoli, anche giocando con loro.

=> Scopri l’orfanotrofio dei gorilla di montagna


Bertuccia

La femmina, dopo il parto, perde interesse per i piccoli, che verranno accuditi dal padre, in grado di nutrirli, crescerli e trasportarli da ramo a ramo.

Grande gufo cornuto

Grande gufo cornuto

Mentre la femmina cova le uova, il maschio si occupa di trovare cibo per lei e per i futuri piccoli, volando costantemente da e verso il nido.

Cimice giapponese

Il maschio trasporta le uova sulla sua schiena per una settimana, dopo che la femmina avrà scelto quella parte fisica per deporlo. Un numero alto di piccoli, anche 150, che vengono letteralmente fissati sul dorso del padre prima di schiudersi.

12 luglio 2018
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento