Tapis roulant migliori: quale scegliere e prezzi

Tapis roulant migliori: quale scegliere e prezzi

Fonte immagine: Pexels

Il tapis roulant è uno strumento essenziale per allenarsi correndo: ecco quali sono le tipologie più diffuse, come scegliere le migliori e i prezzi.

Fra tutti gli attrezzi dedicati al fitness e all’allenamento, il tapis roulant è probabilmente il più conosciuto, anche da coloro che non praticano abitualmente attività fisica. Questo strumento è infatti entrato nell’immaginario comune poiché rappresentativo di qualsiasi palestra: si tratta di quel tappetino mobile, di dimensione variabile, che permette di esercitarsi sulla corsa rimanendo fermi sul posto. Oggi esistono le più svariate tipologie di tapis roulant e, per questa ragione, orientarsi nell’acquisto non è semplice: quali sono i modelli migliori, quali scegliere e, soprattutto, a quale prezzo?

Di seguito, un breve excursus sulle due tipologie di tapis roulant più diffuse, nonché qualche suggerimento per operare una scelta in base alle proprie specifiche esigenze.

Tapis roulant: magnetico o motorizzato?

Tapis roulant

Così come già accennato, il tapis roulant è un attrezzo da palestra che permette di correre rimanendo però fermi sul posto. Questo risultato è reso possibile da un nastro alla base dello strumento, capace di ruotare attorno a due rulli per simulare una pavimentazione in movimento. Eppure non tutti i tapis roulant presenti sul mercato sono identici, con la principale differenza relativa alla modalità di rotazione del tappeto stesso.

Il tapis roulant magnetico è un attrezzo privo di qualsiasi tipo di motore: per il suo movimento, di conseguenza, si basa sulla forza fisica esercitata dall’atleta durante la camminata o la corsa. Facendo leva con il piede, il nastro si sposta in direzione opposta a quella della camminata, garantendo così la possibilità di eseguire l’esercizio. Di solito, questi modelli prevedono anche un’inclinazione regolabile, nonché la gestione del tipo di resistenza che viene effettuata sul nastro, tramite l’ausilio di magneti. Più elevata è la resistenza, maggiore è lo sforzo fisico che si deve sostenere, per un allenamento molto intenso.

Il tapis roulant elettrico, invece, include un motore pensato per ruotare autonomamente i rulli, senza quindi richiedere un preciso intervento da parte del corridore né una determinata pressione del piede sul nastro. Questo sistema permette di potersi esercitare con una corsa costante e sostenuta, poiché stabilita sempre dal motore, nonché di liberare parte delle tensioni sulle articolazioni anche grazie alla presenza di alcuni cuscinetti pensati per minimizzare gli urti. La maggior parte dei tapis roulant elettrici prevede anche la possibilità di inclinare il piano, alcuni in modo manuale e altri invece tramite un ulteriore sistema di motori.

Lo strumento è in media lungo 150 centimetri e 50 di larghezza: questa configurazione permette di sostenere velocità fino a 20 chilometri orari, mentre per i velocisti esistono degli strumenti professionali dal corpo più lungo, per sostenere il passo nonostante la rapidissima rotazione del nastro.

Tapis roulant: quale scegliere e prezzi

Tapis roulant
t

Sul mercato sono oggi disponibili i più svariati tapis roulant, sia elettrici che magneti, pronti a differenziarsi fra di loro a seconda delle feature aggiuntive per l’atleta. Le versioni più economiche presentano una struttura dal design minimale e un piccolo computer di bordo per analizzare i propri progressi, mentre quelle più costone permettono addirittura di collegare il proprio smartphone, ascoltare musica durante la corsa, misurare valori biometrici e molto altro ancora.

Sebbene non esista una regola precisa, i tapis roulant magnetici sono preferiti da chi si allena soprattutto sul fronte della resistenza e della potenza, considerando come richiedano uno sforzo aggiuntivo. Non a caso, sono consigliati a trekker e appassionati di corse in montagna. Quelli elettrici, invece, sono permetti per effettuare un workout costante e aerobico, per migliorare la velocità della propria corsa e stimolare la durata della prestazione fisica.

In genere, le versioni magnetiche sono più economiche, non inglobando alcun motore. Se ci si accontenta di feature di base, e si accetta un design spartano, è possibile acquistarle anche a meno di 200-150 euro. Quelle elettriche, invece, comportano un costo di base più elevato – sopra le 400 euro – e possono anche arrivare a costarne diverse migliaia di euro a seconda delle funzionalità aggiuntive.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Bollino etico, la prima passata di pomodoro certificata No Cap