Greenstyle Ambiente Animali Stambecco, come riconoscerlo e dove vive

Stambecco, come riconoscerlo e dove vive

Ciò che volevi sapere sullo stambecco, animale alpino. Che mangia, dove vive, la durata della gravidanza, la durata della vita, peso e caratteristiche.

Stambecco, come riconoscerlo e dove vive

Se andate in montagna, lungo tutto l’Arco alpino, è possibile che vi imbattiate in uno stambecco. Noto anche come Stambecco delle Alpi o stambecco alpino, si tratta in pratica di una capra selvatica i cui maschi presentano due imponenti corna. Molto più lunghe e ricurve rispetto a quelle delle femmine.

Una curiosità, gli stambecchi possono ibridarsi con le capre. Si pensa che gli avvistamenti dell’ipotetico stambecco bianco derivi proprio da uno stambecco che si era incrociato con una capra.

Classificazione scientifica dello stambecco

Questa è la classificazione scientifica dello stambecco:

  • Dominio: Eukaryota
  • Regno: Animalia
  • Phylum: Chordata
  • Classe: Mammalia
  • Ordine: Artiodactyla
  • Famiglia: Bovidae
  • Sottofamiglia: Caprinae
  • Genere: Capra
  • Specie: C. ibex

Quanti tipi di stambecchi esistono?

Qui da noi è diffuso lo Stambecco delle Alpi, noto anche come stambecco alpino. Tuttavia esiste anche lo Stambecco iberico o stambecco spagnolo, noto in loco come cabra montes. Oltre che in Spagna e sui Pirenei, questo stambecco è diffuso anche in Portogallo, Andorra e Francia.

Dove vive?

Lo stambecco attualmente lo troviamo su tutte le Alpi, fra i 500 e i 3.000 metri. Questa specie è stata reintrodotta, perché nel XIX quasi si estinse, mentre nel Parco nazionale del Gran Paradiso ci sono popolazioni autoctone.

È più facile avvistarlo ad alta quota, sulle rocce e sopra la linea degli alberi. Più in basso è possibile avvistarlo nelle aree aperte, ma sempre vicino alle rocce.

Caratteristiche dello stambecco e cenni di biologia

stambecco lotta

Lo stambecco può quasi essere considerato una sorta di capra di grosse dimensioni e dalle lunghe corna. Il peso di un maschio di stambecco varia dai 67 ai 117 kg, mentre la femmina pesa solo 17-32 kg. L’altezza al garrese di un maschio è di 90-101 cm, mentre la femmina di 73-84 cm.

Le corna sono l’aspetto più evidente di questo animale e sono presenti sia nei maschi che nelle femmine. Sono corna lunghe, soprattutto nei maschi, arrivano a 69-98 cm contro i 18-35 cm delle femmine, ricurve all’indietro e dotate di diverse creste e fossette.

Si tratta di corna permanenti e sono formate da una struttura ossea ricoperta da sostanza cornea. La crescita si ferma ogni anno in autunno: ogni anello delle corna corrisponde a uno di questi stop. Lo stambecco alpino ha la testa corta e larga, con mantello opaco.

Il colore del mantello dipende dalle stagioni: in estate il pelo è corto, di colore beige-brunastro chiaro. In autunno mette su una pelliccia con peli più lunghi e color marrone scuro, quasi nero. Talvolta in estate il mantello dei becchi è di colore grigio ferro dorsalmente, con addome bianco e le zampe sempre scure.

I maschi hanno anche una sorta di barbetta sotto il mento. Il mantello delle femmine è più chiaro, beige-giallastro o castano chiaro, mentre l’addome è bianco e le zampe marrone scuro. Tende a scurirsi di più in inverno, ma rimane sempre più chiara rispetto al maschio.

Quando i cuccioli nascono sono color beige-rossastro, ancora più chiari delle femmine e così rimangono fino ai due anni. Due volte all’anno fanno la muta strofinandosi su rocce e alberi.

Gli zoccoli sono molto larghi e hanno un’articolazione indipendente, cosa che permette loro di spostarsi sui terreni rocciosi.

Riproduzione

Gli stambecchi si accoppiano a dicembre e gennaio. Gli scontri fra maschi, pur essendo molto spettacolari, non sono poi così frequenti e servono più che altro a stabilire la gerarchia del branco. La durata della gravidanza di uno stambecco è di 160-180 giorni, 5-6 mesi e solitamente nasce un solo cucciolo, anche se talvolta sono possibili parti gemellari.

Il piccolo è in grado di camminare sin da subito dopo il parto in modo da seguire la madre sulle rocce. I maschi raggiungono la maturità sessuale a 3 anni: il giovane adulto abbandona così il gruppo delle femmine e dei cuccioli. Tuttavia lo sviluppo corporeo sarà raggiunto alla fine del quarto anno, mentre il massimo della prestanza la raggiunge fra i 5 e gli 8 anni.

Le femmine raggiungono la maturità sessuale a 3-4 anni.

Comportamento e abitudini

Gli stambecchi sono animali gregari. I maschi vivono separati dalle femmine, in due branchi distinti: i due gruppi si riuniscono solo durante il periodo riproduttivo. I maschi più vecchi vivono da soli o in piccoli gruppetti con qualche esemplare più giovane.

I branchi di femmine, invece, comprendono anche i cuccioli e i giovani fino ai due anni di vita. A volte si vedono gruppi di cuccioli tenuti sotto controllo da un paio di femmine adulte.

Come animale è diurno, piuttosto attivo già prima che il sole sorga e di sera. La sua muscolatura molto potente e la sua notevole agilità gli permettono di fare balzi incredibili. È anche molto resistente al freddo dell’inverno, mentre le nevicate troppo abbondanti gli creano disagi.

Dieta e alimentazione

Lo stambecco è un animale ruminante ed erbivoro. Può arrivare a mangiare fino a 15 kg di erba al giorno, ma mangia anche muschi, licheni e germogli di ginepro e rododendri. In primavera tende a nutrirsi di germogli di arbusti, mentre in inverno mangia anche erbe secche e licheni, rare volte si ciba di aghi di conifere.

Come molti erbivori apprezza il sale visto che le piante ne contengono pochissimo. Per questo motivo nelle aree protette vengono messi dei piccoli blocchi di sale sulle montagne in modo che possano leccarli. È un animale che tende a bere poco.

Curiosità sullo stambecco

stambecchi cuccioli

Ecco alcune piccole curiosità sullo stambecco:

  • Stambecco in inglese si dice Ibex
  • Stambecco e Camoscio sono due animali totalmente diversi. Entrambi fanno parte della famiglia Bovidae, ma lo stambecco fa parte del genere Capra, mentre il camoscio di quello Rupicapra. Distinguerli è facile: lo stambecco ha le corna molto più lunghe
  • La durata di vita media di uno stambecco femmina è di 24 anni, mentre i maschi vivono solo 14-16 anni
  • Sulle Alpi gli stambecchi non hanno in pratica nessun nemico naturale. Al massimo le aquile reali possono dare la caccia ai cuccioli appena nati
  • Esiste un Pokémon stambecco? Più o meno: diciamo che Hoofrit, Pokémon di tipo Fuoco/Acciaio che si evolve da Pyrhoof, che a sua volta si evolve da Yebaaling, ha le corna che ricordano quelle di uno stambecco

Uno stambecco come animale domestico?

Lo stambecco è un animale selvatico e come tale protetto dallo Stato. Per questo motivo non può essere detenuto come animale da compagnia. Questo a meno di non ricevere speciali autorizzazioni da parte degli organi preposti come la Forestale nel caso di soggetti feriti o cuccioli orfani.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Il ponte dell’arcobaleno cos’è?
Animali

Quando muore un cane, un gatto o un qualsiasi animale, si sente dire che è andato sul ponte dell’arcobaleno. Tutto quello che dobbiamo sapere sul mito.