Pannelli solari sulla Luna alimenteranno la Terra

Pannelli solari sulla Luna alimenteranno la Terra

L’idea della Shimizu Corporation: un anello lunare fatto di pannelli solari che coprirebbe l’intero fabbisogno terrestre.

La necessità di trovare fonti alternative di energia, specie dopo il disastro nucleare di Fukushima, ha spinto i Giapponesi a proporre idee altamente creative, a volte anche al limite della follia. Fra queste c’è quella proposta dalla Shimizu Corporation: utilizzare la Luna come un enorme impianto solare.

L’idea non è nuova, ma era stata già lanciata nel 2010 dalla Shimizu: un anello lunare fatto di pannelli solari, che coprirebbe il 100% del fabbisogno energetico terrestre con 13 mila TW di energia continua.

Forti delle dichiarazioni dei capi della Nasa, che hanno annunciato un ritorno sulla Luna ai fini della ricerca spaziale, i leader della Shimizu Corporation hanno riproposto il progetto, dichiarando di aver acquisito nuovi sostenitori negli ultimi anni. La società giapponese ha spiegato:

Il passaggio dall’uso parsimonioso di risorse limitate all’uso illimitato di energia pulita, è il sogno di tutta l’umanità. Il nostro concetto di Anello lunare può tradurre questo sogno in realtà, grazie alle idee innovative che lo guidano e alle attuali tecnologie spaziali avanzate.

L’Anello lunare avvolgerebbe il nostro satellite in un fascio di pannelli solari largo 20 chilometri e lungo 11 mila chilometri: grazie a microonde e raggi laser, l’energia proveniente dalla luce del Sole potrebbe essere spedita direttamente sulla Terra. L’installazione dei pannelli dovrebbe avvenire tramite robot altamente sofisticati, che la stessa Shimizu si incaricherebbe di ideare e costruire:

L’energia solare è l’ultima fonte di energia verde che porta propseità alla natura e alle nostre vite, ed è praticamente inesauribile. L’Anello lunare che proponiamo converrebbe non solo all’umanità, ma a tutto il pianeta.

Oggi come nel 2010, l’idea giapponese sembra tanto affascinante quanto irrealizzabile: a 41 anni dall’ultimo sbarco lunare, la ricerca nello spazio è quasi morta. Il bisogno incessante di energie alternative per le nostre attività sulla Terra potrebbe però anche risvegliare l’antica curiosità dell’uomo per i viaggi nell’universo.

Seguici anche sui canali social