Greenstyle Casa & Giardino Casa Fai da te Abbronzante fai da te, come prepararlo in casa

Abbronzante fai da te, come prepararlo in casa

Abbronzante fai da te, come prepararlo in casa

Fonte immagine: Pixabay

È tempo di preparare borse e accessori per le prossime vacanze, è giunto il momento di selezionare con cura ciò che verrà stipato nelle valigie senza dimenticare le protezioni solari più importanti. Ma principalmente senza dimenticare i prodotti per favorire e velocizzare una sana e corretta abbronzatura, magari lozioni e creme prodotte personalmente da abbinare ai rimedi più classici. Articoli da utilizzare con la giusta schermatura dai raggi solari, un olio abbronzante fai da te, ma del tutto benefico.

Bandita come sempre l’improvvisazione, che potrebbe arrecare danni alla salute della pelle favorendo scottature e anche bruciature. I caldi raggi del sole sono una vera ricarica di energia e di vitamina D, ma se gestiti in modo sbagliato possono incidere sul benessere personale. Meglio agire con attenzione, procurando ingredienti utili e adeguati per creare unguenti validi che preservino la struttura cutanea. Vediamo insieme come fare.

Come preparare la pelle a una corretta esposizione

in riva al mare

Prima di creare e preparare unguenti e lozioni abbronzanti fai da te è importante preparare la pelle, così che riceva la giusta dose di raggi solari. Per una corretta esposizione è necessario eliminare la cute morta grazie all’impiego di scrub naturali, un’azione decisa, ma mai aggressiva che possa detergere, lisciare e preparare.

L’epidermide affronta un ciclo vitale di circa ventotto giorni, in particolare per quanto riguarda le pelli più giovani. Un percorso che si allunga con quelle più mature che affrontano più lentamente il rinnovamento stesso.

Un percorso che subisce anche le cattive abitudini date da uno stile di vita sbagliato, ma anche da una scorretta esposizione solare. Inoltre con il tempo la riduzione ormonale rende la cute più fragile e sottile, con meccanismi di difesa più blandi contro l’azione dei raggi UV. Per questo motivo l’esposizione al sole deve avvenire in modo corretto, prevedendo una fase di preparazione casalinga agevolata da un buono scrub così da rimuovere l’epitelio secco e morto.

Abbinata a uno stile di vita e alimentare sano, a una buona idratazione utile a dissetare la pelle stessa e all’impiego di creme nutrienti necessarie per preservare la naturale morbidezza ed elasticità. L’esposizione al sole deve prevedere l’impiego di creme protettive adatte alla propria tipologia di pelle, senza dannosi e pericolosi fai da te.

Per questo è necessario chiedere supporto agli esperti del mestiere quali farmacie, erboristerie e anche dermatologi in particolare se la cute appare molto delicata e facile alle scottature.

Unguenti e olio abbronzante fai da te, qualche idea

mare

L’impiego degli abbronzanti realizzati in casa deve risultare successiva a una serie di esposizioni alla luce solare, fasi di preparazione utili a creare uno strato uniforme di abbronzatura. Sempre con l’impiego di creme protettive perfette per migliorare la condizione cutanea evitando scottature sullo strato più esterno della cute, ovvero l’epidermide.

Si potrà agire con l’olio abbronzante fai da te appena la melanina si sarà attivata correttamente e la pelle avrà ottenuto un primo strato di colorazione uniforme. Ecco qualche idea facile da realizzare tra le mura di casa, prodotti principalmente adatti per pelli già dorate o carnagioni più scure.

Olio alla carota come abbronzante naturale fai da te

carote

Facile, rapido da creare e molto efficace, basta lavare e sbucciare due carote che andrete a grattugiare con cura, versandole poi in un barattolo di vetro sterilizzato dove aggiungerete due bicchieri di olio di semi di girasole. Meglio se biologico e ricavato da spremitura a freddo.

Basta mescolare accuratamente il tutto chiudendo il barattolo in modo ermetico, lasciando riposare per dieci giorni in un luogo asciutto e al buio. Magari un ripostiglio della casa o una dispensa, per poi filtrarlo quando avrà guadagnato un colorito arancione molto intenso, versandolo in un contenitore spray da vaporizzare in spiaggia.

Abbronzante naturale: olio al cocco

olio di cocco

Una valida e profumata all’alternativa potrebbe essere l’olio abbronzante al cocco, che si può preparare mescolando in un barattolo di vetro sterile due cucchiai abbondanti di olio di cocco, un bicchiere di olio di sesamo e due cucchiai di burro di cacao naturale. Si mescola con attenzione e si utilizza all’occorrenza spalmando il tutto con cura e in modo uniforme su tutta la cute.

Olio e limone

limone

Per abbronzarsi con l’olio d’oliva e potenziare il colore, mescolate in un barattolo di vetro sterile il suco di un limone e mezzo con mezzo bicchiere di olio EVO. Mixate con cura con l’aiuto di un cucchiaio di legno o di un pennello pulito, per poi stendere il tutto delicatamente sulla pelle.

Abbronzante fai da te: conservazione e consigli

Abbronzante fai da te per le gambe

Anche la birra è un accelerante interessante in grado di sollecitare la produzione di melanina, ma come anticipato non può sostituire la protezione ma solo velocizzare la doratura della pelle. Un’idea sicuramente economica e utile per riciclare gli avanzi da frigorifero, da versare in un flacone pulito con acqua e da utilizzare in spiaggia con il vaporizzatore. Un abbronzate fai da te ha una durata molto limitata, massimo due mesi, meglio conservarli all’interno di barattoli di vetro scuro e al riparo dalla luce.

Consigli utili per preservare l’abbronzatura

abbronzante fai da te e alimentazione

La colorazione della pelle risulterà più uniforme grazie all’impiego di un abbronzante fai da te casalingo e naturale, ma ciò che conta è la corretta applicazione grazie all’impiego di creme protettive e schermi solari. Da soli non possono proteggere la cute da scottature e bruciature, inoltre l’abbronzatura migliora grazie all’idratazione personale.

Non solo acqua, che non deve mai mancare, ma anche prodotti e cibi nutrienti e dissetanti, alimenti ricchi di beta-carotene, vitamina A, E e C. E se la pelle si scotta meglio idratarla con creme lenitive, oppure preparare una polpa morbida frullando qualche fetta di melone senza buccia. Filtrando con un colino e mescolando il tutto con cucchiaino di argilla verde ventilata, applicando con delicatezza sulle parti interessate.

I metodi per ottenere creme, spray e unguenti abbronzanti e naturali possono essere tanti, come anticipato l’improvvisazione è nemica della salute. Per questo è importante chiedere sempre consiglio agli esperti di settore, che potranno suggerire anche ingredienti alternativi, ma sempre utili per rimedi naturali dal valido risultato finale.

Come sempre l’esposizione diretta ai raggi del sole deve prevedere la presenza di un cappello che protegga la testa, di tanta acqua per recuperare l’idratazione persa attraverso il sudore e di un ombrellone dove ripararsi evitando le ore più calde.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare