• GreenStyle
  • Pets
  • “Liberate gli orsi”, Brigitte Bardot attacca la Provincia di Trento

“Liberate gli orsi”, Brigitte Bardot attacca la Provincia di Trento

“Liberate gli orsi”, Brigitte Bardot attacca la Provincia di Trento

Fonte immagine: MGM via Wikimedia

Brigitte Bardot chiede l'immediata liberazione degli orsi rinchiusi al Casteller, in provincia di Trento: le risponde il governatore.

Brigitte Bardot scende nuovamente in campo per la difesa degli animali, questa volta schierandosi in favore degli orsi del Trentino. L’icona degli anni ’60 è da anni una convinta animalista e più volte si è lanciata in campagne di sensibilizzazione per la protezione dell’ambiente. L’attrice ha quindi voluto inoltrare una lettera alla Provincia Autonoma di Trento, chiedendo l’immediata liberazione dei plantigradi rinchiusi nel centro del Casteller.

La questione degli orsi in Trentino ormai da mesi catalizza la cronaca ambientale, tanto che più volte sul tema è intervenuto anche il Ministro dell’Ambiente Sergio Costa, auspicando il ritorno in natura di tutti gli esemplari oggi rinchiusi.

Brigitte Bardot e gli orsi

Come già anticipato, la lettera è stata inoltrata da Brigitte Bardot alla Provincia Autonoma di Trento, per chiedere l’immediata liberazione degli orsi presenti al Casteller. In particolare M49, l’ormai noto orso Papillon, ma anche il giovane M57 e l’orsa DJ3. Ancora, l’attrice ha chiesto clemenza per JJ4, la femmina che quest’estate ha aggredito due escursionisti forse poiché spaventata di possibili pericoli per i suoi cuccioli.

Il Fatto Quotidiano ha riportato alcuni degli stralci della missiva dell’icona anni ’60, la quale ha avuto parole dure per la gestione dei plantigradi:

Non solo quello che state facendo a questi orsi innocenti è una disumanità abietta, ma anche un’appropriazione indebita di fondi europei. […] Non sopporto che questo Paese di gioia di vivere e libertà possa comportarsi così selvaggiamente nei confronti di animali considerati jihadisti e rinchiusi in bunker di vergogna, con numeri degni di gulag.

Brigitte Bardot ha anche sottolineato di essere pronta a generare uno “scandalo globale” se la sorte degli orsi non dovesse cambiare. All’attrice ha però risposto il governatore Maurizio Fugatti:

Brigitte Bardot ama gli orsi? Bene, la invitiamo a venirci a trovare in Trentino. Qui ne abbiamo tanti. […] Anche noi amiamo la natura e gli animali, il nostro territorio è un esempio internazionale da questo punto di vista. Non dimentichiamo tuttavia che gli orsi problematici annoverano ormai molte vittime tra gli animali che rappresentano il sostentamento dell’agricoltura e della zootecnia di montagna.

Fonte: Il Fatto Quotidiano

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle