Greenstyle Sostenibilità Consumi Inghilterra: il 90% dell’elettricità arriverà da fonti rinnovabili

Inghilterra: il 90% dell’elettricità arriverà da fonti rinnovabili

Secondo un report del WWF la Gran Bretagna potrebbe riuscire a produrre entro il 2030 fino al 90% di energia dalle fonti rinnovabili

Inghilterra: il 90% dell’elettricità arriverà da fonti rinnovabili

Secondo un report stilato recentemente dal WWF, a partire dal 2030 le rinnovabili potrebbero essere la fonte principale di energia di cui si servirà il Regno Unito. Lo studio ipotizza risultati davvero eccezionali: si potrebbe riuscire a generare dal 60% al 90% di elettricità da vento, sole, mare e altre fonti pulite, senza alcuna necessità di utilizzare energia nucleare.

Il WWF ci tiene però a sottolineare che l’obiettivo è raggiungibile solo a patto che il paese faccia un serio piano di investimenti, in particolare riguardo a efficienza energetica e  infrastrutture. Lo studio spiega inoltre come lo sviluppo energetico sostenibile in Gran Bretagna sia prima di tutto una questione di volontà politica. Attualmente in tutto il paese è molto viva l’attenzione sulle questioni “green” dato anche il problema dei prezzi dell’energia. Le famiglie non sono certo contente di sapere che nel 2020, se non si prenderanno provvedimenti, è previsto un +4% sulle bollette.

Questo report è ambizioso, ma anche interamente realistico. Dimostra che un futuro energetico pulito e rinnovabile è davvero alla nostra portata – ha dichiarato David Nussbaum, direttore generale di WWF-UK – Il mancato impegno verso un futuro basato sulle rinnovabili ci lascerebbe di fronte alla prospettiva di un pericoloso cambiamento climatico e di alti prezzi dell’energia.

I benefici di questo cambiamento radicale nell’apporto energetico, sempre secondo il rapporto, non sarebbero solo ambientali. Con lo sviluppo delle energie rinnovabili si verrebbero infatti a creare centinaia di migliaia di nuovi posti di lavoro e si assicurerebbe una crescita economica a tutto il paese. Cosa non da poco visto il momento difficile che sta vivendo l’intero pianeta.

Investire nelle energie pulite ci offre un mezzo per affrontare i due più importanti fallimenti del mercato che ora il mondo si trova a fronteggiare: la crisi finanziaria e il cambiamento climatico – ha sottolineato Nussbaum – L’unica domanda che rimane è, abbiamo davvero il coraggio di fare questa scelta?.

Giriamo a voi il quesito: la sfida energetica del Regno Unito proposta dal WWF è troppo ambiziosa?

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Il 2023 anno da record per l’eolico ma Europa lontana dagli obiettivi 2030
Energia

L’UE ha costruito nuovi parchi eolici nel 2023, ma gli obiettivi europei fissati per il 2030 sono lontani. Il 2022 è stato un anno di crisi per quanto riguarda gli investimenti del settore, eppure la ripresa attuale lascia sperare. In un rapporto annuale, WindEurope ha infatti descritto il 2023 come un anno di miglioramenti significativi in aree chiave del ramo dell’energia eolica.