Greenstyle Casa & Giardino Orto & giardino Piante Gaillardia: coltivazione e cura

Gaillardia: coltivazione e cura

La Gaillarda è una pianta fiorita che regala sfumature di eccezionale bellezza. Anche nota con il nome di blanket flower (coperta di fiori), questa cespugliosa è un membro della stessa famiglia dei girasoli, ed è facile da coltivare, oltre che incredibilmente decorativa.

Gaillardia: coltivazione e cura

Fonte immagine: Pixabay

Con i suoi grandi fiori simili a variopinte margherite, la Gaillardia è una pianta perfetta per decorare giardini, aiuole e balconi, ma quali saranno i segreti per la coltivazione e la cura in vaso e in giardino? La Gaillardia è una piccola opera d’arte della natura. La pianta è nota anche con il nome di blanket flower (coperta di fiori), e si caratterizza con fiori dai colori vivaci e dalle forme suggestive.

Questa pianta fa parte della grande famiglia delle Asteraceae, ed è quindi imparentata con i festosi girasoli.

Al genere Gaillardia appartengono piante erbacee annuali o perenni, provenienti perlopiù dal Nord America (soprattutto dalle aree desertiche) e dall’Argentina. Il nome “Gaillardia” le è attribuito in onore del naturalista francese Antoine Rene Gaillard de Charentoneau.

Se anche tu vuoi arricchire le tue aiuole o il balcone con la Gaillardia, continua la lettura per scoprire come prendertene cura e i segreti per una coltivazione da “10 e lode”.

Gaillardia: le caratteristiche della pianta da fiore

gaillardia Sundance Bicolor
Fonte: Pixabay

Prima di dedicarci al giardinaggio, scopriamo quali sono le caratteristiche di questa deliziosa pianta da fiore. A seconda delle diverse varietà, la pianta può avere un’altezza che va dai 10 ai 70 cm. Le foglie sono solitamente allungate, dalla forma ellittica o lanceolata, ma ciò che conquista di questo vegetale è senz’altro la sua festosa fioritura.

La gaillardia si colora infatti di fiori dalle sfumature brillanti, con colorazioni singole o doppie che vanno dal rosso brillante all’arancio, dal color pesca al giallo, fino al rosso profondo. Una caratteristica del fiore è anche la sua suddivisione in tre o più denti, che ne conferiscono un aspetto leggermente sfrangiato.

Al momento sono note circa una trentina di specie appartenenti a questo genere. Fra le più note, spiccano la Gaillardia aristata, originaria delle praterie del Nord America, la Gaillardia pulchella e la Gaillardia x grandiflora. Di quest’ultima varietà, la più graziosa è senz’altro la Sundance Bicolor, cultivar caratterizzata da fiori globiformi e doppi.

Quando fiorisce la Gaillardia?

I fiori della Gaillardia sbocciano perlopiù durante l’estate, nei mesi che vanno da Giugno fino a Settembre. L’effetto ottenuto grazie a questa cespugliosa è senz’altro accattivante. Le gaillardie possono dar vita a veri e propri tappeti di fiori, e lo spettacolo sarà ancor più bello se abbineremo piante diverse, come delle margherite o la splendida Susanna dagli occhi neri (Thunbergia Alata).

Questa varietà è inoltre ideale per fare un regalo ad amici o parenti. La gaillardia viene infatti impiegata per realizzare variopinti mazzi di fiori dal significato positivo. Essa simboleggia infatti la gioia di stare insieme e l’amore duraturo. Un ulteriore punto a favore: con i suoi bei fiori profumati, la pianta attira farfalle, api e piccoli uccellini, che verranno a farti visita in giardino.

Gaillardia: coltivazione e cura della pianta

gaillardia fiore
Fonte: Pixabay

Scopriamo ora come coltivare la Gaillardia: quanta acqua fornire e quale sarà la location ideale per questo piccolo capolavoro di Madre natura? Per prima cosa, un’ottima notizia: sebbene prediliga climi molto caldi, questa pianta è in grado di adattarsi alle diverse temperature, il che la rende una scelta ideale per decorare giardini e balconi da Nord a Sud.

Vediamo quali sono i consigli per una perfetta coltivazione.

Terriccio ideale

Il terriccio più adatto per la Gaillardia dovrebbe essere ben drenante e moderatamente fertile, ricco di sostanza organica e con un pH neutro.

Esposizione

L’esposizione della pianta gaillardia dovrebbe essere in pieno sole, ma puoi coltivarla anche in zone a mezz’ombra. In tal caso, però, la pianta potrebbe non produrre molti fiori.

Se intendi coltivare la gaillardia all’aperto, durante il periodo invernale sarà utile realizzare uno strato di pacciamatura per proteggerla dal freddo gelido.

Quando seminare la Gaillardia?

Puoi spargere i semi di gaillardia nel periodo che va da giugno ad agosto. Abbi cura di seminare il terreno lasciando uno spazio di circa 30-40 cm tra una piantina e l’altra. Non interrare i semi, ma compattali semplicemente sul terreno umido.

blanket flowers
Fonte: Pixabay

Irrigazioni

Quanta acqua dare alla gaillardia? Per la gioia dei meno attenti, la pianta non necessita di troppe irrigazioni. Per non correre il rischio di esagerare con le innaffiature, ti basterà irrigare una volta a settimana, controllando prima che il terreno sia del tutto asciutto.

Concimazione e potatura

In realtà, la gaillardia non richiede particolari o frequenti concimazioni. In fase di messa a dimora o durante il rinvaso, potresti però versare un concime granulare a lento rilascio per piante da fiore. Questa pianta non necessita neanche di grandi potature. Ti basterà eliminare foglie e fiori secchi quando necessario, per favorire nuove fioriture.

Fonti

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Pungitopo: la coltivazione della pianta invernale
Giardinaggio

Il pungitopo è una delle piante ornamentali e invernali più diffuse, poiché viene scelto per creare splendide decorazioni natalizie. Tuttavia spesso viene confuso con l’agrifoglio e, fatto non meno importante, non sempre è possibile raccoglierlo in natura: in diverse Regioni questa pratica è infatti vietata. Tuttavia, il pungitopo può essere anche facilmente coltivato: si tratta infatti di una pianta adattabile e resistente al freddo.