Greenstyle Sostenibilità Energia Cos’è e come funziona l’energia geotermica

Cos’è e come funziona l’energia geotermica

La Geotermia è una materia affascinante, che può avere molti risvolti e applicazioni nel mondo reale. Ma esattamente cos'è e come funziona l'energia geotermica? Questa forma di energia rinnovabile e inesauribile viene ricavata sfruttando il calore della Terra, e può offrire notevoli vantaggi.

Cos’è e come funziona l’energia geotermica

Fonte immagine: Pixabay

Nel grande quadro delle energie rinnovabili e alternative, quella che deriva dal calore naturale contenuto all’interno della Terra è una delle più note e affascinanti. Per essere esatti, stiamo parlando della cosiddetta “energia geotermica“, ma sai come funziona e in quali ambiti viene attualmente impiegata?

Con il termine “geotermico” si intende un tipo di energia rinnovabile, che viene ricavata direttamente dal calore che arriva dalle profondità della Terra. Essa deriva infatti da fonti geologiche presenti nel sottosuolo.

Da un punto di vista etimologico, non a caso, la parola “geotermico” deriva dal greco “geō” (Terra), e “thermós” (caldo/calore). In poche parole, dunque, si tratta di un’energia termica che proviene dai profondi strati della crosta terrestre, e che almeno in potenza potrebbe soddisfare il fabbisogno di tutti i Paesi del mondo.

Ma come funziona l’energia geotermica? Cerchiamo di fare chiarezza in merito a questo tipo di energia sostenibile e vediamo perché non viene impiegata in modo diffuso come ci si aspetterebbe.

Come funziona l’energia geotermica?

Sappiamo adesso che nel sottosuolo vi è molto calore, e che è possibile sfruttare questo calore per produrre energia inesauribile e sostenibile. Ma in che modo?

Il calore della Terra viene trasportato in superficie mediante un apposito vettore – acqua calda o vapore – scorrendo attraverso delle sonde geotermiche, che vengono inserite nel terreno. Nelle cosiddette “centrali geotermiche“, il calore prodotto dalla Terra viene impiegato per dar vita a una forma di energia elettrica alternativa e rinnovabile.

In realtà, però, l’energia termica può essere sfruttata anche attraverso dei vettori naturali, che giungono in modo spontaneo in superficie sotto forma, ad esempio, di Geyser e sorgenti termali.

Dove è diffusa l’energia geotermica?

Geograficamente parlando, in Italia l’energia geotermica è sfruttata soprattutto nella Regione Toscana e nella città di Ferrara, dove viene impiegata per il teleriscaldamento della città.

A livello globale, invece, i Paesi che sfruttano maggiormente la geotermia sono quelli in cui si registrano condizioni geologiche più favorevoli (ad esempio nelle zone vulcaniche), come ad esempio Islanda, Nuova Zelanda, Stati Uniti, Canada, Giappone, Svezia, Germania, Norvegia, Cina e altre Nazioni.

Energia geotermica: utilizzo e applicazioni

impianto energia geotermica
Fonte: Pixabay

Ma a conti fatti, a cosa serve l’energia geotermica? In realtà, questa forma di energia può essere applicata in molteplici ambiti. La tecnologia permette infatti di ottenere sia energia elettrica (le centrali geotermiche possono convertire il calore in elettricità) che calore, per cui il geotermico può essere facilmente impiegato in vari settori:

  • Energia geotermica domestica: grazie a questa forma di energia, è possibile climatizzare gli ambienti, riscaldando e rinfrescando gli edifici tutto l’anno
  • Riscaldare impianti balneari, terme e piscine
  • Processi industriali
  • Desalinizzare l’acqua mediante geotermia
  • Produrre energia e calore per applicazioni agricole (riscaldamento delle serre), acquacoltura e attività ittiche.

Vantaggi e svantaggi dell’energia geotermica

Fra i vantaggi dell’energia geotermica, rientra senz’altro la presenza costante di questa fonte energetica, che non dipende dalle condizioni climatiche. Di conseguenza, possiamo ottenere energia in modo costante e regolare 365 giorni d’anno.

Inoltre, quella geotermica è considerata un’energia sostenibile, pulita (le sonde geotermiche non inquinano) e rinnovabile.

Per tutte queste ragioni, la diffusione e gli utilizzi della geotermica sembrano destinati ad espandersi e ampliarsi nei prossimi anni. Ma allora, per quale motivo fino ad ora l’energia geotermica non è ancora stata sfruttata adeguatamente?

Svantaggi da considerare

Prima di poter giungere a questo traguardo, bisognerà affrontare e risolvere alcune criticità. Queste riguardano perlopiù i costi iniziali senz’altro elevati (investire nel geotermico richiede degli investimenti più elevati rispetto a quelli necessari per altre forme di energia), i tempi di realizzazione prolungati , il  potenziale impatto ambientale e la dipendenza dalle risorse locali.

Per poter produrre energia geotermica, infatti, bisogna considerare l’effettiva presenza di risorse in una determinata area, stabilire il potenziale energetico del sottosuolo (potenziale geotermico) e individuare quelle aree che presentano condizioni maggiormente favorevoli.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Fotovoltaico condomini: come funziona e conviene?
Consumi

Il fotovoltaico per condomini è sempre più richiesto: anche i complessi più popolati vogliono approfittare di questa risorsa ecologica, per autoprodurre energia e tagliare i costi in bolletta. Ma quando può essere installato un impianto fotovoltaico, quali autorizzazioni si devono avere e come va gestito il rapporto fra tutti i condomini? E, ancora, si tratta di un investimento sufficientemente conveniente per le famiglie che abitano il palazzo?