E-Cat greco: Defkalion venderà l’Hyperion da luglio 2012

E-Cat greco: Defkalion venderà l’Hyperion da luglio 2012

E-Cat greco: Defkalion apre le porte ad un misterioso visitatore che racconta cosa ha visto. Gli Hyperion in commercio già questo luglio.

Dopo la chiusura del forum di Defkalion Green Technologies, decisa a fine febbraio per mantenere la riservatezza sul progetto, per avere informazioni sull’E-Cat greco bisogna andare a cercarle su altri siti. L’ultima proviene dal forum di Chris Martenson, giornalista scientifico che si occupa di energia, finanza e ambiente.

Su questo forum è apparso un messaggio di un utente che si fa chiamare “woomera” e afferma di essere stato ad Atene e di aver visitato l’impianto dove si producono gli Hyperion, oltre ad aver parlato con i dirigenti dell’azienda che hanno fornito molte informazioni sul prodotto. Come quella sulla sua commercializzazione, che dovrebbe iniziare già a luglio di quest’anno. Scrive woomera:

Mi hanno detto che inizieranno a vendere il loro impianto LENR da questo luglio. Mi hanno fatto vedere il loro prototipo di sviluppo che si accende semplicemente con uno switch. E si spegne con lo stesso switch. Hanno uno modello che funziona a 250 gradi centigradi e possono farlo andare oltre i 350 gradi, ma hanno bisogno di qualcosa di più dell’attuale fluido che usano.

L’accenno all’interruttore di accensione e spegnimento non è casuale perché, sempre secondo quanto avrebbero detto quelli di Defkalion al misterioso woomera, l’E-Cat di Andrea Rossi avrebbe grossi problemi a spegnersi:

Rossi ha il problema dello spegnimento dell’E-Cat. Rossi è una “one-man-band”, mentre Defkalion ha 27 scienziati a disposizione.

Il resoconto continua con l’accenno ad una visita già effettuata dalla NASA e agli investimenti necessari a sviluppare l’Hyperion. Secondo woomera Defkalion vuole solo grandi investitori e ha già molti produttori OEM all’estero, che utilizzano i componenti originali per costruire su licenza gli Hyperion.

Altra cosa molto importante: Defkalion avrebbe già tutti i certificati europei necessari per vendere il prodotto. Che sono validi per tutti i mercati del mondo, tranne per quello americano che richiede certificati USA specifici.

Seguici anche sui canali social